martedì, Agosto 20, 2019
Home > Sport > Possibile chiusura delle sedi C.O.N.I. provinciali

Possibile chiusura delle sedi C.O.N.I. provinciali

Ill.mo Dottor Petrucci, I sottoscritti Presidenti Provinciali e Delegati Provinciali delle suindicate Federazioni Sportive Nazionali e Delegati Provinciali della provincia di Savona, intendono, con la presente, farLe pervenire il loro pensiero in merito alla presunta futura possibile chiusura delle sedi Provinciali del C.O.N.I. di cui, ormai, si parla da tempo e, che, ci lascia sgomenti e frustrati su quello che potrà essere il futuro dello sport italiano che, anziché essere potenziato ed ancor più capillarizzato, verrà a subire un contraccolpo così negativo da decretare lo sfascio.

Nonostante il difficilissimo momento che la nostra Italia sta vivendo a livello economico e che noi, peraltro, ben conosciamo, troviamo decisamente negativa e controproducente lo smantellamento dei C.O.N.I. Provinciali con la conseguente sparizione del Consiglio Provinciale CONI, di cui noi ci onoriamo tuttora di far parte, e altrettanta conseguente scomparsa delle Federazioni Provinciali delle varie Federazioni Sportive.
E’ una decisione che porterà, purtroppo, a fare “figli e figliastri”: le grosse Federazioni Sportive, economicamente ricche non solo di Euro ma di numeri, continueranno ad esistere e provvedere ai loro bisogni: quelle cosidette “minori” ( che però minori non sono certamente) verranno quasi a cessare la loro attività in quell’opera di proselitismo e di diffusione sportiva che è vera base della crescita di uno sport e di una disciplina sportiva.
Non dobbiamo certo ricordarLe, Signor Presidente, che nello Statuto di tutte le Federazioni Sportive ( Statuti, peraltro, tutti approvati dal C.O.N.I Centrale) vi è, ai primi punti, la crescita e la diffusione di quella disciplina sportiva sul territorio con conseguente aumento del numero delle Società affiliate alla Federazione ed aumento dei tesserati.
Francamente non riusciamo a capire e comprendere come tutto questo abbia ancora a verificarsi quando lo stesso C.O.N.I. Centrale sta smantellando quanto è riuscito nei decenni passati, a costruire anche e sopratutto con il nostro lavoro che, Lei, Signor Presidente, sa bene essere del tutto gratuito e puramente volontaristico.
Verrà inoltre, cosa ancor peggiore, a mancare l’ausilio ed il supporto che i C.ON.I. Provinciali hanno fino ad oggi dato alle Federazioni che nel C.O.N.I. hanno trovato non solo quel dialogo sportivo utilissimo, ma quella solidarietà e quell’appoggio, non solo morale,senza il quale sarebbe stato impossibile proseguire sul nostro cammino.
La struttura e l’esistenza del C.O.N.I. a livello solo Regionale non sarà e non può essere sufficiente : il territorio della nostra, e non solo nostra Provincia, è molto vasto e tanti sono gli sport praticati come tanti sono i problemi ambientali e strutturali tali da imporre la presenza del C.O.N.I. a livello periferico provinciale.
Verrà a mancare l’unico e vero punto di appoggio, ed a patire di questa situazione saranno non solo le singole Federazioni Sportive, ma le Società Sportive dilettantistiche ( senza le quali nemmeno esisterebbero le Federazioni) e, di conseguenza, i giovani che praticando quello sport che, oggi, rappresenta a nostro giudizio, l’unica cosa seria ed onesta che ci resta per salvare la nostra gioventù sempre più abbandonata a se stessa dalle istituzioni e priva di ideali e di punti di riferimento.
Troppo spesso, noi che lo sport lo abbiamo fatto da atleti e che continuiamo a farlo da Dirigenti e Tecnici, sentiamo simposi e conferenze inutili solo ricche di retorica e di demagogia spicciola, quando sentiamo il mondo politico che invita quello sportivo a “medicare” questa gioventù malatissima spronandola a fare e praticare dello sport indipendentemente dalla disciplina sportiva che ognuno vuole intraprendere.
Ebbene, cosa vediamo? Che è proprio il C.O.N.I. che vuole levarsi i mezzi e gli strumenti per lavorare e per continuare, non solo a far crescere le nostre Federazioni, ma per svolgere quella importantissima ed indispensabile funzione sociale che, noi crediamo, rientri nei nostri compiti e nei nostri doveri di educatori a favore dei giovani.
Se il C.O.N.I. porterà a termine questo suo disegno, che noi tutti certo non condividiamo, è anche possibile che molti di noi, per quanto soli e privi di interlocutori, possano proseguire nella oro attività.
Ma è anche facilmente ipotizzabile che la stragrande maggioranza, sentendosi tradita ed abbandonata, lasci perdere un po’ tutto, chiudendosi in se stessa e guardando ognuno il proprio orticello proprio adesso che i C.O.N.I. Provinciali ci avevano insegnato e fatto ben capire da molti anni ormai, che è il lavoro comunemente fatto insieme che porta, con il tempo, alla soluzione delle molte problematiche in cui il nostro sport, sopratutto quello puramente dilettantistico, si dibatte.
A questa gioventù malata vogliamo levare anche i medici ed infermieri:
i risultati saranno a parere nostro, devastanti e ci duole pensare che a volere questo sia proprio il massimo Ente Sportivo Nazionale che da paladino che era e che dovrebbe ancora essere, diventa, invece, quasi persecutore.
Perdoni lo sfogo, Signor Presidente, ma non riusciamo davvero a trovare altri termini: noi sportivi, Lei lo sa bene, siamo abituati a parlar chiaro senza troppi fronzoli o complimenti: d’altronde a cosa servirebbero?
Certamente Lei comprenderà la nostra delusione e la nostra amarezza dovuta certo anche al rammarico di aver capito di aver dedicato anni ed anni della nostra vita, con sacrifici personali economici e familiari, ad una nobile causa che, tutt’un tratto, viene bandita da cui, questa causa, doveva alimentarla, migliorarla e potenziarla.
Noi siamo perfettamente convinti che, anche con risorse economiche dimezzate dovute al particolare momento che stiamo attraversando, il giocattolo C.O.N.I. non vada distrutto o smantellanto: siamo certi che la nostra parte continueremo a farla anche in gravi difficoltà, disposti a metterci di tasca anche qualche spicciolo ( come se non lo avessimo mai fatto), ma condizione “sine qua non” che il C.O.N.I., almeno, ci supporti con le sue strutture perchè “vogliamo” che la nostra bella realtà della nostra, come di tante altre Provincie, non venga ad essere inghiottita dal nulla.
Non ci stiamo a disintegrarci dopo un’intera vita di sacrifici e di rinunce personali, non ci stiamo ad essere messi da parte come delle inutili comparse, non ci stiamo a lasciare i nostri giovani allo sbando, quando ancora tantissimi di essi, hanno bisogno di questa magica parola e che è lo “SPORT”.
Ed allora, Signor Presidente, concludiamo queste nostre riflessioni con il preciso invito alla S.V. Di poter rivedere con tutta la Sua Giunta l’intero discorso portando quelle modifiche migliorative che non andranno certo a nostro vantaggio, ma a vantaggio dei nostri giovani e di tutta la nostra Società, che dello sport ha ancora tanto estremo bisogno!
Ma prima di salutarla con immutata stima, ci permetta, Signor Presidente di fare ancora un piccolo approfondimento. Ma il nostro Governo, per lo sport italiano, cosa ha fatto negli ultimi quarant’anni, cosa ha intenzione di fare per il futuro? Non ha soldi? Questo possiamo capirlo!
D’altra parte fino ad oggi di soldi dal mondo dello sport ne ha soltanto presi, quello che non comprendiamo proprio è il perchè non si ponga nemmeno il problema di che cosa sia lo sport, di come viene fatto, dei valori che esso ha, del basilare e fondamentale momento educativo che esso ha nella crescita dei nostri giovani!.
Basterebbe, anche se i fondi mancano, da parte del nostro Governo, una parola di conforto, di aiuto almeno morale, di solidarietà per coloro che si sbattono ogni giorno con i giovani levandoli dalla strada o da luoghi ancora peggiori :
nemmeno questo ci ha saputo dare! Eppure, noi tutti, abbiamo continuato e continuiamo a dare!.

Savona : dicembre 2011

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *