domenica, Agosto 25, 2019
Home > Attualità > Presentato il libro “Strategica Albenga”

Presentato il libro “Strategica Albenga”

E’ stato illustrato, alla presenza del sindaco Riccardo Tomatis, degli assessori Vannucci, Pollio e Pelosi, dei consiglieri Cangiano, Ilaria Calleri, Radiuk e Ciangherotti e di numerosi cittadini, il libro intitolato “Strategica Albenga” scritto dal dottor Padovano e frutto di un lavoro già avviato con la precedente amministrazione Cangiano e protrattosi fino a collaborare con la “squadra” a guida-Tomatis attualmente in carica. Il Comune ha infatti commissionato al criminologo un’ “Analisi di Fattibilità delle Politiche di Sicurezza Urbana”.

“Ringrazio il dottor Padovano ed il professor Verde”, ha dichiarato il primo cittadino albenganese, “e voglio dire che la sicurezza è stato un tema importante per la campagna elettorale. Abbiamo portato avanti un percorso importante poichè la sicurezza è fondamentale per la nostra città. Le cose possono migliorare ma stiamo iniziando un percorso importante ed occorre rispetto per chi investe qui. Riguardo agli stupefacenti voglio dire che occorre la repressione ma anche la prevenzione e lo studio sui dati ottenuti è un punto di partenza per noi importante affinchè le cose possano migliorarsi”.

Parole simili da parte dell’assessore alla sicurezza Mauro Vannucci :”Ringrazio il comune che ha creato un assessorato alla sicurezza ed il sindaco Tomatis ha molto coraggio nel non abbassare la guardia su questo tema. I comitati di controllo di vicinato sono riconosciuti dalla Prefettura ed occorre anche usare la scienza per capire il problema”.

“Studio questo fenomeno ad Albenga da ben 14 anni ed ho avuto un confronto diretto su questi temi con il sindaco Rosy Guarnieri che ha governato la città dal 2010 al 2013”, afferma il dottor Padovano, “e questa collaborazione è continuata anche dopo l’insediamento del suo successore, Giorgio Cangiano, lavorando con le associazioni, la Polizia Municipale ed altre realtà. Abbiamo costruito una rete per far parlare il territorio lavorando sui dati veri e sulla percezione senza dimenticare il consumo delle droghe e lo spaccio stanziale e delocalizzato. Abbiamo lanciato diversi spunti su cui ragionare e uno di questi era appunto la creazione di un assessorato ad hoc da parte della nuova amministrazione comunale albenganese. Una particolare attenzione va dedicata a Via 8 Marzo, Via Dalmazia e Viale Pontelungo, area che necessita di una nuova identità. I dati riguardanti i giardini vicini alla bocciofila ci fanno stare tranquilli ma occorre attenzione; in alcune zone la percezione della sicurezza è molto bassa ed occorre lavorare con tutti i soggetti per la riappropriazione dello spazio sociale senza dimenticare di dover tener conto degli stranieri regolari per il miglioramento della qualità della vita”.

“Cosa appare può essere diverso da cos’è davvero ma ci rappresenta all’esterno e la sicurezza percepita è diversa da quella reale”, sottolinea il professor Verde, “e dobbiamo quindi coltivare la sicurezza nei nostro gruppi e nelle nostre città. Abbiamo la responsabilità di cosa succede ma dobbiamo lavorare per la sicurezza legata alla voglia di cambiare”.

“Riguardo alla droga voglio dire che ora costa meno rispetto al passato ed è quindi un problema complesso”, riprende Padovano, “ma ad Albenga si può fare qualcosa per migliorare”.

“La tutela delle minoranze è una situazione complessa; con la criminalità si tende a mettere il male nell’altro e le paure aumentano con il peggioramento delle condizioni economiche”, conclude il professor Verde.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *