venerdì, Settembre 20, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Perchè non scrivo più di pallapugno…

Perchè non scrivo più di pallapugno…

Sicuramente le mie considerazioni e opinioni su questo sport, condivisibili o meno, hanno nel tempo lasciato un segno e questo ha portato alla violenta richiesta da parte della cricca di Mondovì di chiudere ogni forma di dissenso scritto. Non c’è un motivo particolare per cui da qualche mese non scrivo più, c’è poco da scrivere, i gestori del bastone si sono blindati per non avere opinioni contrarie. Non c’è più una voce alternativa (Aigipe o altro) che racconta le puttanate che fa la cricca di Mondovì, e non esiste più un modo “indipendente” per esprimere le opinioni contro il modo di gestire questo sport, si sono zittite. Le pagine sportive dei settimanali locali sono inginocchiati verso la cricca monregalese (potere), tradendo i lettori, nascondendo loro le vere ragioni di scelte regolamentari della Federazione e la deriva di questo sport. Questo sport non fiorirà mai, ma gli viene continuamente impedito di emergere come meriterebbe. Insomma per i giornalisti inginocchiati tutto va bene, basta non disturbare il manovratore. Siete troppo “laudanti”, fatevi un esame di coscienza, se avete ancora un po di orgoglio! Un minimo di critica ci va, non mordono! Vacchetto, che gestiva l’Aigipe, l’ha chiusa ed è scappato, lasciando l’appassionato senza una visione diversa da quanto studiato e architettato in corso statuto da Raviola, On.Costa Enrixo, Curetti (socio sportivo di Raviola), Matta. Io mi sto difendendo da una assurda querela di Curetti che si è offeso sulle mie perplessità al fatto che è entrato nella Fondazione Crc (porterà in aula le sue referenze e competenze in merito, ma la cosa andrà alle lunghe). Cosa c’è da scrivere sulla Pp? Molto, e do una anticipazione! Hanno chiuso e si sono auto escluse dalla ribalta in due anni: Ceva Torino, San Benedetto, San Leonardio, Valli ponente, Vendone… La Liguria è in ginocchio. Oramai si va alla carlona, due vincono il campionato di B e in serie A ci va la Merlese in fondo alla classifica e la Monticellese (che toglie un battitore da mercato inserendolo spalla); 11 società di A , con la Merlese (ora definibile la squadra del Presidente Costa in vista delle Elezioni in Primavera , che si salvi dall’esclusione (probabile) dalla prossima Camera tentando il salto alle Europee già a Maggio? E bravo Enrico). Ha chiesto al “beato” Danna, in debito di un favore, (anche lui beatificato presso la Fondazione Crc a 5000 euro al mese passando dal Coni provinciale, onestamente c’erano Olimpionici in prov di Cuneo che meritavano di più, ma va bene cosi siamo contenti per la scelta sulla Pp) di giocare a Mondovì e per l’occasione Raviola gli fa dare 2 metri di vantaggio (per essere sicuri e che non faccia delle figuracce). Ma scusa, Guido, dovresti essere contento, ti eri svenato per fare una B a Mondovì, adesso arriva Enrico che ha bisogno di visibilità per le elezioni e ti porta un po’ di amici che mettono qualcosetta per fare la serie A. Ci sono più giocatori che società, ma questo lo avevo già detto in Tv e scritto su Aigipe .<<< …è inutile fare le giovanili e avere giustamente più giocatori, senza poi aiutare le societa ad esistere e ad aumentare il numero>>>. I giocatori sono in braghe di tela (e sarà sempre peggio), tanto a Corino non interessa dei giocatori, fatti i contratti per lui e i suoi amici, chi se ne frega degli altri. A loro difesa una volta c’era Vacchetto Giorgio, ma sta scappando ancora adesso, e chi lo ferma più, devono averlo spaventato bene! La politica da marzo si intreccerà fortemente con il Vs sport….e voi (società e giocatori), se siete furbi, chiedete, chiedete chiedete, perchè vi daranno vi daranno, vi daranno (sanno di essere alla frutta). Vi do un consiglio, “se dovete leccare dei culi, ci sono in arrivo 2 New Entry, 2 nuovi onorevoli: già sicuri sulla carta, se ci sarà la “preferenza”: Blengino Roccaforte Mondovì (lì va bene a Merlo e Biscia) e Cirio per l’Albese ambedue per F.I. e ambedue nella area pallapugno. Poi Mino Taricco, 5 stelle ne farà 2 nell’area cuneese. Potrei continuare e ce ne sarebbero di argomenti per fare satira e/o opinione critica (non querelabile, perchè questi, senza argomenti, ti lavorano dietro sparlando di te e, se non basta, ti querelano solo per darti fastidio, non per una reale offesa) sulle scelte e linee guida sportive che stanno disarmando questo sport. Contenti Voi contenti tutti.

Ps. un signore di Monticello mi ha detto che lui ha sentito dire che mi hanno diffidato e/o qualcosa di simile… non è vero, ma chi mi deve diffidare dall’esprimere le mie idee che non hanno un fine di lucro, le mie sono delle normali e semplici opinioni di un appassionato. Purtroppo sono appassionato di uno sport, oggi, in mano ad una cricca di furbacchioni, che non hanno saputo (o voluto) massimizzare questo sport, raccogliendo, da un lato, più voti e consensi popolari, dall’altro per voi Giocatori e Società, sostegno e denaro con più sponsor e pubblico… il culo bisogna farlo muovere dalla sedia, e questi non hanno saputo farlo! Questi a cui rivolgo un’opinione critica, poco hanno a che spartire con una visione indipendente e equidistante dalla politica, come dovrebbe essere, con questo sport. Se Vi raccontano storie su di me, verificatele prima, oppure andate su facebook: Corrado Vada e troverete delle risposte. Mi è stato chiesto di fare qualcosa su Fb per la Pallapugno… ci starebbe un profilo libero e indipendente che non chiede amicizia necessariamente a nessuno, ma che apre a tutti gli appassionati per gestire le loro ragioni, così tutti leggono ma non si coinvolgono (coraggiosi ce n’è pochi)… se avrà la mia firma sarà sicuramente libero e indipendente accogliendo ogni opinione pulita…vedremo!

Corrado Vada

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *