venerdì, Gennaio 24, 2020
Home > Attualità > Primo Maggio a Savona

Primo Maggio a Savona

A Savona, la tradizionale manifestazione per il Primo Maggio, organizzata dalle Rappresentanze Sindacali, ha avuto una partecipazione ampia e significativa. Iniziata con il comizio per CGIL CISL UIL, in Piazza Sisto IV, tenuto, dopo le parole di saluto del Sindaco Ialria Caprioglio, tenuto dal Segretario Generale della FeLSA CISL Nazionale Mattia Pirulli, è poi proseguita con il corteo per le principali vie cittadine con la consueta partecipazione delle bande Forzano e S.Ambrogio.
“Questo è un territorio – così, tra l’altro, si è espresso Mattia Pirulli nel suo intervento- colpito da una pesante crisi industriale, interessato da importanti vertenze aziendali che rischiano di avere impatti occupazionali disastrosi. Le vertenze a più alto impatto occupazionale come la Piaggio che è patrimonio non solo di questa provincia, non solo di questa regione, ma è patrimonio dell’Italia intera o come Bombardier che complessivamente rischiano di lasciare a casa quasi duemila persone. Sulle quali pesano scellerate scelte aziendali, ma anche pesanti decisioni dei Governi che in questi anni si sono avvicendati alla guida del nostro paese. La provincia di Savona è anche un territorio contraddittorio perchè offre grandi opportunità di sviluppo e fa registrare interessi di nuovi investitori che intravvedono enormi possibilità nella collocazione strategica. Si pensi allo sviluppo della portualità e all’indotto che va opportunamente programmato per mettere a frutto tutte le potenzialità del settore. Occorre che le istituzioni locali e nazionali intervengano velocemente per salvaguardare le eccellenze produttive già esistenti e per sostenere i nuovi investimenti nell’’ambito di un piano di sviluppo industriale nazionale. Anche su questo territorio purtroppo si registra un forte ritardo nell’adeguamento e nella realizzazione delle infrastrutture indispensabili per sostenere lo sviluppo economico nei vari settori da quello industriale logistico a quello commerciale turistico. Ritardi che non permettono un pieno e vero sviluppo del territorio e del turismo sul territorio. Un patrimonio ancora non completamente sfruttato ma che potrebbe diventare anche un vero volano per l’economia locale».
“È stata una giornata importante e significativa, – ha affermato Andrea Pasa, segretario provinciale CGIL – Credo di poter dire senza sbagliare che si sia trattata di una delle edizioni alle quali hanno preso parte più persone. Si parla di migliaia di cittadini, anziani, giovani e famiglie, occupati e disoccupati, pensionati e immigrati, che hanno offerto anche un importante colpo d’occhio”.

“Nel corso dell’evento sono stati lanciati 3 messaggi chiave: Europa (anche in vista delle imminenti elezioni europee 2019) perché Cgil, Cisl e Uil credono fortemente nell’Europa, ma non sono concordi con le politiche economiche e sul lavoro portate avanti fino ad ora, vanno cambiate; sviluppo perché la nostra Regione ne ha bisogno, la Liguria è la Regione con il tasso di occupati e il Pil più basso del Nord Italia e la provincia di Savona è penultima nella medesima ‘classifica delle provincie, davanti solo a Imperia; diritti, quantomai fondamentali soprattutto al giorno d’oggi in cui assistiamo alla difficilissime vicende vissuti da migliaia di lavoratori della nostra provincia e non solo”

Luca Maestripieri; segretario generale della Cisl Liguria, si è così espresso: “Buon primo maggio. I temi principali da trattare sono quelli della sicurezza e della salute dei lavoratori. Ogni giorno uomini e donne si alzano per andare a lavorare e vorrebbero farlo nella sicurezza. La lunga scia di sangue che ha investito la nostra Regione dimostra che le istituzioni non hanno fatto abbastanza, anzi i provvedimenti di legge vanno addirittura nella direzione opposta. Importante anche il tema della dignità di tutti i lavori. Questo è un paese senza senno in cui si buttano via tutte le eccellenze del lavoro. Non c’è razionalità rispetto al lavoro che è sempre a margine. Occorre davvero restituire la dignità al lavoro.”

Nessun temuto o ipotizzato disordine ha turbato il civile e pacifico svolgimento della manifestazione. Come da accordi con Prefettura e Questura, il Corteo ha attraversato il quartiere di Villapiana, dove si trova una sede di Casa Pound, in assoluta calma.

Immagine: Andrea Pasa da YouTube

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *