Home > Attualità > Porto di Savona: numeri in aumento

Speriamo che si forniscano cifre e che non si "diano" numeri

Porto di Savona: numeri in aumento

Speriamo che si forniscano cifre e che non si "diano" numeri

Altalena su per l’economia savonese, nella specie riguardo ai traffici portuali; prima che qualche altro osservatorio esponga dati e numeri contrari, di seguito elenchiami quelli “buoni”, sperando appunto che tali rimangano: lieve ma soddisfacente incremento nel primo trimestre 2019 del traffico delle merci movimentato dal porto di Savona Vado: 3 milioni 820 mila tonnellate a fronte dei 3 milioni 790 mila del gennaio-marzo 2018, pari ad una crescita dello +0,7%, che è un dato sicuramente positivo rispetto alle attese. Vanno infatti sottolineati i problemi collegati agli effetti della mareggiata di fine ottobre, con numerosi cantieri aperti nei due scali e le ormai consolidate conseguenze negative del crollo di ponte Morandi.

L’aumento è dovuto principalmente alla performance (+14,6%) del traffico delle rinfuse solide che si è attestato a 807 mila tonnellate, di cui 219 mila tonnellate di carbone (-18,2%), 117 mila tonnellate di cereali e semi oleosi (-10,8%), 24 mila tonnellate di minerali (-52,8%) e 446 mila tonnellate di altre rinfuse secche (+75,9%). In lieve incremento anche le merci varie che hanno totalizzato 1 milione 390 mila tonnellate (+0,3%), di cui 1 milione 60 mila tonnellate di rotabili (-1,2%), 97 mila tonnellate di frutta (-19,7%). Sono state 106 mila tonnellate le merci containerizzate (+60,7%) con una movimentazione di contenitori che è risultata pari a 12.843 teu (-23,8%), 84 mila le tonnellate di prodotti forestali (+61,6%) e 42 mila tonnellate di acciai (-43,0%).

Nei primi tre mesi del 2019 il traffico dei passeggeri è stato di quasi 100 mila persone, con un calo del -16,4%, di cui 79 mila crocieristi (-19,9%), 11 mila passeggeri dei traghetti (-6,1%) e 11 mila passeggeri di altri servizi (+4,2%). Anche sul dato delle crociere influiscono i lavori in corso per abbassare di due metri il fondale del terminal per renderlo agibile alle navi di massima dimensione.

C’è anche un altro dato che contribuisce a mandare in archivio con moderata soddisfazione l’attività portuale savonese nel primo trimestre. Ed è il confronto con i traffici del porto di Genova, che tra gennaio e marzo sono diminuiti del 7,3% a 12 milioni 931 mila tonnellate. A conferma che il trend è in generale negativo, e che quindi anche un modesto incremento, in qualche caso, è un piccolo successo. Aspettando, ovviamente, il 2020 e il nuovo terminal contenitori in attività.

Pure un  altro dato è confortante, secondo le ultime rilevazioni, ovvero l’import – export con la Russia, che vale 21.4 miliardi per l’Italia, 4,3 miliardi per la Lombardia e 120 milioni per la Liguria. Lo dicono i dati elaborati al 2018 dalla Camera di commercio di Milano e da Promos Italia, l’agenzia nazionale per l’internazionalizzazione del sistema camerale. Si importa soprattutto gas, un settore in forte crescita e si esportano prodotti manifatturieri. Al primo posto Milano con 1,7 miliardi di scambi nel 2018, seguita da Siracusa con 1,4 miliardi, Pavia con 1,1 miliardi, Roma con 1 miliardo. Tra le prime anche Messina, Ancona, Verona, Bologna, Vicenza, Cagliari, Brescia, Treviso, Udine, Reggio Emilia, Venezia, Varese.

“Siamo ancora lontani dal recuperare i valori registrati prima delle sanzioni – dichiara Alessandro Gelli, direttore di Promos Italia – ma evidenziamo un’inversione di tendenza rispetto al biennio critico 2015-2016. Alcuni comparti strategici delle nostre relazioni commerciali con la Russia, come i macchinari e il tessile, stanno facendo registrare una timida ripresa. È necessario continuare a dare impulso a questo trend attraverso azioni mirate a supporto delle imprese”. Segnali di miglioramento che, almeno sulle statistiche, non si avvertono in Liguria, dove gli scambi con la Russia sono crollati, tra il 2017 e il 2018, del 29%. Un risultato causato soprattutto dalla drastica flessione dell’export registrato dalla provincia della Spezia (33 milioni di euro in meno) e delle importazioni in provincia di Genova (19 milioni in meno). Fluttuazioni che, nel caso spezzino, possono essere dovute anche alla particolare struttura produttiva che vede la presenza del distretto della nautica, per cui bastano poche consegne di imbarcazioni da diporto per determinare forti oscillazioni statistiche nell’export.

Va meglio per quanto riguarda Savona, dove i flussi sono più regolari. Tra il 2017 e il 2018 le vendite in Russia di prodotti esportati da Savona sono aumentate di quasi il 29%, passando da 23,8 a 30,6 milioni di euro, mentre le importazioni sono scese da 1,6 a 0,6 milioni (-62%). L’interscambio totale è stato pari a 31,2 milioni, in crescita del 23% rispetto ai 25,4 milioni dell’anno precedente. In Liguria positiva anche la variazione dell’interscambio con la Russia per la provincia di Imperia (+13,5%), mentre in profondo rosso sia Genova (-17,8%) sia La Spezia (-88.7%).

Esprimiamo ancora l’auspicio che qualche altro “osservatorio” non somti tutto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *