martedì, Agosto 20, 2019
Home > Cultura e Musica > “Otto donne e un mistero”

“Otto donne e un mistero”

otto donne e un mistero

Sabato e domenica scorsi sono ripresi, col solito successo di pubblico, gli appuntamenti della XII Rassegna teatrale al Don Bosco di Savona. Sul palco, la compagnia “Nati da un sogno” del capoluogo che si è cimentata in una commedia difficile: “Otto donne e un mistero”, tratta dal film di François Ozon, testo di Robert Thomas. Ricorderete tutti la trama: un uomo viene assassinato e le otto donne presenti, bloccate per la nevicata, senza telefono né possibilità di uscire, hanno tutte una buona motivazione per l’omicidio.

Ecco quindi che la vita segreta della moglie ed i suoi progetti, così come quelli dell’amante, delle due figlie, della sorella, della suocera, della cognata e della cameriera, sono svelati e diventano di dominio pubblico: fuoriescono gli inganni e le menzogne che sono sempre celati per il quieto vivere borghese. Un testo difficile, dicevo, e difficile anche da rappresentare, dove gli attori ‘corrono sempre sul filo del rasoio’. Roberta Bonino (anche regista, nei panni di Augustine), Barbara Galigani (Gaby), Greca Manuzzi (Suzon), Michela Atzori (Catherine), Graziella Mottola (Pierrette), Magda Poggi (Mamy), Elisa Mocciaro (Louise) e Gianna Marrone (Chanel), hanno intrapreso questa sfida col giusto piglio che può certamente essere migliorato nel tempo. In compenso, la compagnia “Nati da un sogno” è di recente costituzione nel panorama amatoriale savonese, e dalla recitazione emerge quel trasporto e quella passione che condurrà tutto il gruppo ai massimi traguardi. Molto brava Bonino nel caratterizzare la figura della cognata Augustine e la Mottola nella scena del ‘panico’, quando chiede che non la si lasci sola.

Per il prossimo appuntamento occorre attendere sabato 28 gennaio (ore 21), e domenica 29 (ore 16): sul palco ci sarà la compagnia di casa, “La Torretta” di Savona, con una ripresentazione di “Rapina in banca”, dialettale di Lorenzo Morena (anche regista).
La famiglia di Agostino Pastorino (Morena) è “al verde” e vive in una baracca. Lui è un gran sognatore che spera di poter vivere grazie alle sue invenzioni, ma occorrono finanziamenti per iniziare… E allora, perché non rapinare una banca?
Parteciperanno tutti all’impresa: al fianco di Pastorino ci saranno la moglie Gina (Paola Rebagliati), il figlio Tonino un po’ svanito (Marco Ventura), la figlia Giuliana che presto partorirà (Fausta Zerbini, in foto), il nonno Giuseppe (Bruno Anselmo). Fra i protagonisti anche la vedova Ferrari (Marrone), Cambiaso (Mauro Roffinella), il direttore (Guido Chiappelli, in foto), due impiegati (Giulio Tassara e Mottola).
Occhio alla scena in cui entreranno nella banca, a partire dal faro puntato contro gli spettatori, fino alle fatiche per far uscire Giuliana, con il suo pancione, dal buco del pavimento: risate a crepapelle!
Un appuntamento da non perdere assolutamente. Ingressi a 7 euro (5 euro i ridotti).

Laura Sergi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *