mercoledì, dicembre 19, 2018
Home > Attualità > Papa Francesco, cosa dicono di lui…

Papa Francesco, cosa dicono di lui…


di Giorgio Siri - 13 marzo 2018, 11:35

Papa Francesco, il Papa del sorriso, della battuta scherzosa, il Papa-Parroco che si è imposto per un modo di apparire familiare, scevro da pompose formalità e da distante ieraticità, il Papa che abbraccia i disabili ed i malati,è comunque a capo dell’ Istituzione più complessa, disparata e molteplice che esista: la Chiesa Cattolica. Non è facile essere Papi; non lo è mai stato ed oggi come sempre. Tanto più che la Chiesa deve apparire, per essere autorevole in un mondo che del dubbio ha fatto, sotto tutti gli aspetti, la propria bandiera, con una forza di convinzione che le può provenire solo dall’essere testimone, senza ombre, del messaggio evengelico e non è facile perchè pretendere che la Chiesa cattolica possa divenire una entità senza organizzazione, senza finanze, senza poteri è, almeno al momento e finchè non cambierà la società, se cambierà, pretendere troppo. La personalità di Bergoglio, che ha ricevuto significativi apprezzamenti anche da esponenti laici, come Eugenio Scalfari, Marco Pannella, Emma Bonino, non sfugge alla complessità del suo mandato ed ai contrasti che ne conseguono. Esiste un’opposizione a Papa Francesco, dentro e fuori la Chiesa, ne sono esempio i famosi “dubia” sollevati da cinque cardinali sull’Esortazione Apostolica “Amoris Laetitia”, per quanto riguarda i sacramenti impartiti ai divorziati. Il giornalista Antonio Socci, ben al di là della critica dei “dubia”, rappresenta la decisa opposizione di un certo ambiente cattolico, al suo pontificato.
“…trova resistenze perché è sui passi di Gesù. Il fatto che sia stato il primo Papa ad aver scelto il nome di Francesco lo collega a Francesco d’Assisi …”così invece si esprime il cardinale tedesco Walter Kasper, Presidente emerito del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei Cristiani.
Frequenti le prese di posizione del Papa emerito Benedetto XVI a suo favore, anche recentissime, in cui ha parlato della “continuità interiore” fra i loro pontificati.
Papa Francesco è stato criticato per i funerali solenni al cardinal Bernard Law, a suo tempo arcivescovo di Boston, dimissionario per le accuse di copertura delle molestie sessuali ai minori da parte di sacerdoti della sua Diocesi, fatali a questo alto prelato statunitense la cui carriera ecclesiastica è costituita, peraltro, da un eccezionale cammino di assistenza, accoglienza, carità, apostolato…
Nonostante le “aperture” verso spinose questioni etico-dottrinale, Papa Francesco, per certi altri versi, appare intransigente. Non si sa quanto sia egli responsabile del non gradimento, in Vaticano, di Laurent Stefanini, ambasciatore designato dal Governo francese nel 2015, e, si dice, sostenuto dall’Arcvescovo di Parigi, Andrè Vingt-Trois, forse a motivo della sua omosessualità, ricevuto dal Papa ma lo stesso non ammesso e poi sostituito da Philippe Zeller. Ciò non toglie che Papa Francesco venga oggi definito “scomodo e radicale” dal “Fatto quotidiano”.
Ci sembra comunque eloquente e significativo, per comprendere Papa Bergoglio nel suo, e nostro tempo, ciò che scrive Gian Franco Svidercoschi, gia vicedirettore dell’Osservatore Romano al tempo di Giovanni Paolo II, già al centro di polemiche per una sua pubblicazione del 2011 – “Mal di Chiesa” – in un suo interessante libro appena pubblicato “Il papa che divide”  – Può sembrare una domanda provocatoria, critica. Invece, è come se fosse la fotografia, a cinque anni dagli inizi, del pontificato bergogliano. Per Francesco, bisogna tornare al Vangelo, declinato però nel segno della misericordia, della centralità dei poveri, dell’attenzione alle periferie, anche esistenziali, anche morali. Insomma, una proposta di cambiamento radicale. Che inquieta i cuori, sconvolge mentalità e abitudini, scompagina i centri di potere, provoca resistenze, opposizioni, all’interno della stessa gerarchia ecclesiastica. E finisce, appunto, per dividere il popolo cristiano….c’è gente che non si riconosce nella ‘Chiesa in uscita’ di Bergoglio, nel suo ‘perdonismo’. Si parla di un Papa ‘eretico’, di uno scisma. Sono le inevitabili contraddizioni che caratterizzano il progetto rivoluzionario di Papa Bergoglio; e con queste contraddizioni, perciò, è necessario fare i conti. Senza che per questo si debba cedere al pessimismo. Il cattolicesimo è in un periodo di transizione molto complesso, molto sofferto. Ma, se vissuto con coraggio e creatività, potrebbe spalancare orizzonti oggi impensabili
Sempre Svidercoschi, in una intervista del 2017, esprime un altro pensiero fondamentale: – Da buon gesuita, egli si espone alle contraddizioni. Va detto che un Papa così popolare non ha per ora portato un aumento significativo della pratica religiosa. Probabilmente corre troppo, non è abituato alle mediazioni del mondo ecclesiale e forse neppure ci pensa. Condivido quello che recentemente ha detto il cardinale Scola: Bergoglio va capito immergendosi nelle sue origini latinoamericane. Da quelle parti, infatti, hanno un modo diverso di essere Chiesa. E’ il bello della Chiesa, unità nella diversità – .
Foto da :  – Uccronline –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *