mercoledì, Giugno 26, 2019
Home > Politica > Profili: Francesco Gandolfi

Profili: Francesco Gandolfi

Nato a Genova il 14/07/88 è Segretario Regionale di Gioventù Italiana Liguria, movimento giovanile de La Destra. Diploma di liceo Classico al Doria di Genova, laureato in Scienze Politiche e dell’Amministrazione. Vive Loano, dove dal 2009 ha aperto una piccola azienda agricola sui terreni di famiglia.

A quando risale la tua passione per la politica?

E’ nata nel 2008 ad un comizio di Storace nei vicoli di Genova, asserragliati dai centri sociali che ci insultavano e minacciavano. Di lì la decisione di aderire.

Come giudichi il Pdl e Pd savonesi?

Il PDL per la mia esperienza personale si è comporta in modo altezzoso e superbo, in poche parole è lontano mille miglia dai cittadini, non è possibile parlare con loro se non in campagna elettorale. Il PD è da anni che amministra Savona, lavora questo è vero (ci mancherebbe altro sono pagati per questo!), ma trascura del tutto le istanze sociali: le case popolari crollano a pezzi e né il sindaco né l’assessore competente se ne interessa.

Qual è il tuo giudizio sull’exploit della lista di Beppe Grillo alle comunali?

Dei Grillini non capisco quale sia il loro obiettivo, la loro bandiera è la critica alla politica e poi però vogliono entrare anche loro nelle amministrazioni comunali, provinciali e regionali. Mi sembrano degli incoerenti a dire il vero. Il loro successo penso sia legato al “voto di protesta”, prima “per protesta” si votava Lega Nord, ora i Grillini.

Perché ti sei occupato del caso Ghersi?

la questione Giuseppina Ghersi ha visto scendere in campo in prima persona Gioventù Italiana a fianco dei ragazzi del Manfrei, con l’affissione di uno striscione e un volantinaggio in risposta alle accuse di strumentalizzazione che ci erano state mosse. Il nocciolo della questione è che l’Anpi ha strumentalizzato la storia di una bambina di 13 anni, seviziata e uccisa, senza ragione per avere posto sulle pagine dei giornali nella speranza di fare pubblicità alla sinistra in vista delle elezioni: cosa dimostrata dai tempi scelti per protestare contro il concorso, da Dicembre si sono ridotti ad Aprile-Maggio! Sarà una coincidenza?

Qual è il miglior ricordo legato alla tua esperienza politica?

il miglior ricordo lo lego all’esperienza delle elezioni regionali, che per quanto purtroppo non positive per La Destra mi hanno fatto maturare come esperienza sul campo, permettendomi ora di poter guidare Gioventù Italiana Liguria e mi ha reso consapevole dell’importanza dei giovani in politica, come motore propulsore.

Tornando su Savona è corretto parlare di gerontocrazia?

La gerontocrazia regna sovrana lo dimostra l’età media del consiglio comunale, ma soprattutto l’area di sufficienza che molti dirigenti di parrrtito hanno nei confronti dei giovani, che sono l’ideale per i volantinaggi e banchetti in campagna elettorale poi possono tornare nel loro angolino, insomma dei servitori a chiamata. Sono felice invece che il partito a cui appartengo, La Destra, dia totale fiducia ai giovani, un esempio su tutti le elezioni per La Destra nel savonese sono state gestite dal sottoscritto, proprio a conferma di perfetta sintonia e simbiosi tra partito e giovanile.

Quali ricette adotteresti per i giovani di Savona?

A mio avviso Savona dovrebbe puntare di più sul polo universitario, Scienze delle Comunicazioni è un’università importantissima e Savona potrebbe diventare la città di riferimento per questa facoltà attirando giovani da tutta la Liguria, creando quindi un circolo virtuoso anche per l’economia cittadina. Non è da trascurare il polo di Savona di Economia, con l’arrivo dei Costa nella città della Torretta le opportunità di lavoro sono aumentate e sicuramente le lauree in Economia saranno utili nella creazione di un settore terziario efficiente in funzione del porto di Savona.

Quali attività interessano il vostro movimento giovanile?

Gioventù Italiana è un movimento che vuole farsi portatore di istanze sociali non solo di destra, ma di tutti i giovani, come il diritto alla casa, al lavoro per i giovani e il diritto a contare qualcosa nella nostra società. I valori che portiamo avanti sono semplici, ma di difficile attuazione perché la vecchia ed arrogante classe politica non ci dà spazio: noi proponiamo soluzioni perché i giovani del domani non debbano espatriare per trovare lavoro o peggio rimanere a casa dei genitori fino a 30 anni a fare i mantenuti. Ci impegniamo perché il giovane abbia diritto a una casa in cui vivere elemento indispensabile insieme al lavoro per crearsi una famiglia, sono elementi logici e consequenziali, piccole cose a parole, ma fondamentali per la vita dei ragazzi. No alla droga e al rifiuto delle regole e dello Stato sono le nostre bandiere, lo Stato è fondamentale per assicurare i diritti di tutti, ma deve essere uno stato giusto e vicino alla gente, se così non è, il nostro dovere sarà quello di modificarlo dall’interno con mezzi democratici. Gioventù Italiana e i suoi ragazzi amano l’Italia e per questa ognio giorno si spendono fieri che sia lo loro Patria e consapevoli di fare il suo bene e quello delle generazioni future.

Simone Poggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *