mercoledì, Giugno 26, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Palestra comunale Zinola, gli atleti: “Sono anni che giochiamo al gelo”

Palestra comunale Zinola, gli atleti: “Sono anni che giochiamo al gelo”

Lo sapevate, amici sportivi, che la pista comunale di Zinola è al freddo completo? Lo sapevate che i giocatori e le giocatrici sono costretti ad allenarsi e giocare le partite di campionato al gelo? E magari, non sapevate nemmeno che tale impianto è in queste condizioni da ben sette anni, ovvero da quando il vecchissimo impianto di riscaldamento si è guastato. L’amministrazione comunale, pur conoscendo bene questo problema non vi ha mai posto rimedio, rinviando da un anno all’altro, fino a quando, la crisi di liquidità del comune, non ha permesso proprio nessun intervento. L’assessore allo sport. Maurizio Scaramuzza dice che il comune non ha i soldi per rifare un nuovo impianto di riscaldamento. Questo sarà pur vero ma è anche vero che le società utilizzanti la struttura, pagano regolarmente ogni mese il ticket orario  per le ore di utilizzo dell’impiantoe, in queste somme è compreso anche il riscaldamento che esiste in tutte le altre palestre della città. Il palasport di Zinola, che pur ospita manifestazioni continue a carattere regionale ed interregionale, risulta quindi, essere l’unico impianto cittadino ove occorre stare mezze giornate o giornate intere con giubbotto pesante, scarpe, berretto di lana e magari, pure i guanti, perché le dita delle mani diventano gelate tanto da impedire i movimenti degli atleti. Le lettere di protesta delle società e le numerosissime segnalazioni non sono servite, a tutt’oggi, a nulla. Il palliativo di mettere degli elettroventilatori a gasolio è durato un solo anno, perché, tale impianto è stato in seguito vietato per gli eccessivi e dannosi fumi che produceva. Non solo gli atleti stanno al freddo ma anche i giudici di gara ed i medici di servizio, ed hanno espresso le loro chiare lamentele. Gli arbitri accettano tale situazione per non creare gravissimi problemi alle società ospitanti, anche se forse, sarebbe loro dovere non dare nemmeno inizio alle partite, il freddo condiziona moltissimo gli atleti e non è certo un toccasana per la muscolatura. È forse davvero il caso che qualcuno prenda dei provvedimenti, chi se non il comune, che è il proprietario dell’impianto, il lavoro non spetta certamente al gestore, la società Mutuo Soccorso Fratellanza Savonese. Siamo stanchi di allenarci al freddo. Paghiamo ed abbiamo il diritto al riscaldamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *