domenica, Settembre 22, 2019
Home > Attualità > Palumbo sempre sulle spine

Palumbo sempre sulle spine

Il gruppo napoletano impossibilitato ad "attraccare" sui moli ex Mondomarine

Con decreto monocratico d’urgenza, il Consiglio di Stato ha respinto la richiesta di sospendere gli effetti della sentenza del Tar Liguria che, a inizio maggio, ha annullato l’assegnazione a Palumbo Savona Superyacht delle aree portuali sede dell’ex cantiere Mondomarine. L’annullamento era stato conseguente ad una serie di ricorsi presentati dalle altre imprese interessate ad ottenere in concessione il cantiere navale di lungomare Matteotti.ovvero Rodriquez Yachts Italy e da Monaco Marine Italia.

Alla base della richiesta di sospensione cautelare stava la considerazione che veniva messo in discussione dalla sentenza «un cantiere navale in piena attività, con l’occupazione delle cospicue risorse umane indispensabili, che tra l’altro ha in corso attività di costruzione di imbarcazioni di rilevante dimensione per le quali è previsto il completamento e la consegna in ristrettissimi termini contrattuali».

Il Consiglio di Stato, tuttavia, ha evidenziato che non risulta che l’Autorità portuale abbia adottato provvedimenti di esecuzione della sentenza di annullamento pronunciata dal Tar e che pertanto non vi siano i presupposti di «estrema gravità ed urgenza» previsti dal codice di procedura amministrativa e che non appaiono configurabili modificazioni irreversibili dell’attuale situazione di fatto. Il Consiglio di Stato tornerà comunque ad occuparsi della richiesta di Palumbo Yachts in sede collegiale, giovedì 20 giugno.

A nostro modesto avviso, ci sembra stupefacente, a dire poco, che il Consiglio di Stato, col suo prestigio di magistratura amministrativa d’appello, pur in veste “monocratica” possa far rimanere sulle “sabbie mobili” un giudizio influente sull’economia, sull’occupazione, sull’attività portuale, che sembra voler assegnare un colpo al cerchio ed uno alla botte, con tutta l’importanza che una decisione definitiva comporterebbe; è auspicabile confidare nella preannuncita riunione collegiale del 20 giugno prossimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *