lunedì, Giugno 24, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Primarie Pd, lische di pesce, lacci e tagliole

Primarie Pd, lische di pesce, lacci e tagliole

Si dice che ‘l’esperienza acquisita nel tempo è dovuta alla somma degli errori passati’, bella frase se non fosse che il concetto, nella politica e nello specifico nei nostri politicanti amministratori, è continuamente dissatteso dal peggio di ieri, ‘tangentopoli’, al molto peggio di oggi ‘depredopoli’. Tutto ciò, per rappresentare la similitudine, in riferimento alla disfida, primarie PD, che ancora risente di pericolose scorie del passato e metodi illiberali che, nel 2012, non hanno ragione di essere oltre che mortificanti.

La stampa di questi giorni, sia in chiave nazionale che in chiave locale (provincia di Savona) riporta dei comitati in fase organizzativa, pro Bersani, Renzi, Vendola e compagnia: ovviamente del tutto leciti e opportuni per una partecipazione fortemente sentita e motivata. ‘L’asino casca,’ come si suol dire, quando alcune segreterie/sacrestie di partiti satelliti al PD, dichiarano pubblicamente, tout court, l’appoggio a Tizio o Caio, facendo intendere una unità di convergenza da parte di tutti i loro iscritti: come, ad esempio, se il PD in toto, dichiarasse pubblicamente l’appoggio al solo Bersani: fatto improponibile oltre che disgregante, impensabile che donne e uomini, giovani e anziani, rinuncino allo loro volontà di scelta, di opinione e quant’altro in piena libertà di pensiero e coscienza. Tutto ciò si palesa come una mossa, ‘tanto sciocca quanto speculativa’, come ‘schiacciare l’occhiolino a una bella donna’ sperando di essere corrisposti almeno con un sorriso’, cioè sperando che ad eventuale vittoria del candidato sponsorizzato, questi contraccambi poi con qualche ‘lisca di pesce’. In chiave locale (provincia di Savona), ‘Futuro è Socialismo’, ‘Azione Riformista’, convergenti nel ‘Movimento’, aderenti al ‘Gruppo di Volpedo’, hanno convenuto che ogni iscritto ha facoltà di votare chi meglio desidera, senza per altro dare adito ad alcuno coinvolgimento diretto, o peggio ancora interessato, delle proprie associazioni: ‘socialisti non si diventa ma si nasce, impegnati in un percorso politico moderno a prefigurare un mondo più giusto e più limpido, senza lacci e tagliole.’

Gianni Gigliotti
www.azioneriformista.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *