domenica, giugno 24, 2018
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Piano neve e gelo: funziona? Le perplessità del Comitato dei Pendolari Savona – Genova

Piano neve e gelo: funziona? Le perplessità del Comitato dei Pendolari Savona – Genova


di Redazione - 3 marzo 2018, 15:02

Il Comitato dei Pendolari Savona-Genova vorrebbe porre attenzione sulle criticità odierne nella
circolazione ferroviaria sulla tratta di competenza.
Il Piano neve e gelo attivato da Trenitalia a seguito delle allerte gialla/arancione per neve in tutta la
Regione, che prevede la riduzione dei servizi ferroviari regionali, mentre ha regolarmente funzionato giovedì in
assenza di significativi fenomeni metereologici, ha dimostrato nella giornata di ieri evidenti limiti.
La strategia di sopperire con bus sostitutivi ad alcuni treni la cui cancellazione non era prevista dal Piano
neve-gelo, in mancanza di una comunicazione appropriata nelle stazioni e sui treni, ha contribuito a
generare un clima di grande confusione. Non sono stati diffusi piani orari, né l’elenco delle fermate
intermedie nelle quali i bus avrebbero transitato, né indicazioni circa il luogo dove le fermate sarebbero
state istituite, nell’impossibilità di raggiungere i piazzali antistanti le stazioni comunicata da Trenitalia
stessa. Molti viaggiatori hanno atteso invano le millantate navette per ore, per poi rientrare presso le
proprie abitazioni.
Non è trascorso molto tempo dal gelicidio dell’11 dicembre scorso, a seguito del quale il Comitato aveva
scritto alla Regione Liguria – Assessorato Trasporti segnalando la medesima carenza di comunicazione in
situazioni di evidente emergenza.
La Regione Liguria ha recentemente firmato un contratto di servizio con Trenitalia che si basa sul rinnovo
della flotta, e a partire dal prossimo anno richiederà un esborso superiore da parte dei pendolari, ma la
giusta premessa ad un trasporto efficiente è anche che ci sia un’adeguata manutenzione all’infrastruttura,
che oggi, evidentemente, manca.
Ci auguriamo, per l’ennesima volta, che la Regione, Trenitalia e RFI non solo ammettano le proprie
responsabilità, ma individuino soluzioni efficaci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *