domenica, novembre 19, 2017
Home > Attualità > PER LEGGERE LA MOSTRA DI CLAUDIO ZUNINO IN ATTO A MONASTERO BORMIDA

PER LEGGERE LA MOSTRA DI CLAUDIO ZUNINO IN ATTO A MONASTERO BORMIDA


IMPORTANTE EVENTO RIGUARDANTE LE OPERE DELL'AFFERMATO ARTISTA SOCIO ONORARIO DEL CENTRO XXV APRILE


di Redazione - 6 novembre 2017, 9:45

di Redazione

Pezzo del critico d’arte Dott. Federico Marzinot relativo alla mostra in atto a Monastero Bormida.

PER LEGGERE LA MOSTRA DI CLAUDIO ZUNINO

Particolare del bozzetto di Claudio Zunino

Nella primavera di quest’anno Elisa Gallo, responsabile della sezione di Bubbio del “Centro XXV Aprile”  propose all’artista, socio onorario, Claudio Zunino, che a Bubbio oggi vive e lavora, di dedicare attenzione, con una sua opera, alla tragica vicenda della Divisione “Acqui” a Cefalonia ed a Corfù. Nacque così il riuscito disegno a carboncino intitolato “Ai Caduti della Divisione “Acqui”, cui si sono poi ispirati gli artisti-ceramisti albisolesi Paolo Giallombardo e Cinzia Astaldi per la realizzazione del tondo in ceramica intitolato “Il valore di un Ricordo”, presentato quest’oggi a Monastero Bormida.

Nel disegno di Zunino – donato poi dall’artista al Comune di Monastero Bormida e qui in mostra – viene raffigurato un gruppo composto, rispettivamente, dalla figura esanime d’un Caduto, sdraiato sulla schiena, da quella d’una giovane donna, che lo sorregge da tergo, cingendogli amorosamente il collo, e, retrostante, appoggiata ad una stele quadrangolare, dalla eretta figura d’un giovane ferito che guarda verso il cielo, con il torso e la testa avvolti da bende ed un braccio stancamente pendente verso terra.

Evidente e riuscito  è qui l’intento dell’artista di evocare l’eccidio di Cefalonia, raffigurandolo, nei suoi nefasti effetti, con un segno dalle linee classiche, mentre la composizione dell’opera è pervasa da un forte ritmo.

Accanto “Ai Caduti della Divisione “Acqui” stanno, in questa mostra, altre opere di Zunino come il quadro intitolato “Il treno”, nel quale l’interrogarsi del protagonista dell’opera evoca idealmente quello sul proprio destino da parte dei profughi giuliano-dalmati durante il loro esodo in Italia ed in altri Paesi negli anni successivi alla seconda guerra mondiale. L’opera, su proposta di Elisa Gallo, venne esposta nel febbraio scorso al “MuDA” di Albissola Marina nell’ambito d’una mostra dedicata a quella vicenda, organizzata dal “Centro XXV Aprile” e curata da chi scrive. Altra opera di analogo spessore tematico qui presente è “L’Accoglienza” del migrante, spesso stigmatizzato come nemico in un contesto in cui una molteplicità di Stati si fronteggia oppure si fiancheggia.

Quella dell’attenzione a temi alti è una delle chiavi di lettura di questa mostra di Zunino. Un’altra é quella delle suggestioni derivanti dalla sua lettura dell’amato Cesare Pavese (“che però é di tutti” dice  Zunino) e dall’ascolto della musica e delle parole dei cantautori, fra cui soprattutto Fabrizio De Andrè, dall’evocazione sulla tela, con opere suggerite sovente dalla quotidianità dell’anima, dal caso o dalla cronaca, anche di brani di opere di Caravaggio e di Vermeer, tanto studiati dall’artista “per gli effetti d’un raggio di luce nella loro opera e la loro capacità di rendere la drammaticità  che c’é in ogni cosa”. Un’altra chiave di lettura é pure quella dell’attenzione alla natura e, in particolare, al paesaggio, come nel quadro avente per soggetto un angolo di Capalbio, pretesto anche per ricerche materiche, con l’olio e la grafite, del cui impiego Zunino si dimostra sicuro interprete. L’artista ha dipinto per anni pure su vetro.

Con opere dall’evidente intendo comunicativo, Zunino ha maturato, dunque, negli anni la propria riconoscibilità, la continuità  d’un segno personale, forte e perciò aderente al proprio tempo, accostabile  talora al linguaggio pittorico della Metafisica. E in mostra é presente appunto una natura morta che rimanda, volutamente ed efficacemente, al pittore metafisico  napoletano Antonio Nunziante, suo coetaneo.

Claudio Zunino é nato ad Olbicella (Molare) nel 1956. Si diploma, nel 1973, “Maestro d’arte” ad Acqui Terme presso l’Istituto “Jona Ottolenghi”. Negli anni successivi partecipa a numerose mostre di pittura, personali e collettive. Nel 1993 é uno dei protagonisti del meeting multimediale “Le penne del pavone”, svoltosi ad Alessandria. Nel 1996, assieme ad altri artisti, Zunino dà vita al gruppo “mma-multimediarte”, con sede a San Felice sul Panaro, nel Modenese. Con lui ne fanno parte Francesco Mandrino, Roberto Borgato, Desirèe Cacciatori, Luigi Golinelli, Sandra Magarti. Nel 1996, Zunino, Mandrino e Borgato vengono invitati a presentare le loro opere a Modena, nell’ambito del meeting internazionale organizzato da “Kult Underground”, la prima rivista multimediale allora presente in Internet. Successivamente Zunino collabora alla “Giornata della Solidarietà per le donne dell’America Latina”, svoltasi a Palazzo Guasco, ad Alessandria, donando in tale occasione una propria opera al “Museo della Memoria”, di Santiago del Cile. Nel 2009 gli viene attribuito il secondo premio nel concorso internazionale di pittura “Cesare Pavese”, a Santo Stefano Belbo. Nel 2014 riceve il Premio “Il Tempio”, a Catania; sempre quell’anno, su invito dell’Amministrazione comunale, Zunino tiene una propria personale a Molare, nell’aula consiliare, con opere a tema storico-mitologico. Nel 2015 l’artista partecipa a Roma, nella “Sala del Bramante”, alla collettiva “Da Caravaggio ai giorni nostri”, anche per rendere omaggio ad un artista a lui caro, assieme a Vermeer, per l’attenzione alla luce.  Nel 2016 Zunino espone a Napoli, alla “Pinacoteca d’arte Le porte”, alla biennale di Cesenatico, alla Triennale d’Arte contemporanea  di Verona, a Parigi, ad ”Art Shopping”, presso il “Carousel du Louvre”. Nel 2017 é presente, con l’opera “Il treno”, nella mostra “I colori del ricordo” dedicata alla vicenda dei profughi giuliano-dalmati, tenutasi presso il “MuDA”, di Albissoloa Marina, ed a Corfù allo “International Prix of Kerkira”.

Federico Marzinot

 

Monastero Bormida, 5 Novembre 2017

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *