venerdì, Settembre 20, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Parliamo di noi, di voi, degli altri

Parliamo di noi, di voi, degli altri

Pur con tutte le difficoltà di questo appena trascorso 2014, ‘Azione Riformista’ è ancora in piedi: chi ne ha dispiacere se ne faccia una ragione, tanto resistiamo, non ci mancano tenacia e pillole; ci mancano ‘i quattrini, è vero’ (non abbiamo alcuno aiuto economico, in questo siamo ‘sfigati’ e non scriviamo ‘onorati’ che tanto non ci crede nessuno) ma provvediamo personalmente, ‘quattro amici al bar’, rinunciando a qualche pizza e, per i più giovani a qualche ‘gnocca’ che, poverini, in tal senso, sono dei veri martiri. Lo ammettiamo, per altro come ‘amabilmente’ ci ricordano colleghi di uguale ventura, politici senza humor e Cristiani senza sorriso, di essere un ‘blog’ indipendente, troppo indipendente e quindi anomalo per come va il mondo attualmente. Un ‘blog’. senza padroni nè padrini, segreterie e logge annesse, Cardinali e Santi in Paradiso, megafoni e satelliti di comunicazione, case di tolleranza clandestinamente aperte, non è propriamente gradito, non è funzionale, non è omologato, in poche parole non è accetto, speriamo che almeno Papa Francesco nella Sua infinita bontà e lungimiranza ci assolva dai nostri peccati. Un ‘blog ET,’ di nicchia, o di ‘macchia’, nella sua specifica identità (non appariamo in nessuno dei social media abituali), di tenacia, di passione, di sottile follia, d’innamoramento, di benevolenza da parte dei nostri lettori sempre e comunque da noi ricambiati con uguale e affabile attenzione. Pur tra mille errori, teniamo ben distinti i fatti (sempre ripetitivi, sempre più deprimenti, sintetizzando ‘guardie – poche – e ladri, molti’) dalle opinioni, che tutte rispettiamo, da qualunque parte esse provengono, anche se palesamente condizionate dalla macchina asfaltatrice dei mass media di convenienza (ormai, nel divenire del nostro Paese, in politica, ad ogni stagione si cambia stazione, capotreno e binario). Il nostro ‘blog’, con la trama dell’ironia e della satira, pungente o soft secondo occasione, che i lettori paiono apprezzare a riscontro del numero di visite che indica il contatore: a ‘dispetto’ di quei ‘strani personaggi censori’ che da anni cercano di convincerci che ‘siamo fuori moda’, ‘fuori dal gioco’ (infatti non siamo esperti nel ‘gioco delle tre carte’), personaggi evidentemente miopi che non vedono oltre il perimetro delle loro lucrose scivanie e che non riescono a comprendere, o non vogliono, come il dialogo, la collaborazione e l’amicizia possano comunque convivere a prescindere da punti di vista diversi. Il nostro ‘blog’ vivace, a volte spensierato, che per sfuggire alla noiosità e all’indifferenza che tutto opprime e livella, intercala agli articoli seriosi di fondo, notizie curiose, immagini di archivio sovente inedite, poesie pungenti di riferimento all’attualità. E, dobbiamo dirlo, altrimenti questa notte non prendiamo sonno, pur con così tante intemperanze, in tempo di elezioni abbiamo file di politici ad adularci, a prometterci ‘cavalli e carrozze’ in cambio di una mano: per poi, ovviamente, una volta eletti, dimenticarsi completamente di noi, d’altra parte è vero il detto ‘passata la festa gabbato il Santo’. Oggi non possiamo più contare sulle ideologie di un tempo in grado di tenere l’uomo a freno sui binari della correttezza, oggi si sparge il seme del veleno senza un attimo di riflessione, di autocritica, infischiandosene delle conseguenze, i soli scopi perseguiti per i quali tutto è giudicato ipocritamente lecito sono l’accumulo di ricchezza e il potere fine a se stesso. Come dice Don Ciotti ‘abbiamo il dovere della verità, di ascoltare la voce scomoda della coscienza’: con tale insegnamento, nel nostro blog, con semplicità e limpidezza delle parole, abbiamo assunto lo scomodo ruolo di ‘agitatori delle coscienze’ (e facciamo ammenda della ‘grande presunzione’) cercando di mantenere viva sotto la cenere la fiammella capace di riaccendere un ‘tranquillo futuro’ nella nostra società attualmente così imbastardita: lo dobbiamo ai nostri vecchi nonni e padri che ci hanno permesso di crescere e qualche volta di sopravvivere, lo dobbiamo alle nostre mamme e mogli compagne generose, lo dobbiamo ai giovani alle prese con un percorso di vita estremamente complicato, lo dobbiamo alla gente per bene che tale è rimasta rifuggendo dai cattivi maestri, lo dobbiamo a noi stessi per non arrossire quando ci guardiamo allo specchio. ‘Il dovere della verità’ del quale spesso ci vergogniamo, o nascondiamo agli occhi degli altri per non apparire deboli. ‘Il dovere della verità’ che eludiamo sistematicamente o con qualche rara eccezione solo per ammansire la coscienza quando questa si ribella. ‘Il dovere della verità’ turlipinata dai soliti marpioni politici e non, abilissimi nel mistificare le parole per il loro esclusivo tornaconto. Stiamo sbandando sull’orlo di un precepizio senza fondo, possiamo cadere e schiantarci da un momento all’altro, ognuno con il proprio destino. C’è un colasso di insensibilità impressionante, di ‘mors tua vita mea’, chissà se prima di ‘tirare le cuoia’ riusciremo finalmente a comprendere che la vita, quella veramente degna di essere vissuta, nobilitata dal senso Sacro, è tutt’altra cosa di una scelta di opzioni da un catalogo.

Gianni Gigliotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *