Attualità

Presentazione del progetto per il Nuovo Galliera: Movimento Cinque Stelle scatenato…

Ci perviene il seguente comunicato del Movimento Cinque Stelle Regionale:
Da anni il MoVimento 5 Stelle conduce una battaglia pressoché solitaria, a tutti i livelli istituzionali, per fermare quello che si annuncia come un progetto inutile e devastante per il territorio. La consigliera regionale Alice Salvatore in più occasioni ha portato all’attenzione pubblica i dubbi del MoVimento 5 Stelle, delle associazioni e dei comitati del territorio, fortemente contrari a questo progetto che drena centinaia di milioni di Euro pubblici per sostituire l’antico ospedale con un ospedale più piccolo e con meno posti letto, creando nel contempo appartementi di lusso, cementificando buona parte della collina di Carignano.  
Luca Pirondini, presente oggi all’incontro di presentazione del progetto (Alice Salvatore era impossibilitata per motivi di salute) ha colto l’occasione per rivolgere 9 domande al Cardinale Angelo Bagnasco, Presidente dell’ente Galliera e principale fautore del progetto del nuovo ospedale. 
1) Il governatore Burlando vi aveva proposto di costruire il nuovo Galliera a Ponente, ma avete rifiutato: perché? Non pensa che, anziché costruire il secondo Galliera in Carignano, a due passi dal San Martino, sarebbe più equo costruirlo a Ponente per rispondere al diritto alla salute di una porzione popolosa di genovesi?
2) Dopo aver occupato un seggio nel consiglio di amministrazione di Carige, dei cui risultati in termini finanziari ed occupazionali sono ormai piene le cronache e gli atti giudiziari, non ritiene che la Curia genovese dovrebbe tenersi lontana da operazioni finanziarie di cui accolla le spese ai cittadini di Genova? Siccome avete commissionato l’ennesima versione del piano economico-finanziario, alla Deloitte nella Primavera del 2017, abbiamo più volte chiesto una copia, perché non ce la date?
3) Il complesso ospedaliero Galliera negli anni ’80 offriva oltre 1.200 posti letto per i genovesi. Oggi ne ha poco più di 400 e le cronache ci riferiscono dei gravi disagi quotidiani che si registrano al pronto soccorso. Il nuovo Galliera è dimensionato per 277 posti letto: non le sembra una follia distruggere un ospedale enorme, devastare un quartiere e spendere centinaia di milioni di euro pubblici per costruire un costosissimo ospedaletto con un quinto dei posti letto?
4) Il progetto del nuovo Galliera prevede di abbattere centinaia di alberi e sventrare la collina di Carignano per realizzare centinaia di appartamenti di lusso. Vuole essere ricordato dai genovesi come il promotore della speculazione immobiliare più impattante dopo quella di via madre di Dio?
5) Il complesso ospedaliero edificato dalla duchessa, un tempo vincolato, verrà irrimediabilmente distrutto per fare spazio ad un piccolo ospedale e a centinaia di appartamenti di lusso. Al soprintendente che ha rimosso i vincoli, una volta in pensione, lei ha affidato il restauro della cattedrale di San Lorenzo: non sembra quantomeno una scelta inopportuna? 
6) E’ mai possibile che di 20 padiglioni, tutti funzionanti e su cui sono stati appena investiti milioni di euro per ristrutturazioni, se ne conservi solo uno, la medicina nucleare? Non le pare uno spreco dismettere un ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione, pluripremiato e festeggiato negli anni dai Ministri in persona? Come può ignorare il vincolo a perpetuo uso sanitario posto dalla fondatrice sui suoi storici padiglioni?
7) Non le pare eccessivamente temerario realizzare questa operazione con demolizioni, scavi, polvere, rumore e vibrazioni a due passi dallo storico ospedale che continuerà a funzionare con i malati nei container affacciati sul cantiere? Sono previste decine di camion per anni a trasportare macerie e materiali: quale accessibilità verrà garantita al pronto soccorso del Galliera? Oppure lo chiuderete e i genovesi perderanno un altro servizio?
8) Con quali fondi farete fronte ai tempi extra per gli alti rischi archeologici e idrogeologi?
9) Il Tar Liguria ha confermato che gli atti del Galliera devono essere resi pubblici: perché non lo fate e accampate cavilli legali per non mostrare le carte? Che cosa avete da nascondere? ”
Riteniamo opportuno pubblicare le linee del progetto del “Nuovo Galliera”,tra l’altro presentato ieri al Palazzo della Borsa, Bagnasco ed Assessore Viale presenti, illustrati sul sito dell’Istituzione:

Il Nuovo edificio (Lotto 1) è progettato come Ospedale a “misura di paziente” proponendo un innovativo concetto di cultura assistenziale. Si è sviluppato un progetto modellato sulla centralità del paziente, che ha previsto l’applicazione di nuovi sistemi funzionali e organizzativi, come: l’ospedale per intensità di cura e l’ospedale snello; lo sviluppo di contenuti scientifici e tecnologici con una forte attenzione alle esigenze di personalizzazione, comfort e sicurezza; la realizzazione di un Green Hospital un’opera cioè a basso impatto ambientale che prevede l’utilizzo di innovativi sistemi di razionalizzazione nell’uso dell’energia (impianto tri-generazione in grado di produrre energia elettrica, termica e frigorifera; impianto a pannelli fotovoltaici e solari; sistemi di recupero calore sottratto a frigoriferi, celle frigo e camere fredde).

Il Nuovo Galliera sorgerà sull’area attualmente occupata dai padiglioni non storici e dai parcheggi dei dipendenti. Sarà un ospedale compatto, dotato di percorsi semplici e distinti tra pazienti, visitatori e personale sanitario, con due ingressi: uno da Corso Aurelio Saffi verso il mare per l’accesso al Pronto Soccorso e l’altro da Via Volta per pazienti e visitatori.
L’edificio si sviluppa su tre piani esterni (l’altezza massima è inferiore di circa 4 metri rispetto alla linea di gronda dell’Ospedale storico) che poggiano su un giardino pensile, che costituisce la copertura dei piani seminterrati.
Grandi e ampi patii attraversano verticalmente tutta la struttura, consentendo alla luce naturale di raggiungere tutti gli ambienti interni dei sette piani della struttura.
Al fine di semplificare l’accessibilità degli utenti ai vari servizi, l’ospedale presenta una netta distinzione funzionale tra le degenze suddivise in alta, media e bassa intensità, l’ospedale “di giorno”, e le piastre a maggiore complessità clinica e tecnologica.
L’ospedale, dotato di 404 posti letto, propone un alto comfort alberghiero con camere con due letti (alcune ad uso singolo), aria condizionata e bagno personalizzato.

A completamento del nuovo ospedale, tutti i padiglioni storici non accoglieranno più pazienti e al loro interno saranno allocate funzioni di supporto quali: uffici amministrativi, aule didattiche, spogliatoi, depositi, magazzini, mensa, spazi museali. I rimanenti padiglioni (B1, B2 e B3) saranno la sede del centro di ricerca finalizzato allo studio sull’invecchiamento.
Il progetto di riqualificazione è stato sviluppato di concerto con la competente Soprintendenza della Regione Liguria e ponendo tra i principi fondativi il restauro dell’edificio monumentale.
L’inserimento delle nuove funzioni non più strettamente sanitarie ben si coordina con il perseguimento di una progettazione non invasiva ma improntata al rispetto dell’edificio monumentale e sviluppata col tema del “costruire nel costruito”.
Ciò permette di ottenere vantaggi in termini di risparmio energetico e in generale del rispetto delle normative vigenti con una serie di interventi comunque reversibili.

Da quanto è emerso nel corso della presentazione, l’edificio costerà 140,5 mln di euro (112 di realizzazione, 15,8 di oneri di progettazione e 12,7 di iva) e 17,2 milioni per la ristrutturazione dei padiglioni storici. Sarà coperto attraverso circa 43 mln di euro di fondi pubblici provenienti da leggi nazionali, 43 mln stimati dalla cessione al mercato immobiliare di tre palazzi, 9,6 mln da precedenti cessioni e 45 mln di mutuo. L’inizio della costruzione del nuovo Galliera è previsto a metà 2019, l’inaugurazione all’inizio del 2024.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: