martedì, Aprile 23, 2019
Home > Sport > Pallapugno: Marcarino, buona la prima

Pallapugno: Marcarino, buona la prima


di - 17 Ottobre 2011, 11:59

Non ce l’ha fatta l’Imperiese a vincere questa prima partita della finale di Pallapugno di serie B. Troppa, soprattutto, la differenza di battuta tra
Giribaldi, capitano di casa, e Marcarino, il portacolori della quadretta di S. Stefano. Buon pubblico sugli spalti a Dolcedo, tra cui Flavio Dotta che, secondo le voci di mercato, il prossimo anno sarà la spalla di Marcarino a S. Stefano. L’ottobre ligure regala ancora una giornata piacevole, c’è il sole e una leggera brezza a favore della battuta che non influisce troppo sul regolare svolgimento della partita.

Una rosa ad ogni signora, l’elegante omaggio della società Imperiese. Inizio equilibrato, un gioco per parte: Marcarino spinge subito forte in battuta, mentre Giribaldi cerca, senza riuscirci, l’appoggio. Sul 2 a 1 per S. Stefano, Piva, terzino della squadra ospite, causa piccolo infortunio, lascia il posto a Riella, battitore della squadra di C1, che si schiera come terzino al largo. Il capitano dell’Imperiese patisce la battuta lunga e alta di Marcarino, non è abbastanza efficace al ricaccio e S. Stefano allunga e si porta sul 5 a 1. Giribaldi comincia a centrare il pallone, prova a far spostare di più Marcarino che comunque, ben sorretto dalla squadra, continua a giocare bene e si arriva al riposo sul 7 a 3, dopo che Giribaldi ha avuto l’occasione di chiudere sul 4 a 6 (era sul 40 a 15). Alla ripresa del gioco, la situazione per la quadretta ligure non migliora: soprattutto Giribaldi fatica a tenere la palla lunga e tutta la squadra finisce con il subire il gioco degli avversari. Si arriva così sull’8 a 4, la quadretta di casa però continua a non giocare bene e la partita si chiude rapidamente sull’11 a 4. Rimane la partita di ritorno, sul difficile campo di S. Stefano, rimane soprattutto l’ottima stagione della squadra ligure che ha riportato in serie A   il glorioso campo di Dolcedo.

Fabrizio Sottimano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *