giovedì, Marzo 21, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Porcellum & Mattarellum, “diritto di resistenza”

Porcellum & Mattarellum, “diritto di resistenza”


di Gianni Gigliotti - 4 Maggio 2015, 11:51

Si suole dire che la nostra Carta Costituzionale “sia la più bella del mondo”: e comunque una delle più nobili ed equilibrata in senso democratico, pregnante dei diritti doveri dei cittadini. Pochi ricordano, certamente non i giovani, che il 21 novembre 1946, in occasione dell’Assemblea Costituente con la stesura degli articoli della Carta, presenti i grandi fondatori della Patria, ricordiamo Dossetti, La Pira, Fanfani, fu proposto d’inserire un ulteriore articolo sul “diritto di resistenza, individuale o collettiva, contro quegli atti dei pubblici poteri, giudicati non consoni o peggio ancora in violazione della libertà e facoltà di espressione”. Dopo lunghe discussioni a proposito, evidentemente commettendo un errore considerando ciò che si sta verificando in questi giorni) l’articolo, proposto da Dossetti e da La Pira (fiorentino come Renzi ma evidentemente con diversa caratura e non solo politica) non fu inserito, con grande rammarico dello stesso La Pira che a proposito del diritto al lavoro puntualizzò che “nessuno potrà mai in base a una visione moralmente e tecnicamente sbagliata abbruttire questo valore sacro e basilare della nostra architettura democratica”. La disgregazione della Costituzione, come oggi si tenta di fare e in parte riuscita, significa cancellare con un tratto di spugna, diritti acquisiti nel tempo anche con lotte di principio e sacrifici enormi. Diviene dunque nostro impegno, di cittadini e uomini di buona volontà. Porre forte attenzione e mettere in atto, il “diritto di resistenza” affinchè non si concretizzi quanto e a proposito del “Mattarellum” oltre tutto giudicato non corretto dalla Corte Costituzionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *