lunedì, Gennaio 20, 2020
Home > Attualità > Presto Internet a banda larga al Santuario

Presto Internet a banda larga al Santuario

Nel corso di recenti riunioni (15 Febbraio e 19 Marzo) con l’Assessorato ai LLPP, la Telecom ha richiesto una deroga al nostro Regolamento per la manomissione del suolo pubblico, proponendo l’utilizzo di una nuova tecnica di scavo, detta “mini trincea”, con cui non è necessario scendere alla sotto quota di cm. 80, ma basta fermarsi a cm. 30. Inoltre, con questo nuovo metodo, la larghezza dello scavo si riduce dai consueti 80 / 100 cm. a 5 – 8 cm. ed il ripristino non deve più essere prima provvisorio e susseguentemente definitivo (con circa 20 / 30 giorni di disagio), ma subito definitivo, contestuale allo scavo.

La Telecom ci ha proposto l’effettuazione, a sue totali spese, di km 11 di lavori, oggi già finanziati, assicurando, comunque, la copertura di tutta la città entro la fine del 2014.  Nel mio ruolo politico amministrativo, ho richiesto l’impegno ufficiale della Telecom affinché gli interventi interessassero tutta Savona, con particolare attenzione alla zona del Santuario, concetto che è stato inserito nel testo della Delibera da me presentata in Giunta e che rappresenta una conditio sine qua non. Pertanto, già nel primo stralcio dei lavori verrà inserita tale frazione, con banda larga di 20 Mbit/s (potenza oggi utilizzata in Savona).  Nel secondo stralcio verrà completato tutto il territorio comunale e la banda larga verrà portata a 30 Mbit/s in tutte le periferie.
Queste le condizioni richieste alla Telecom:
– la deroga è finalizzata solo agli interventi di installazioni di reti di comunicazione elettronica in fibra ottica;
– la deroga viene concessa solo per l’applicazione della tecnica di “mini trincea”;
prima di effettuare lo scavo, il richiedente deve eseguire una accurata indagine del sottosuolo, con il sistema Georadar o simile;
– deve essere evitata in modo assoluto qualsiasi sovrapposizione dei sottoservizi;
– unitamente alla richiesta di autorizzazione alla manomissione del suolo pubblico (che chiunque deve inviare, come da vigente normativa, a questo Assessorato), la Telecom dovrà allegare la progettazione completa degli interventi previsti in tutto il territorio comunale;
– gli eventuali futuri spostamenti dei cavi dovranno ottenere l’autorizzazione dell’Amministrazione Comunale e saranno effettuati a cura e spese del richiedente.
La Giunta ha approvato. Vista l’importanza del progetto, ho chiesto al Dirigente ed agli uffici di seguire il problema assiduamente, con specifica attenzione ai lavori che debbono portare al Santuario la banda larga, opera da molti anni attesa dagli abitanti della frazione. Credo che, per molti di questi cittadini, il raggiungimento di questo traguardo rappresenti un atteso miglioramento nel loro convivere quotidiano e nelle loro attività lavorative.

Francesco Lirosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *