mercoledì, Aprile 24, 2019
Home > Politica > Profili: Giovanni Nacinovich

Profili: Giovanni Nacinovich

Giovanni Battista Nacinovich, nato a Genova il 20-11-1987, militante della Lega Nord, laureato in Economia Aziendale gestione d’impresa e management presso l’università Bocconi di Milano

Quando è nata la tua passione per la politica?

Il mio primo incontro con la politica parte dal lontano 1991, anno nel quale vengo portato da mio padre ad assistere alla fusione di tutti i movimenti autonomisti tra cui quello dal quale lui proveniva ovvero l’Union Ligure. Avevo 4 anni. Posso dunque affermare che mastico di politica praticamente da quando sono nato e sicuramente questo è stato un fattore decisivo per farmi appassionare alla politica, che ritengo debba essere un servizio da offrire al cittadino e da svolgere in merito a capacità e onestà intellettuale, doti che, mio malgrado, mi accorgo appartengano a pochi.

Cosa non va nei Pdl e Pd savonesi?
La politica è sangue e fango, non c’è da stupirsi che ci possano essere dei problemi nei partiti. Non entro nel merito delle situazioni del Pdl e del Pd perché non mi interessano e non le conosco, ma se posso fare un’analisi politica forse tanti problemi derivano dal fatto che sta venendo sempre meno il contatto con la gente, con il territorio, con le esigenze giornaliere dei cittadini. In questo, la politica di palazzo dovrebbe riflettere a lungo e fare non uno ma cento passi indietro.

Qual è il tuo giudizio sul fenomeno dei grillini?
Non mi piace chiamarli grillini, il movimento 5 stelle mi ha stupito favorevolmente perché ha idee, condivisibili o meno, ma le ha. I grandi uomini si confrontano sulle idee, i piccoli uomini parlano degli altri. Mi ricorda un po’ la vecchia Lega, un voto di protesta e un lavoro svolto nelle piazze a contatto diretto con la gente. Vedremo cosa riusciranno a portare in termini di valore aggiunto all’efficienza e alla trasparenza.

Ultimamente i movimenti studenteschi savonese, tra cui il vostro, si sono occupati del caso Ghersi. Qual è in merito la tua posizione?
Il caso Ghersi è stato strumentalizzato da più parti, ciò che mi sento di dire è che specialmente noi giovani che ci avviciniamo alla politica, dovremo cominciare a riporre in un cassetto l’ideologia e guardare all’efficienza e alla programmazione. Auspico un giorno di vedere delle elezioni nelle quali la gente marchi la propria preferenza sulla base di una condivisione di un programma e di un progetto, non per un voto d’opinione preso a priori.

Qual è il miglior ricordo legato alla tua esperienza politica? E’ un’avventura finita o intendi proseguirla?
Questa esperienza, che vivo di persona per la prima volta, non è che l’inizio di un cammino che intendo portare avanti, se non altro perché le più di 100 preferenze che ho preso inducono a pensare che la gente ha fiducia in me e questo mi inorgoglisce e mi sprona a proseguire. Ricordi di questa campagna ce ne sono tanti, dalle ronde notturne con gli amici e fratelli Andrea, Francesco, Cristian, Alessandro, Christian ecc.. al comizio con Renzo Bossi, venuto appositamente nella nostra città per supportarmi vista la stima e l’affetto che ci lega.

Si può ancora parlare di gerontocrazia in politica?
Gerontocrazia? Sì se si vuole intendere lo scarso ricambio della classe dirigente e la lentezza della carriera politica. Io direi che il termine più corretto è clientelismo. Comunque i giovani fanno fatica perché, in quanto tali, non vengono sufficientemente presi sul serio e questo mi rammarica parecchio, considerando che buona parte dei giovani oggi a 25 anni è laureata, parla 3 lingue e ha una formazione di livello. Faccio i complimenti a tutti i giovani che si sono candidati, non è facile mettersi in gioco e essere giudicati per quello che si pensa. Dovete essere fieri di voi, comunque sia andata. Per chi continuerà con l’impegno politico, un suggerimento: non smettete di lottare, il futuro è vostro!

Quali sono, a tuo avviso, le necessità dei giovani nella città della Torretta?
Savona è anestetizzata, spiace affermarlo ma questa città non ci offre niente che possa servire ai giovani. E’ una visione a 360° che varia dall’intrattenimento all’occupazione. La terziarizzazione massiva, unitamente al declino della micro e piccola impresa non adeguatamente supportata e incentivata a livello locale per favorire cooperative e grandi marchi, non da possibilità alcuna di intraprendere un’attività di impresa che porti ricchezza, valore aggiunto e crescita professionale. Vedere i ragazzi andare a lavorare fuori dalla nostra città non per scelta ma per necessità, mi fa molto male.

Qualcosa sul tuo movimento?
Dalla tutela della gente, dei valori e della cultura della nostra terra, nasce la Lega Nord. Prossimamente si andrà a eleggere la nuova segreteria cittadina, nella speranza che i giovani possano assumere posizioni di rilievo per far crescere e rinnovare il movimento. Da questo evento si stabiliranno le linee politiche, gli eventi e gli incontri da effettuare

Simone Poggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *