domenica, Febbraio 24, 2019
Home > Cultura > Philippe Petrucciani Trio al museo dell’Arte Vetraria Altarese

Philippe Petrucciani Trio al museo dell’Arte Vetraria Altarese


di - 13 Luglio 2012, 14:59

Domani appuntamento con la grande musica jazz ad Altare (SV), in occasione dell’Altare Glass Fest del Museo dell’Arte Vetraria Altarese. Dalle ore 21 concerto Jazz “Remembering Michel” del Philippe Petrucciani Trio con Philippe Petrucciani alla chitarra, Alessandro Collina al pianoforte e Giovanni Sanguineti al contrabbasso, in una performance per ricordare il grande pianista Michel Petrucciani, scomparso nel 1999. Figlio d’arte, Philippe Petrucciani si avvicina al jazz in giovane età, insieme ai fratelli Michel, pianista, e Louis, contrabbassista.

Si affaccia precocemente sulla scena internazionale, esibendosi a Philadelphia dove incontra John Abercrombie, la cui influenza sarà particolarmente significativa per la sua formazione. Dal 1980 a oggi ha calcato le scene di tutto il mondo in numerose formazioni, suonando con musicisti come Marc Michel Bachevalier, Jean Pierre Barreda, Francesco Castellani, Michel Zenino, Tommy Halferty, Andy Mckee, Aldo Mela, Jef Gilson e molti altri. Durante la serata, il maestro vetraio Livio Serena sarà al lavoro nella fornace di Villa Rosa, dalle 17 alle 22,30. Nato a Murano nel 1942, Livio Serena viene da una famiglia immersa per secoli nell’arte del vetro. All’inizio del 16° secolo, uno dei suoi antenati inventò una tecnica di filigrana a “ritortoli”, conosciuta nel 19° secolo anche come “zanfirico”. Nel 1956 all’età di 14 anni, Livio Serena entra in una delle più grandi fornaci del tempo, la Fratelli Toso, dove lavora fino al 1982. Dal 1983 inizia la sua collaborazione con l’Anfora a fianco di designer e artisti di livello internazionale, creando incredibili opere d’arte. Insegna alla Scuola del Vetro Abate Zanetti di Murano. Per completare la serata, cocktail bar a cura dell’Antico Caffè Bruna, in collaborazione con la ProLoco di Altare. Il programma completo di Altare Glass Fest è consultabile all’indirizzo www.museodelvetro.org, e visitando le pagine Facebook e Twitter del MAV.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *