giovedì, Agosto 22, 2019
Home > Economia > Orari liberi: per i fornai costi in forte crescita

Orari liberi: per i fornai costi in forte crescita

“Prima la legge Bersani del 2006, con la quale siamo stati tra le prime categorie colpite dalle liberalizzazioni e adesso il decreto del governo Monti che dà mano libera alle aperture senza limiti di tempo”. Claudia Giusto, presidente dell’Associazione panificatori di Savona, che riunisce oltre 160 associati, esprime il sentimento di buona parte dei suoi colleghi che si trovano ad avere a che fare con un ulteriore passo avanti di quel “liberi tutti” intrapreso anni fa. Prima con l’abolizione della legge 1200/1956 tramite il Decreto Bersani che cancellava di fatto la “licenza”, poi il provvedimento del governo Monti che fa cadere tutti i vincoli di chiusura festiva e domenicale, già abbozzati con il decreto legislativo 114 del 1998 che disciplinava il settore del commercio lasciando un certo margine di discrezionalità ai Comuni.

“Una decisione che penalizza un po’ tutti, che non ci sta bene ma che ci vede rassegnati – dice Giusto –. Però se le imprese a conduzione familiare sono in un certo senso più agevolate nelle aperture domenicali o festive, per chi ha del personale i costi di gestione salgono alle stelle perché per i fornai si tratta di lavoro notturno in giorni festivi, molto più oneroso degli orari consueti. Il decreto Bersani ha fatto in modo che chiunque, anche persone con poca esperienza, si mettessero a fare pane, tanto che oggi non sappiamo esattamente quanti siano i panificatori in provincia”
“E come se non bastasse – prosegue – stiamo ancora aspettando il regolamento che doveva essere emanato con il decreto Bersani per avere una distinzione tra pane fresco e pane conservato, come la baguette che viene venduta dalla grande distribuzione e che spesso arriva addirittura dall’Est Europa. E’ pane prodotto altrove,congelato e poi passato nei forni della grande distribuzione così che sembra appena sfornato, senza indicazione di provenienza. Ma questo la gente non lo sa”. Il riconoscimento della dicitura “pane fresco” per differenziarlo da quello conservato è una vecchia battaglia di tutte le associazioni di panificatori; il regolamento attuativo non è mai stato emanato, creando confusione tra i consumatori. Stando alla stima della Federazione italiana panificatori solo il 10% del pane venduto nella grande distribuzione sarebbe fresco. In questi giorni il parlamentare europeo Mario Borghezio ha presentato un’interrogazione alla Commissione Europea sul pane venduto con un’indicazione generica che indica soltanto il luogo di cottura o confezionamento del prodotto senza segnalarne il luogo di produzione. “Quella del pane non controllato proveniente dall’Est è un problema che si sa da tempo – conclude Giusto – ma nessuno fino ad ora ha fatto niente. Speriamo che le cose cambino e che ci sia maggiore tutela per i panificatori che fanno il loro lavoro seguendo le regole e garantendo la qualità del prodotto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *