CalcioSport

Paragonare Mancini a Vittorio Pozzo: un paragone che non esiste.

Tutti contenti perché il responsabile tecnico della nostra nazionale di calcio, Roberto Mancini ha vinto sette partite consecutive eguagliando quanto fatto dall’indimenticabile e mitico Vittorio Pozzo nel lontano 1938.
Peccato solo che i tempi erano ben diversi e che le squadre che l’Italia di allora affrontò erano ben diverse e ben più forti di quelle che l’Italia di oggi ha affrontato nel girone di qualificazione per il prossimo campionato europeo. Non bisogna essere esperti di calcio per capire che Armenia, Bosnia Erzegovina, Grecia e Liechtenstein sono comunque di tasso tecnico molto basso e ci mancherebbe davvero che la nostra nazionale formata da professionisti superpagati non ne avesse la meglio. Nazionali che, con tutto il rispetto possibile, assomigliano a formazioni del nostro campionato “semiprofessionisti”. Non credo davvero che ci sia da essere molto contenti per questi sette successi consecutivi che, personalmente, mi dicono molto poco anzi ad essere sincero, per quelle che sono le mie competenze calcistiche, dico che l’attuale gioco della nazionale non mi piace e che, peraltro, non sono mai stato un estimatore di Mancini. Credo che quando andremo agli europei la musica sarà ben diversa e che andremo incontro a delle brutte figure. Evitiamo, quindi, paragoni che fanno solo ridere e che non hanno alcun senso. C’è chi è convinto che l’Italia vincerà 11 campionati europei! Beato lui. io sono convinto esattamente del contrario. Se poi vogliamo che Mancini superi il grande Vittorio Pozzo nelle vittorie consecutive con la nazionale italiana, facciamogli fare due amichevoli contro la nazionale della “città del Vaticano” prima e dopo con la Repubblica di San Marino vedrete che il “mancio” vincerà ancora e sarà.. il più bravo.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: