martedì, Novembre 12, 2019
Home > Politica > Profili: Alessandro Parino (Pdl)

Profili: Alessandro Parino (Pdl)

Classe 1979, laurea in giurisprudenza, di professione mediatore civile. La sua passione per la politica inizia nel 1996. Prima presidente provinciale di Azione Giovani poi tra i candidati di Alleanza Nazionale. Eletto per la prima volta in V Circoscrizione nel 1998 passa al consiglio comunale dal 2006 dove è stato appena rieletto con 229 voti, quinto dei candidati nella classifica Pdl.

Cosa significa fare politica?

Significa occuparsi del bene comune cercando di fare sì che la propria attività pubblica sia positiva verso la collettività, cercando di comunicare il perchè delle proprie scelte e renderne partecipi i cittadini.

In cosa differisce l’area della cosiddetta “destra sociale” di cui è rappresentante dal resto del Pdl?

I circoli Nuova Italia, area politica e culturale che fa capo a Gianni Alemanno, si propongono di trovare radicamento nel territorio, interpretare positivamente i principi di regionalizzazione, ovvero stimolare la partecipazione dei militanti, dei quadri emergenti, l’unità di chi opera sul territorio: non a caso da tempo Gianni Alemanno chiede che il Popolo della Libertà si strutturi meglio attraverso congressi elettivi frutto di tesseramenti. Le sfumature differenti rispetto ad altre aree del centrodestra sono una maggiore attenzione ai bisogni della persona, il rifiuto netto della visione laicista dell’esistenza e della politica, una visione/cornice comunitaria delle stesse.

Oltre ad Alemanno ha portato molte volte a Savona l’eurodeputato Fidanza, quale rapporto vi lega?

Con Carlo Fidanza, parlamentare europeo del Pdl, vi è un rapporto di profonda amicizia forgiatasi nella militanza giovanile, che è poi evoluta in un rapporto di collaborazione e supporto dal territorio ligure alla sua attività a Bruxelles e Strasburgo, incentrata per lo più su turismo e trasporti.

Quali problemi interessano Savona?

Savona è una citta in fase di continua decadenza ed impoverimento; materiale, culturale, sociale. E’ fuori da qualsiasi circolo virtuoso sotto ogni punto di vista: finanziario, industriale, turistico. Non è attrattiva verso giovani, famiglie, laureati: insomma manca un ricambio di classe dirigente.
Ulteriori problemi sono: la viabilità male organizzata, il degrado delle periferie, l’insicurezza di talune zone della città.

Come valuta l’avventura politica di Marson?

La valuto positivamente perchè pur nel risultato elettorale negativo è stato in grado, anche attraverso la lista civica e la lista dei giovani, ad attrarre attorno a sè forze nuove, animate da senso civico. La sfida sarà ora di riuscire a tramutare queste forze in un progetto continuo nel tempo.

Circa il suo cursus honorum quali prospettive vede per il futuro?

Se i miei amici e referenti nazionali ovvero Carlo Fidanza e Gianni Alemanno vorranno per me incarichi, sarò lieto di avere la possibilità, in caso contrario continuerò il mio impegno sul territorio, anche attraverso un maggiore coinvolgimento di ragazze/i più giovani ancora di me.

Parliamo del Parino privato, quali sono le sue passioni personali?

Come musica ascolto di tutto ma ultimamente nel mio lettore passano moltissimo gli Smiths e Morrissey, la cui canzone preferita è “There is a light that never goes out”. Parlando di libri difficile sceglierne uno, ma se proprio devo dico “Il Signore degli Anelli” sia nella sua dimensione politica, sia nella sua dimensione di fuga dalla realtà.
Pellicola scelgo “Un mercoledì da Leoni” che è il più bel film sull’amicizia di tutti i tempi. Amicizia e stagioni della vita. Mi commuovo ogni volta che lo vedo. Sport amo nuotare e correre, gioco a squash e saltuariamente a calcetto. Come hobbie, ultimamente il poco tempo a disposizione mi fa leggere meno di quanto vorrei, per il resto fare sport, rivedere film che amo, ascoltare musica, quando riesco andare allo stadio a vedere la mia Juve, la buona cucina e sopratutto viaggiare in posti caldi.

Citazione preferita?

Thomas Lawrence: “Tutti gli uomini sognano: ma non allo stesso modo. Coloro che sognano di notte, nei recessi polverosi delle loro menti, si svegliano di giorno per scoprire la vanità di quelle immagini: ma coloro i quali sognano di giorno sono uomini pericolosi, perché possono mettere in pratica i loro sogni a occhi aperti, per renderli possibili”.

Simone Poggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *