domenica, Ottobre 20, 2019
Home > Attualità > Presentato ad Albenga il progetto “New Pilgrim Age” dedicato a San Martino

Presentato ad Albenga il progetto “New Pilgrim Age” dedicato a San Martino

“Il progetto è cofinanziato dall’Unione Europea e fa rivivere l’ospitalità come la intendeva San Martino”, ha dichiarato Davide Geddo in merito alla presentazione del progetto “New Pilgrim Age” dedicato a San Martino, “e sono coinvolti altri paesi comunitari. Dopo attenti studi abbiamo scoperto che il famoso santo ha soggiornato per circa 4 anni sull’isola Gallinara”.
Stessa soddisfazione da parte della storica Josepha Costa :”La figura del santo è molto importante ed è stato accertato da documenti che ha soggiornato sull’isola Gallinara. Martino è uno dei santi più venerati e dopo di lui altri eremiti sono giunti sull’isola e sucessivamente è stato creato un monastero. Molti documenti importanti sono presenti in Catalogna ed il monastero era soggetto solamente al Papa. Albenga è conosciuta anche al di fuori della zona e questa è un’ottima opportunità per la città anche perchè sono certa che si possa sviluppare il turismo culturale. Grazie a San Martino la nostra città è conosciuta anche in ambito europeo”.
“Il progetto è stato coperto da un finanziamento importante e tra i partner vi sono la città natale di San Martino e Lubiana, capitale della Slovenia”, sottolinea Davide Geddo, “e questo progetto mostra un nuovo modo di lavorare che è molto burocratico ma anche concreto ed è importante coinvolgere la cittadinanza. L’unico partner italiano è un’associazione di proloco venete ed il progetto prevede anche uno scambio con altre città creando percorsi di valorizzazione comuni evidenziando il turismo culturale e religioso. Occorre fare studi per capire quali iniziative possono avere successo e anche le altre città coinvolte puntano ad un turismo sostenibile dietro al quale vi è un grande sviluppo economico. Se il lavoro va a buon fine questa collaborazione è solo l’inizio e per noi lo scambio è importante perchè prevede lo sviluppo di sinergie, business, comunicazione e ricerca e le sinergia coinvolgeranno soprattutto le scuole e le istituzioni. Questa è per Albenga una buona opportunità di crescita e la nostra città sarà responsabile per le strategie nei prossimi dieci anni”.
“Ho collaborato con il comune per questo progetto e conosciamo bene il campo d’azione e tutti i paesi coinvolti riflettono su come l’eredità di San Martino possa essere attualizzata”, ha evidenziato la dottoressa Vecchia, “e l’eredità spirituale può essere sviluppata con la condivisione e l’uso di nuove tecnologie senza però dimenticare il patrimonio antico. Saranno coinvolti gli stakeholders, che sono i portatori di istanze con la progettazione di fondi strutturali dando importanza al capitale umano. Occorre raccogliere idee e farle circolare in una sorta di progettualità condivisa ragionando sul lungo periodo individuando un change driver che rappresenta il territorio e per Albenga è stato scelto Mattia Righello. Vi sarà anche un team di progetto composto prevalentemente dagli amministratori pubblici ed un team di progettazione transnazionale con i suoi rappresentanti con il trasferimenti delle conoscenze e delle decisioni assunte. Stiamo raccogliendo i punti di vista di dei nostri partner con una visione locale specifica molto importante e vi è un corconso di idee internazionale. Abbiamo richiesto road map locali ed internazionali con l’obiettivo di identificare le aree di intervento facendo sinergie tra le iniziative. Il confronto con realtà diverse sarà una sorta di volano per un’azione importante e al termine di tutto si provvederà alla promozione ed al marketing. Il lavoro della comunità locale è molto importante così come la possibilità di fare rete senza dimenticare l’aiuto degli esperti. Dobbiamo essere creativi dialogando anche con coloro che finanziano il progetto”.
“Sono onorato del ruolo che mi è stato assegnato e anch’io sono convinto che vi sia la necessità di fare rete ed occorreranno circa tre anni per realizzare qualcosa d’importante, ma occorre la collaborazione di tutti i settori”, conclude Mattia Righello.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *