giovedì, Ottobre 17, 2019
Home > Attualità > Poveri a Savona, ricchi a Bergeggi

Poveri a Savona, ricchi a Bergeggi

Se Savona è scivolata verso il reddito basso, come già altrove rilevato, i più poveri vivono comunque nell’entroterra, soprattutto in Alta Valle Bormida e, più ancora, nell’Alto Albenganese, mentre i più ricchi sono concentrati sulla costa e più verso ponente che verso levante. E’ la fotografia socio-economica della provincia di Savona letta attraverso i redditi Irpef relativi alle dichiarazioni dei redditi 2017 (anno di imposta 2016). Quanto poi sia esatta o sfuocata o fantasiosa tale immagine del malessere e del benessere è campo di altri studi, considerazioni ed opinioni. Il quadro che emerge è comunque interessante da analizzare e, a grandi linee, conferma quanto espresso da altre statistiche, ad esempio il valore delle case, il reddito delle famiglie e la vivacità imprenditoriale.

“Infodata” ha tracciato due linee di “demarcazione”, i confini tra “povertà” relativa e “ricchezza”sempre relativa ed entrambe, si potrebbe aggiungere “fluttuanti”! Nel campo della “povertà”, di chi sta peggio insomma, si trovano i contribuenti che lo scorso anno hanno dichiarato al fisco un imponibile inferiore ai 10 mila euro, ovviamente al netto di eventuali elusioni ed evasioni. A livello nazionale queste dichiarazioni hanno riguardato il 29,13% del totale dei contribuenti. Oltre la seconda linea, invece, che separa i “ricchi” dalla folla di chi gruppone chi ha denunciato scaglioni di reddito non superiori ai 55 mila euro, si trova, a livello nazionale, soltanto il 4,34% delle dichiarazioni presentate lo scorso anno.

La provincia di Savona non si discosta molto da questi dati medi, ma con una varietà di situazioni davvero curiose. Ad esempio, per quanto riguarda le dichiarazioni inferiori ai 10 mila euro, le quote più alte sono state registrate a Erli, dove rappresentano il 43,83 del totale (quasi una su due) e ad Onzo (42,77%), con Nasino che ha sfiorato il 40% (39,86%). Ci sono poi altri 21 comuni, su un totale di 69, dove i contribuenti che hanno dichiarato meno di 10 mila euro superano il 30%. Tra questi gran parte dei centri dell’entroterra ingauno, l’Alta Valle Bormida con Calizzano, Bardineto, Osiglia (ma non Bormida o Murialdo). Ma non mancano le sorprese: Garlenda, comune ritenuto tra i più esclusivi quanto a benessere, colleziona il 31,09% di dichiarazioni “povere”, Albenga è al 31,79%, Borghetto al 31,78%, Ceriale al 30,13% e Laigueglia al 30,17%.

Savona città, in questa classifica, è ben al di sotto della media nazionale dei contribuenti poveri (solo il 23,48%), il numero dei “poveri” ancora in comuni benestanti come Bergeggi (19,98) e Albissola Mare 21,42%. La sorpresa, semmai, è che tra i paesi con un numero minore di dichiarazioni da semi-indigenti, si contino Plodio (21,03%), Cosseria (21,13%), Cengio (21,21%), Roccavignale (21,40%).

E i “ricchi” dove sono? Nessun dubbio, il comune più largo nei confronti del il fisco è quello di Bergeggi, dove non solo si trova il minimo di dichiarazioni sotto i 10 mila euro, ma anche il massimo di quelle “over 55 mila”: ben 97, di cui 40 tra 55 e 75 mila euro, 39 tra 75 e 120 mila, 18 sopra i 120 mila euro l’anno. Tenuto conto che i contribuenti sono stati 886, la percentuale di chi ha dichiarato più di 55 mila euro è al 10,95%, oltre due volte e mezza il dato nazionale. Meno ricchi di Bergeggi sono i Comuni di Albissola Mare (8,59%), Borgio Verezzi (7,29%), Alassio (6,90%), Celle Ligure (6,49%), Garlenda (6,28%), inclini alla “povertà” sono Varazze (5,97%), Laigueglia (5,76%), Finale Ligure (5,36), Savona (5,25), Spotorno (5,12%) e Pietra Ligure (5,00%). Albenga scende ancora, con il 3,24%.

Un ultimo dato è da sottolineare: in 12 comuni non è stata ricevuta alcuna dichiarazione superiore a quota 55 mila; si tratta di Mioglia, Murialdo, Osiglia, Bormida, Massimino, Castelvecchio, Erli, Nasino, Castelbianco, Onzo, Zuccarello e Testico. Paesi dove non sarà certo l’Irpef comunale a risolvere i problemi di bilancio, salvo sorprese!

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *