domenica, Marzo 24, 2019
Home > Politica > Oscar Luigi Scalfaro: lutto per la politica italiana

Oscar Luigi Scalfaro: lutto per la politica italiana


di - 30 Gennaio 2012, 9:50

Si è spento nella sua casa, all’età di 93 anni, Oscar Luigi Scalfaro, presidente della repubblica Italiana dal 1992 al 1999 ( il nono in ordine di successione). Ma la sua sua figura va ben oltre il semplice elenco di cariche amministrative ricoperte: fu infatti un vero e proprio “homo novus” della politica italiana, difensore della costituzione e fermo difensore dei valori dello stato. Sin dai suoi esordi in politica, successivi alla professione di magistrato, fu fermo sostenitore delle sue idee: antifascista ed anticomunista appese infatti la toga al chiodo nel 1946 per candidarsi nelle fila della Democrazia Cristiana e fu eletto tra i più giovani al gruppo incaricato di redigere la nuova Carta Costituzionale.

Come presidente della repubblica, invece, basterà ricordarlo per il suo impegno a difendere i valori civili e costituzionali, in un’ Italia di primi anni novanta violenta e per certi versi “allo sbaraglio” non si fece scrupoli ad apparire in televisione a reti unificate per dire “ No, non ci sto” e definì “gioco al massacro” lo scandalo dell’inchiesta tangentopoli contro la corruzione in cui stava annegando la classe politica.
Pur definendosi inizialmente “non adatto a quel mestiere” in un suo libro col senno di poi defìnì la politica stessa non come una professione ma come un vero e proprio bisogno quasi fisiologico come può essere dormire o mangiare, quasi volesse attualizzare la concezione platonica del governo come servizio reso agli altri.
Su personaggi di simile calibro le opinioni possono essere diverse e talvolta discordanti ma proprio per il loro spessore il cordoglio viene espresso anche da personaggi come Giorgio Napolitano, suo avversario politicamente ma suo collega nel portare avanti le proprie convinzioni, forse sarà perchè la politica di oggi è cambiata o forse perchè i politici dei “bei vecchi tempi andati” erano più rispettosi l’uno dell’altro ma di fronte ad un simile lutto non si esprime l’opinione ma ci si toglie il cappello in segno di rispetto.

Michele Alluigi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *