giovedì, Marzo 21, 2019
Home > Attualità > “Pietra Filosofale” vuole dei “Sindaci filosofi”

“Pietra Filosofale” vuole dei “Sindaci filosofi”

Ma anche essere "Sindaci filosofi" costa


di GIORGIO SIRI - 10 Marzo 2019, 21:26

L’associazione culturale “Pietra Filosofale”, attiva nel comprensorio pietrese, aveva scritto ai candidati a sindaco, nell’imminenza delle elezioni amministrative, chiedendo sostegno per “Il nostro sogno in cantiere”, proposta di istituzione di un concorso letterario, che, in tale denominazione, possa rammentare il reputato passato cantieristico di Pietra Ligure.

Riportiamo un passo della “lettera aperta” di Pietra Filosofale, firmata dai fondatori Elvezia Benini e Giancarlo Malombra, indirizzata a chi si disputa, nella prossima competizione elettorale, il compito di amministrare il Comune:

“Si usa dire che con la cultura non si mangia: noi crediamo il contrario.

Ed è per questo che a Pietra Ligure nel 2016 si è inaugurato un concorso letterario sulla fiaba, su sollecitazione della nostra associazione e con accoglimento dell’Amministrazione comunale.

Ed è ciò che chiediamo al futuro nuovo Sindaco e alla nuova Amministrazione: “varare” di nuovo il concorso letterario, allargandolo a un vero e proprio FESTIVAL della fiaba.

E, altro “sogno in cantiere” della nostra associazione, portare la cultura nello spazio in disuso del CANTIERE, naturalmente bonificato, per dare nuovo significato a questo luogo, che ha dato un tempo lavoro a tanti cittadini, donando nuovi spazi lavorativi attraverso la cultura: qui avrebbe inizio il “VARO del FESTIVALINCANTIERE”. La nostra Associazione è costituita da persone impegnate nel sociale, psicologi, attori, musicisti, compositori, cantanti, insegnanti e soprattutto amanti della Vita e degli aspetti culturali di essa.

Creiamo eventi poiché crediamo che il benessere delle persone stia nella capacità di immaginare: immaginazione e narrazione sono il viatico per favorire un percorso verso il ben-essere. Il bello genera il bene, insegna Platone, e il mondo ha bisogno di ritrovare l’Anima. E tutto ciò porta anche una ricaduta economica. La nostra filosofia: l’Associazione vuole favorire l’alchimia di differenti linguaggi, promuovendo spazi di arte, cultura e spettacolo, convogliando le energie nascoste, rintracciando il messaggio archetipico attraverso la narrazione, tentando di recuperare i meandri del proprio Sé, per creare momenti di incontro, scambio e ascolto e per gioire dell’Incanto della Vita. La “Filosofia del Cantiere” si sostanzia nella concretizzazione di un sogno: è stato coniato dalla Associazione un progetto culturale denominato “Il sogno in cantiere” per ridare vita, in senso metaforico, all’ormai perduto cantiere navale della città di Pietra Ligure, in una nuova forma e in un nuovo spazio, ma con lo stesso intento, quello di progettare e costruire “mezzi” speciali, per poter viaggiare con l’immaginazione, strumento di fondamentale importanza per creare uno spazio e un tempo migliori in cui vivere. Il “Cantiere” come luogo di cultura permanente dove poter trascorrere un tempo dedicato al pensiero del cuore, per nutrire l’anima con letture, scrittura creativa, musica e canto, conferenze, mostre…”.

A tale appello ha risposto in modo sostanziale, sinora, il gruppo
Sinistra per Pietra Ligure“, che propone come sindaco Giovanni Zanelli, che ha diffuso la seguente nota:

L’associazione culturale Pietra Filosofale ha rivolto nei giorni scorsi un appello ai candidati alla carica di sindaco di Pietra Ligure affinché sia tutelata e promossa la cultura. In particolare si chiedeva di individuare negli spazi dell’ex cantiere un luogo da destinare alla cultura e di rendere stabili i progetti che sono stati da loro avviati anche in collaborazione con la biblioteca civica.

La nostra lista recepisce pienamente l’invito dell’associazione culturale in quanto i temi da loro sollevati sono parte integrante del nostro programma amministrativo. Il gruppo di lavoro, coordinato dal candidato consigliere Pier Giorgio Pavarino, che ha curato la nostra proposta per l’ex cantiere ha pensato di recuperare gli edifici tutelati da vincolo paesaggistico (archeologia industriale) in vista della successiva destinazione in parte all’istruzione in parte a uso uffici comunali. La proposta relativa al riutilizzo di questi spazi è ovviamente in divenire e del tutto flessibile: individuare in essi un luogo per la cultura rientra pienamente nei nostri progetti ed è del tutto coerente con la nostra idea di restituire, almeno in parte, alla cittadinanza pietrese ciò che le è stato tolto.

Il gruppo di lavoro, coordinato dalle candidate Laura Ferrando e Paola Schiaffino, che ha curato la nostra proposta culturale ha previsto, tra le altre cose, di promuovere un progetto bibliotecario di intercultura, di proporre eventi, conferenze, spettacoli dedicati sia alla conoscenza delle altre culture, sia di quella italiana collaborando con enti e associazioni.

Il nostro programma amministrativo è consultabile nei nostri social o nella bacheca di via Garibaldi.

Garantiamo che queste parole non rimarranno dichiarazioni di intenti, ma, in caso di elezione, diventeranno fatti concreti perché non abbiamo altri referenti cui rendere conto se non i cittadini pietresi e non abbiamo altri interessi da difendere se non il bene comune“.

Certo l’appello di “Pietra Filosofale” è meritorio, interessante, suggestivo, ma dare ad esso corso è altrettanto impegnativo, difficile, dispendioso, ed implica una “promessa” da mantenere assolutamente ed forse perciò che cli altri sono stati più guardinghi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *