martedì, Dicembre 10, 2019
Home > Economia > Pasquale: accelerare gli investimenti

Pasquale: accelerare gli investimenti

“Se l’aumento della cassa integrazione e del numero di chi cerca un impiego è un rilevante segnale d’allarme, il dato che oggi maggiormente ci preoccupa è la diminuzione delle imprese attive in provincia di Savona. In un anno le aziende savonesi sono diminuite di 261 unità, trasformando in strutturale una crisi che sulla base dei dati della Cigl e dei centri per l’Impiego poteva ancora essere considerata congiunturale”. E’ quanto ha sottolineato il presidente della Camera di Commercio di Savona, Luciano Pasquale, intervenendo al Tavolo del lavoro convocato a Palazzo Nervi dall’Amministrazione Provinciale.

“Lo stock di imprese attive si è intaccato dello 0,9 per cento – ha aggiunto il presidente camerale -, ma il dato è più negativo di quanto possono dire le statistiche. Per la prima volta c’è stata infatti nel 2011 un’inversione di trend, in quanto anche in anni di crisi il numero delle aziende in attività aveva continuato a crescere. Inoltre la diminuzione riscontrata negli ultimi mesi dello scorso anno, e che anche i primissimi dati del 2012 confermano, sarebbe stata ben maggiore se a frenarla non avessero contribuito le iscrizioni di numerose aziende individuali, non strutturate, dove evidentemente sono andati a rifugiarsi, nel tentativo di sottrarsi alla disoccupazione, numerosi lavoratori espulsi da settori in crisi”. Lavoro che resta il problema centrale da risolvere in una provincia che non conosce crescita. “La Camera di Commercio – ha sottolineato Luciano Pasquale – impegna su questo fronte tutte le energie e le risorse disponibili. Stiamo predisponendo i bandi per realizzare le reti di impresa, abbiamo in corso il progetto microcredito orientato prevalentemente a sostenere l’imprenditoria giovanile e femminile, partecipiamo con nostri soldi alle crescenti attività dei consorzi di garanzia. Ma è chiaro che questa crisi si risolverà quando le imprese potranno migliorare il fatturato, lavorare di più, occupare più persone. Dobbiamo togliere i freni agli investimenti grandi e piccoli, pubblici e privati; dimezzare i tempi delle autorizzazioni, creare una spirale virtuosa di crescita dell’economia, che migliori in modo sostanziale la competitività delle imprese sul territorio e che sia orientata all’innovazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *