domenica, Dicembre 15, 2019
Home > Attualità > Polemiche sul turismo

Polemiche sul turismo

Il M5S attacca ma sulle sabbie mobili

A eeguito dela diffusione dei dati negativi, presunti, sul turismo ligure da parte dell'”Osservatorio” regionale, di cui abbiamo scritto mercoledì 25 settembre – “Turismo ligure in altalena” il Movimento Cinque Stelle si scatena e, da parte del portavoce Fabio Tosi, così si esprime in merito:

“Il report dell’Osservatorio turistico della Regione Liguria è chiaro: è stato un luglio nero. Dati alla mano, il report ci dice che: gli arrivi in Liguria sono diminuiti del 2,7% e le presenze (vale a dire i soggiorni, impotantissimi per il comparto turistico) del 4,9%. Mettendo a confronto i dati del 2018 con quelli del 2019, significa che la Liguria ha registrato un deprimente -18.527 turisti in fatto di arrivi e un drastico -129.108 per quanto riguarda invece i soggiorni”. Così, il consigliere regionale Fabio Tosi commentando il report dell’Osservatorio.
Che poi aggiunge: “Di fronte a questi dati, Toti e Berrino cosa fanno? Diramano un comunicato in cui millantano un ‘calo contenuto nelle strutture alberghiere ed extra alberghiere e un incremento costante negli appartamenti’. L’ennesimo esercizio mediatico, tentativo maldestro di sviare l’attenzione dal fallimento della politica turistica dell’assessore competente e della Giunta cui appartiene: cercare di camuffare l’ennesima débâcle dichiarando che abbiamo avuto una ‘flessione tutto sommato modesta’ e che ‘le presenze turistiche lungo l’anno e in particolare in estate sono complessivamente aumentate’ (dichiarazione basata sui dati ancora provvisori di agosto) fa quasi ridere… se non ci fosse da piangere”.
“Meteo alla mano, luglio è stato un mese eccezionale. Aggiungiamoci poi che si è nel cuore dell’estate e che in quel periodo partono milioni di italiani per raggiungere le mete delle loro vacanze… viene naturale chiedersi come mai non abbiano scelto la nostra meravigliosa Liguria. Berrino se l’è chiesto?”
“Poiché Berrino ritiene che gli appartamenti ammobiliati ad uso turistico siano una risorsa e la risposta per chi cerca soluzioni di ospitalità non tradizionali, all’assessore chiediamo: ma Regione Liguria si è mai posta il problema di quanti turisti usufruiscano effettivamente di queste forme di ospitalità? Incrociando i dati (numerici, senza dati sensibili) forniti dalle strutture e trasmessi alle forze dell’ordine come da legge vigente, avremmo davvero contezza dei pernottamenti nella nostra regione. Se questo percorso iniziasse l’anno prossimo, il 2020 sarebbe l’anno zero: da lì dovremmo partire per stabilire l’appeal e le potenzialità turistiche della nostra regione. I confronti andrebbero poi fatti nel 2021 sul 2020. Solo con i dati reali e completi, potremmo chiederci come migliorare l’offerta e attrarre sempre più turisti in Liguria”.

E ancora, in risposta all’Assessore Berrino:

“Piacerebbe a tutti poter dire che in Liguria il turismo va bene. Piacerebbe a tutti leggere un report con il segno più. Purtroppo non è così. La matematica non è un opinione. Il segno meno indica valori sotto lo zero. Morale: trend negativo. Luglio nero. Come peraltro titolato e dettagliatamente riportato anche dal Secolo XIX di oggi… Forse l’assessore ritiene che finanche i giornalisti non sappiano leggere un banale report. E poi, Berrino in pratica dice che non dovrei dire la verità! Sennò italiani e stranieri potrebbero scegliere di non venire la prossima estate in Liguria. Chi a luglio ha scelto altre mete pur essendo venuto magari per anni in Liguria, avrà i suoi motivi. Che facciamo ora? Gli raccontiamo quella dell’uva? Io non sono uso a raccontare bugie: o una cosa va bene, o va male. E le politiche turistiche di questa Giunta non rientrano nella categoria del bene. Avete fallito. Fatevene una ragione. E cercate rimedi, anziché inventarvi realtà parallele. E proprio perché fallimentari, e senza speranza, ritengo che le politiche turistiche dovrebbero essere di esclusiva competenza del Ministero”.

A parte che i trends turistici sono motivati da ragioni molteplici e complesse ed ha poco senso, se non è proprio assurdo, imputare ogni colpa alla Giunta regionale sui numeri poco lusinghieri del turismo regionale, e sino a prova contraria, perchè più di una volta abbiamo messo in rilievo esposizioni di cifre contraddittorie, lo stesso “Secolo XIX” chiamato in causa da Tosi come autorevole fonte di attestazione dei dati negativi, riportava notizie di tutt’altro segno il giorno 1 settembre, in un articolo già da noi richiamato e che ora conviene riportare per intero, dal titolo: -Estate 2019 in Liguria: presenze in crescita e “boom” di stranieri-

Genova – Le Cinque Terre, il golfo dei Poeti e quello del Tigullio, ma anche Genova e il golfo Paradiso; poi la Riviera delle Palme e quella dei Fiori: oltre 300 chilometri di costa, in Liguria, che anche nell’estate 2019 hanno richiamato un turismo in crescita, soprattutto per gli arrivi degli stranieri.

La nostra regione è stata la quarta meta turistica preferita dagli italiani per l’estate 2019, secondo i dati diffusi dal Codacons, nonostante che i prezzi non siano tra i più economici: dopo una partenza un po’ in salita, col mese di maggio e la prima parte di giugno contraddistinti dal maltempo, luglio è stato da record. A partire dall’ottima performance dell’aeroporto Colombo, che ha visto proprio in luglio il mese più trafficato nella sua storia, con 179.997 passeggeri e 1679 voli tra arrivi e partenze, battendo il primato di settembre 2018. E anche agosto fa ben sperare: dall’1 al 25, il numero dei passeggeri è aumentato del 12,2% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, soprattutto grazie all’incremento di traffico dei voli internazionali, che segna un +20,7%.

«A segnare un dato positivo anche il weekend di Ferragosto da “sold-out”», secondo quanto riferito dalla Regione Liguria: «Gli operatori hanno espresso soddisfazione per come sta andando la stagione. Da quanto risulta sulle piattaforme social, le prenotazioni di camere e alberghi hanno oltrepassato il 94% e la Liguria risulta essere ai primi posti in Italia per camere prenotate».

Questo, nonostante che la Liguria sia la seconda regione più cara d’Italia per trascorrere una giornata al mare: secondo l’ultima indagine di Adoc, la spesa media sostenuta da una famiglia per trascorrere una giornata in spiaggia nella nostra regione è di 33 euro.

Come detto, e come è facile accorgersi passeggiando per le città e cittadine liguri, sono in forte crescita gli stranieri, che hanno nuovamente popolato le località balneari del territorio, ma non solo: oltre al mare, tedeschi, svizzeri e francesi hanno affollato anche musei e palazzi storici di Genova e non solo. L’aumento complessivo degli stranieri a partire da giugno 2019 rispetto a giugno 2018 è stato dell’8,34% (782.567 presenze, a fronte delle 722.306 dello stesso mese del 2018); numeri ancora “ufficiosi”, con un trend positivo anche su luglio e agosto.

Le destinazioni preferite dai viaggiatori
A trainare il mercato turistico, anche quest’anno, le Cinque Terre, scelte e apprezzate soprattutto dagli americani. Tra le località che hanno registrato gli aumenti più significativi ci sono La Spezia (+9,43%), Finale Ligure (+9,36%), Diano Marina (+8,73%) e Lerici (+8,18%); torna a crescere anche Genova, con un +1,5%.

Adesso, l’obiettivo è non fermare il trend anche nella stagione autunnale e in quelle a venire: Genova e la Liguria saranno protagoniste della prima edizione di “Liguria Travel Show”, la fiera del turismo ligure, organizzata da Confcommercio Genova, Matrimoniexpo ed LmStudios, sostenuta da Regione Liguria e Agenzia In Liguria, patrocinata da Comune di Genova e Convention Bureau; si terrà dal 25 al 27 ottobre ai Magazzini del Cotone del Porto Antico, con l’obiettivo di promuovere il territorio in Italia e all’estero e un’offerta turistica dedicata sia alle famiglie sia ai giovani, ma anche alle coppie in procinto di sposarsi e alla cosiddetta “silver age”.

Anche il “Secolo” avrà fatto riferimento, allora, a numeri e dati diffusi dagli “Osservatori”; è troppo stridente ciò che viene riferito sul medesimo argomento a distanza di poco più di venti giorni, tanto più che, pure a luglio, un altro titolo annunciava: “Turismo in Liguria, dati negativi per il 2019. Crollano le prenotazioni degli stranieri e scoppia la polemica”. Prima di scagliare invettive sarebbe meglio essere in grado di avere a disposizione dati certi, che sembrano mancare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *