Attualità

Ospedale di Cairo: pomo – occasionale – della discordia

ospedale san giuseppe cairo montenotte

Scambio di dichiarazioni polemiche,oltre a considerazioni sulla sanità regionale,fra Ardenti – Lega – e Partito Democratico. Al centro della contesa la riapertura dell’Ospedale San Giuseppe di Cairo Montenotte. Il vice capogruppo regionale Paolo Ardenti (Lega), nell’annunciare oggi il riavvio delle strutture sanitarie così si esprime:
“Come per l’ospedale di Cairo Montenotte, la riapertura di tutti i servizi e il ritorno alla normalità in tutte le strutture del territorio è una priorità per Regione Liguria e in particolare per l’assessore alla Sanità Sonia Viale e tutti i direttori generali delle Asl, che ringrazio per il corretto e proficuo lavoro svolto durante la fase 1 e in questa fase 2 dell’emergenza coronavirus”.
“Abbiamo dato il via agli ambulatori ripartiranno le operazioni chirurgiche programmate e riapriranno anche i punti di primo intervento.
Pensare di dare date certe in una situazione ancora incerta sarebbe piuttosto poco credibile.
Massimo impegno e tanto lavoro per farlo nei tempi più celeri, ma mettere sotto pressione i nostri sindaci con la malafede di chi va a raccontare che l’ospedale di Cairo Montenotte non ritornerà ad avere i servizi di prima è quanto di peggio possa esprimere la politica e purtroppo, in tal senso, alcuni esponenti del Pd Valbormidese sono i primi responsabili delle difficoltà che i primi cittadini della nostra valle stanno affrontando in questi giorni.
In questa situazione non bisogna creare tensioni e ulteriori problemi, ma occorre buonsenso e soprattutto serietà.
Personalmente, non farò mai nessuna pressione politica per aprire un reparto dell’ospedale di Cairo Montenotte qualche giorno prima, mettendo a rischio operatori e pazienti, solo per poter guadagnare qualche voto in più”.

La risposta del Coordinamento PD Val Bormida e della Federazione provinciale PDnon si fa’attendere, tramite apposita nota ufficiale,del seguente tenore: “Le dichiarazioni rilasciate agli organi di stampa da parte del consigliere regionale della Lega Ardenti sono al limite del surreale: secondo lui, riguardo al tema della sanità in Val Bormida, alcuni esponenti del PD valbormidese sono i primi responsabili delle difficoltà che i primi cittadini della nostra valle stanno affrontando in questi giorni’. Un consigliere regionale del partito che gestisce direttamente l’assessorato alla Sanità accusa gli esponenti dell’opposizione di aver creato i problemi che sono sotto gli occhi di tutti! Crediamo che l’affermazione si commenti da sola.
Il consigliere regionale Mauro Righello e il Partito Democratico della Val Bormida hanno semplicemente fatto il proprio dovere, cioè segnalare criticità e problemi e proporre soluzioni e inversioni di rotta, laddove si riteneva che la rotta fosse quella sbagliata, trovando consensi anche presso associazioni di cittadini del tutto apolitiche e amministrazioni comunali di diversi orientamenti. Senza alcun intento polemico fine a se stesso ma con la forza delle idee, intendiamo continuare a ribadire due questioni centrali per la sanità: il no alla privatizzazione degli ospedali (i fatti degli ultimi mesi, purtroppo, si sono incaricati di dimostrare che quella del ‘privato che arriva e risolve i problemi’ è soltanto una favola) e il sì a un forte potenziamento dei servizi territoriali, che in questi anni sono stati abbandonati a se stessi. Noi crediamo che rivendicare il diritto dei cittadini a una sanità pubblica e vicina al territorio non voglia dire ‘creare problemi’, ma al contrario affrontarli e provare a risolverli”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: