sabato, Agosto 24, 2019
Home > Attualità > Perchè siamo costretti a fare grandi sacrifici

Perchè siamo costretti a fare grandi sacrifici

Il 22 luglio del 1944, con la guerra ancora in corso, i rappresentanti di 44 Nazioni alleate si erano riuniti a Bretton Woods nel New Hampshire dove avevano sottoscritto un trattato economico commerciale che definiva due regole principali: 1°) Ogni Paese firmatario aveva l’obbligo di adottare una politica monetaria tesa a stabilizzare il tasso di cambio ad un valore fisso rispetto al dollaro che veniva eletto a moneta di riferimento, nei confronti della quale erano consentite solo lievi oscillazioni ed il dollaro veniva ancorato al valore dell’oro stabilendo che un’oncia aurea valesse 35 dollari; 2°) Il compito di equilibrare gli squilibri causati dai pagamenti internazionali veniva assegnato ad una Istituzione chiamata Fondo Monetario Internazionale (FMI) [Quella dove era direttore D. Strauss Kahn].

Nel 1946, dopo la sottoscrizione degli accordi di Bretton Woods da parte di un numero sufficiente di Nazioni, fu istituita la Banca Internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo (detta Banca Mondiale) che aveva come obbiettivo di finanziare programmi mondiali di investimenti per la ripresa delle economie nel dopoguerra.
Fra questi vi fu il cosiddetto “Piano Marshall” (dal nome dell’allora Segretario di Stato USA ) che previde fra gli altri anche per l’Italia numerosi interventi finanziari, fra cui il cosiddetto “Piano ERP – European Recovery Program”.
Tutto questo perchè, all’epoca, l’economia era dominata dalla teoria keynesiana sullo sviluppo che, prevedendo un forte effetto moltiplicatore per ogni investimento, non si poneva il problema che gli investimenti stessi fossero effettuati “a debito” proprio perchè il ritorno economico avrebbe pareggiato questo debito.
Il 15 agosto del 1971, unilateralmente, il Presidente degli Stati Uniti Nixon (per ragioni che qui è troppo lungo da spiegare) denunciò gli “Accordi di Bretton Woods” e stabilì che la parità dollaro-oro non fosse più fissa ma variabile in relazione all’andamento del mercato, decretando così la fine del sistema aureo (Gold Standard) e la nascita del sistema a cambi flottanti creato dagli stessi USA..
Con un po’ di imprecisione e di superficialità (ma solo per fornire elementi per capire i successivi passaggi) si può dire che il “deficit-spending” (cioè lo sviluppo a debito di cui parlavo prima e che con il cambio fisso non poteva superare certi limiti) con il cambio variabile, divenne esso stesso variabile indipendente e conseguentemente ingenerò spirali inflazionistiche che in molti casi divennero incontrollate.
Nel nostro Paese il disavanzo pubblico negli anni ’50 e ’60 era sotto controllo grazie ad uno sviluppo economico tumultuoso ma di grande portata, sviluppo sorretto da un’espansione edilizia privata, cui corrispose un piano di edilizia pubblica volta soprattutto alla realizzazione di grandi infrastrutture strada li, alla quale seguì l’esplosione della motorizzazione individuale. A partire dagli anni ’70, però, il disavanzo pubblico andò crescendo, anche a seguito di una inflazione non più sotto controllo che aveva portato il costo del denaro, all’inizio degli anni ottanta, a superare la soglia del 30%.
Va detto che nel corso dei primi anni ’80 l’inflazione fu riportata sotto controllo, ma la spesa pubblica lievitò tanto che, nel giro di pochi anni, il debito pubblico quadruplicò superando la soglia del 100% del PIL.
Occorre, anche, dire che, a differenza degli anni cinquanta, questo aumento di spesa non fu dovuto a realizzazione di infrastrutture o comunque di investimenti produttivi, ma semplicemente fu generato da un aumento del cosiddetto welfare state.
E’ del tutto evidente, anche a chi fa la spesa giornaliera, che se ogni giorno si spende un po’ di più di quanto viene guadagnato, prima o poi verranno meno i soldi anche per fare la spesa quotidiana.
Nel frattempo l’Europa, che aveva anch’essa gravi problemi di inflazione (dovuta principalmente ad un eccesso di liquidità di moneta cartacea) decise di dare vita ad una moneta unica. Le trattative per giungere a questo risultato durarono circa dieci anni e terminarono Alla base degli accordi di Maastricht vi era un patto di stabilità sottoscritto da tutti i Paesi aderenti i quali si impegnavano a non superare l’indebitamento pubblico interno oltre il 3% annuo del PIL.
Inutile dire che praticamente tutti i Paesi aderenti erano oltre tale soglia e, tranne la Germania, lo sono ancora. La crisi del 2009 ed i suoi riflessi negli anni successivi hanno riportato in alto i disavanzi pubblici, e per l’Italia il tasso di crescita del debito pubblico supera ormai il 106% annuo.
Va ricordato che nel 1996 (col Governo Prodi) il debito pubblico italiano discese, per la prima volta, sotto il 100% del PIL assestandosi al 96-97%.
Il problema è che nel nostro Paese la spesa pubblica corrente supera il 50% del PIL ed in un momento di recessione economica non vi è speranza di ridurre questo valore che, essendo rigido, tende ad aumentare in presenza di un PIL a tasso di crescita modesto. Occorre, quindi, operare una drastica riduzione della spesa stessa. Riduzione che, tuttavia non può dare risultati immediati, perchè deve essere effettuata attraverso tagli radicali delle voci di spesa che sono, in larga parte, individuate in spese per il personale e per l’attività corrente degli Enti pubblici. Anche a fronte di decisioni di tagli severissimi, i risultati si avranno nel medio tempo. A meno di non ricorrere a brutali soppressioni di enti con licenziamento del relativo personale; cosa che oltre a creare comprensibili problemi di ordine pubblico, creerebbe disfunzioni e disordine istituzionale, perchè non si possono sopprimere enti e funzioni senza prima indicare le modalità alternative e consentire il tempo necessario per la loro entrata a regime.
Il fatto è che negli anni ottanta, quando si ebbe il boom del deficit di bilancio, ciò avvenne per l’introduzione di un sistema di welfare state che era molto tutelante, ma che comportava rigidità e rendite di posizione che non erano compatibili con la nostra struttura produttiva e con il nostro livello di sviluppo economico.
Noi non possiamo mai dimenticare che non siamo un Paese che ha la proprietà di giacimenti di materie prime, ma siamo un Paese di trasformatori di materie prime e che la nostra economia si base sulla piccola e media industria di trasformazione, sulla ricerca e sulla creatività. La nostra economia dipende da altri che si forniscono da noi e dalla nostra capacità di esportare i nostri prodotti. Occorre, quindi, rientrare (velocissimamente) nei parametri di Maastricht ed occorre farlo, purtroppo, mentre siamo nel bel mezzo di una tempesta che rischia di travolgere l’Euro.
Chi pensa che l’adesione all’Euro sia stata, per l’Italia, una scelta sbagliata deve avere ben presente che, se dovesse crollare l’EURO, il valore della lira si ridurrebbe della metà o anche meno e quindi con il controvalore in lire di un Euro (1927 lire) non compreremmo quello che comperavamo nel 2000 quando ci fu la conversione lira-euro ma molto, molto, molto meno. Con tutte le conseguenze che si possono immaginare.
Che poi quella proposta dal Governo Monti, sai l’unica cura possibile ed efficace è cosa sulla quale si può discutere!

Lorenzo Ivaldo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *