lunedì, Dicembre 16, 2019
Home > Cultura e Musica > Ottava Rassegna Fotografica dell’Immagine di Mare

Ottava Rassegna Fotografica dell’Immagine di Mare

Ottava Rassegna dell’Immagine di Mare da sabato al 20 ottobre 2013 alla Fortezza di Castelfranco a Finale Ligure (inaugurazione sabato alle ore 18). Le immagini della mostra sono il frutto del laboratorio di fotografia, promosso dal Comune, dalla Fondazione De Mari e dall’Associazione Culturale Frammenti, che si è svolto dal 1° luglio al 20 agosto a Finale Ligure. I partecipanti (Katrin Mamberto, Pierluigi Schiappapietre, Michela Tarchetti, Valeria Damonte, Lorenzo Gassa, Alessandra Cavalleri, Cesare Argento, Maria Isopo, Pietro del Lungo, Andrea Vassallo, Vittoria Panerai, Federica Monzini, Ruggero Bruno) presentano a Castelfranco immagini che ritraggono gozzi abbandonati, bagnanti sulla spiaggia, uno degli ultimi maestri d’ascia della provincia di Savona, chiese, cappelle e luoghi di culto che testimoniano il legame fra la religione e il mare, le foci dei torrenti, gli scheletri industriali degli ex Cantieri Navali di Pietra Ligure, il “culto” dell’aperitivo nelle serate estive, la gioia di bagnarsi quando la temperatura sale, il lavoro dei bagnini all’alba sulle spiagge e la spensieratezza delle vacanze degli adolescenti.

E ancora: foto ispirate alla bellezza e ai proverbi locali e immagini che ritraggono oggetti a cui è stata cambiata la destinazione d’uso: un contenitore del pane che diventa una cassetta della posta, un timone un cancello di ingresso, un cerchione di automobile un supporto per la gomma dell’acqua, dei tappi di bottiglia gli elementi di una tenda. L’associazione Frammenti ha curato la didattica, l’organizzazione e la gestione dell’intero progetto. La mostra sarà visitabile fino al 20 ottobre dalle 17,30 alle 21 (chiuso il lunedì). “Ciascun partecipante al laboratorio ha contribuito con le proprie immagini ad un racconto multiplo che, nel suo insieme, rappresenta un viaggio personale dello sguardo e allo stesso tempo una ricerca sul nostro territorio di impronta sociale, documentale, geografico-ambientale ed estetica. – spiegano all’associazione Frammenti – Il laboratorio è stato realizzato anche con l’intento di cogliere la domanda crescente di formazione sull’uso consapevole degli strumenti tecnici e linguistici della fotografia che, dopo l’avvio della rivoluzione digitale, ha visto la crescita esponenziale delle persone che la impiegano, degli strumenti che la implementano e delle immagini in circolazione”.  Katrin Mamberto ha scelto un tema originale, i proverbi, partendo dalle forme dialettali tipiche della cultura locale. Il suo lavoro si pone come una ricerca visiva di contenuti linguistici che richiamano gli elementi concreti di realtà di cui il proverbio si avvale per esprimere la sua forza concettuale. Le fotografie di Katrin hanno un taglio diretto ed essenziale con il soggetto ripreso che, nella sua immediatezza formale, mostra l’idea di fondo che il proverbio intende esprimere. Pierluigi Schiappapietre ha lavorato come un ricercatore di tesori nascosti. Il valore del suo reportage sui gozzi abbandonati nelle fasce o in magazzini privati ha una duplice forza comunicativa. Il suo lavoro soddisfa in pieno ciò che la fotografia deve fare: illuminare gli angoli nascosti del mondo che non sono accessibili ai più. Michela Tarchetti nelle sue foto descrive il piacere dell’aperitivo che si consuma come una ritualità quotidiana, in particolare nelle calde serate estive. Un momento di distensione dopo il lavoro, una occasione di incontro tra amici, colleghi, partner, che si ritrovano davanti ad un drink. Le immagini di Michela mostrano i colori, i gesti e gli sguardi che fanno parte di questo culto sociale. Valeria Damonte ha assunto il ruolo della fotogiornalista ed ha documentato lo stato di degrado e l’abbandono dei cantieri navali di Pietra Ligure che da anni, dopo aver cessato l’attività, permangono come scheletri di ferro e cemento inanimati, baluardi del ricordo di un passato produttivo finito per sempre. Sono strutture industriali alla deriva e imperano sulla costa della nostra provincia intaccando il paesaggio e la capacità turistica. Lorenzo Gassa ha scelto di documentare l’attività di Franco Cattaneo, uno degli ultimi maestri d’ascia che opera nel savonese. Con sorpresa, Franco, a cui Lorenzo ha fatto visita, per la mancanza di commesse non era in attività. Un sintomo dei tempi difficili, in particolare per i mestieri artigianali legati al mare che scompaiono. Lorenzo con le sue immagini ha così lavorato sulla memoria, sui ricordi chi ha trascorso la vita a forgiare il legno con maestria ed orgoglio. Alessandra Cavalleri ha riflettuto sulla relazione tra la religione e il mare, percorrendo la linea della costa alla ricerca dei simboli della fede. Ha riportato una testimonianza della presenza dello spirito divino verso gli uomini che vanno per mare. Ha trovato chiese, cappelle di devozione, luoghi di preghiera, ma più di tutto le croci che ricordano le tragedie del mare. Le foci dei fiumi sono, invece, il campo di indagine su cui ha lavorato Cesare Argento. Il nostro territorio, permeato da monti e valli, ospita una infinita rete di torrenti che sboccano al mare, ridisegnando le loro foci ad ogni temporale. Cesare, che ha viaggiato lungo il confine tra terra e mare di mezza Liguria, ci riporta le forme, il disegno delle foci, così come le ha incontrate nel momento delle sue riprese. Maria Isopo ha lavorato sull’idea del caldo che opprime nelle torride giornate estive. Durante le ore diurne, nei momenti di maggior calore, più di tutto si cerca l’acqua. Nelle grandi città quelle della fontane, sulle coste quella del maree o delle docce sulla spiaggia. Maria con queste immagini ha mostrato i momenti i gesti, le espressioni dei volti nel sottile piacere di bagnarsi. Il turismo di massa e l’assalto alle spiagge sono stati i riferimenti di ricerca visiva di Pietro del Lungo. Con uno sguardo sugli aspetti del turismo di massa, Pietro ha realizzato un reportage sui comportamenti dei turisti. In molte immagini compare l’italiano medio che organizza tavolate sulla spiaggia, si carica di oggetti – materassini, sdraio, salvagenti dalle più strane forme – e scambia la spiaggia come un condominio. Ci porta il cane, il telefonino, la borsa frigo, piazza la propria tenda e circoscrive il proprio spazio di sabbia. Andrea Vassallo ha frequentato l’alba ed ha documentato il lavoro dei bagnini che preparano la spiaggia per i bagnanti. Le immagini mettono in evidenza la sua tecnica fotografica, il controluce come linea guida dei suoi scatti e il lavoro sui momenti salienti di questa attività mattutina con tagli e prospettive accurate. Vittoria Panerai è una ragazzina di 14 anni amante della fotografia. Con le sue immagini ha documentato la gioia di vivere dei suoi coetanei, con cui condivide il tempo estivo. Sono immagini spontanee, innocenti, divertenti e gioiose, che ci mostrano la vitalità della giovinezza e la spensieratezza delle vacanze. Federica Monzini ha scelto di lavorare su una idea originale andando alla ricerca degli oggetti a cui è stata cambiata destinazione d’uso. Un contenitore del pane diventa una cassetta della posta, un timone un cancello di ingresso, un cerchione di automobile un supporto per la gomma dell’acqua, dei tappi di bottiglia gli elementi di una tenda, una vasca da bagno un raccoglitore dell’acqua piovana, un giornale la base di una scultura di carta, due corna di bue un appendiabiti, una cesta del bucato una fioriera. Ruggero Bruno ha scattato immagini ricercando la bellezza. Un compito arduo e alto vista il rilievo che questa idea dell’uomo ha nella vita di tutte le civiltà. Con grande impegno e con un notevole lavoro organizzativo, aiutato da Laura Liù Mariuz, Bruno ha impiegato delle modelle per intercettare l’attimo in cui da un volto traspare la luce della bellezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *