mercoledì, Ottobre 16, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Presidente della Repubblica, il futuro o il ritorno al passato

Presidente della Repubblica, il futuro o il ritorno al passato

Dopo il ‘miracolo’ dell’elezione al Soglio Pontificio di Papa Francesco, il popolo italiano spera in un altro ‘miracolo’: l’elezione di un Presidente della Repubblica al di sopra delle parti, estraneo e nemico degli inciuci delle ‘sacrestie’ del potere fine a se stesso, un Presidente di grande personalità, di indiscusso valore morale, di attenta partecipazione al sociale, difensore nobile dei valori della nostra Patria nel mondo.

C’è oggi la straordinaria opportunità, probabilmente l’ultima prima del caos finale, di dare un senso concreto alla tanto conclamata necessità di cambiare registro. Tutti, o quasi, i nominativi ricorrenti in questa tornata elettorale, si rifanno a ciò che è definito come il ‘Jurassic Park ‘ della politica: c’è poco da stare allegri e tanto da preoccuparsi, forse anche da piangere. La speranza se così si può chiamare (e non perchè proposto dal Movimento5stelle, con le Quinarie, al quale comunque va dato merito se non fosse altro come atto di lungimiranza e coraggio) è affidata, semplicemete e senza alcun sott’inteso, a quattro personaggi universalmente riconosciuti come ‘persone per bene’, Galbanelli, Strada, Rodotà, Zagrebelsky. Non entriamo in merito, rispettiamo le opinioni di tutti, ma non possiamo esimerci dal pensare ai nostri figli e nipoti i quali hanno il sacrosanto diritto di avere un futuro sereno e non l’imposizione di un torbido ritorno al passato.

Gianni Gigliotti

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *