martedì, novembre 20, 2018
Home > Attualità > Pier Paolo Cervone presenta il suo ultimo libro

Pier Paolo Cervone presenta il suo ultimo libro


di Selena Borgna - 8 novembre 2018, 20:45

E’ stato presentato, presso la biblioteca di Vado Ligure, l’ultimo libro dello scrittore Pier Paolo Cervone dal titolo “Ritorno a Caporetto” riguardante una delle battaglie più importanti per l’Italia durante la Grande Guerra

“Ringrazio tutti i presenti”, ha dichiarato lo scrittore, “e voglio dire che le battaglie di Caporetto e Vittorio Veneto sono collegate e l’11 battaglia dell’Isonzo nell’estate del 1917 è stata la prima in cui l’Italia ha sfondato il fronte austriaco. All’inizio erano tutti entusiasti di entrare in guerra perchè si pensava che il conflitto durasse sei mesi ma ben presto la realtà si è dimostrata diversa. Per molti studiosi le due guerre mondiali sono una sola perchè nella pace del 1918 erano presenti le premesse della Seconda Guerra Mondiale. Durante la ricerca del materiale ho percorso il fronte italo-austriaco e il fronte occidentale ed ho notato che sono molto diversi tra loro perchè il fronte di Verdun e quello della Marna sono pianeggianti e con poche vette mentre nel nostro erano presenti molte vette. Nell’agosto 1917 avvenne un’avanzata per 11 chilometri da parte dell’Italia portata avanti dal generale finalese Enrico Caviglia che, a mio parere, è stato il miglior generale della Grande Guerra. Questa figura è pressochè sconosciuta a Finale e mi sono impegnato a farla conoscere alla cittadinanza. Luigi Cadorna era il comandante in capo del Regio Esercito Italiano e le sue truppe vennero fermate nei pressi dell’Isonzo perchè non arrivavano i rifornimenti d’acqua. L’Austria venne allarmata dalla nostra avanzata e chiese aiuto ai tedeschi che per la prima volta arrivarono a combattere sul nostro fronte essendo impegnati ad est contro la Russia. Quello tedesco fu sicuramente il miglior esercito della Grande Guerra ma i loro rapporti con gli austriaci erano pessimi ed alcuni ufficiali cechi e romeni fornirono all’Italia i piani della battaglia di Caporetto ma Cadorna non credette loro. Il 7 ottobre Cadorna era in Trentino per controllare le nostre posizioni e voglio ricordare che l’Italia è considerata erroneamente traditrice dell’alleanza con l’Austria e la Germania perchè il patto prevedeva che gli alleati dovessero informare il nostro paese delle loro mosse ma così non è stato. Cadorna decise di arretrare gli artiglieri e le fanterie rimaste in quelle zone dopo la battaglia di Bainsizza ma chi lo sostituisce non esegue i suoi ordini e la sera del 23 ottobre decise di radunare tutti i suoi comandanti e capì in quel momento che i generali non fecero cosa lui aveva ordinato e tra questi generali, tutti piemontesi, vi era Pietro Badoglio, generale che voleva fare carriera. Proprio Badoglio fece due errori che alla fine si dimostrarono determinanti per la sorte della battaglia di Caporetto : ordinò al comandante dell’artiglieria, in possesso di 800 cannoni, di non fare fuoco prima di un suo esplicito ordine e andò, con la nebbia, a dormire a 5 chilometri dal fronte. Dopo l’inizio della battaglia Badoglio cercò di andare in prima linea ma i nostri soldati fuggivano tra lo stupore dei tedeschi che arrivarono a Caporetto alle 16”.

“Molti soldati si arresero al nemico”, prosegue lo scrittore, “ma per Cadorna la colpa fu di questi poveri ragazzi che volevano solamente smettere di combattere. I primi disertori si possono trovare tra le file dell’esercito francese e nel 1917 avvenne una crisi morale dei soldati e nell’agosto del 1917 Papa Benedetto XV definì la guerra nella sua enciclica come un’inutile strage. Questa enciclica ebbe tra i soldati un forte valore spirituale perchè i militari erano quasi tutti cattolici e molto legati alle parole del Pontefice. I soldati tedeschi erano più del doppio degli italiani che non avevano idea del numero reale dei loro nemici perchè questi, per ingannare gli italiani, salirono sul alcuni trenini di una miniera di zinco attualmente chiusa nei pressi di Bretto (oggi Log Pod Mangartom) ma la vera paura degli italiani era quella di scontrarsi con i bosgnacchi, soldati bosniaci intrepidi e coraggiosi. I tedeschi arrivarono alla stazione di Santa Lucia di Tolmino vestiti con uniformi austriache per ingannare gli italiani e quando i nostri ragazzi capirono la superiorità del nemico 300.000 si arresero e diventarono così prigionieri perchè stufi di combattere. Nella battaglia di Caporetto i morti furono circa 14.000 e vi fu una ritirata di 150 chilometri l’unica volta che occorreva una difesa. Cadorna sapeva che l’unica arma in nostro possesso era andare oltre le sponde del Piave e dopo Caporetto la sua testa cadde perchè avrebbe dovuto comportarsi in modo diverso. Badoglio fu processato ma venne assolto perchè le 16 pagine di testimonianze contro di lui sparirono e si scoprì che fu proprio Diaz a bloccare l’iter della commissione d’inchiesta perchè lo voleva al suo fianco. Tra Caviglia e Badoglio non correva buon sangue, Diaz fece un buon lavoro e Badoglio si comportò bene dopo Caporetto. Da quell’episodio tutto cambiò per i nostri ragazzi anche perchè vi fu un riscatto morale dell’Italia ed i ragazzi del 99, che rimpiazzavano i caduti, fecero in un certo senso rinascere l’esercito. L’Italia è l’unico paese coinvolto nel conflitto a non aver riabilitato i disertori anche se due anni fa ci fu un tentativo da parte dell’allora Parlamento che approvò la proposta alla Camera ma non al Senato”.

“Con Diaz vennero aumentate le paghe, i giorni di licenza e vennero promesse le terre ai combattenti e la battaglia del 15 giugno 1918 venne chiamata la battaglia del solstizio. Dal 1 aprile 1917 i soldati statunitensi arrivarono in Francia e questa fu una della cause che portò alla sconfitta degli Imperi Centrali”, conclude Cervone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *