domenica, ottobre 22, 2017
Home > Attualità > ‘Progetto Donne e Futuro’, stage amministrativo di sei mesi per una giovane studentessa

‘Progetto Donne e Futuro’, stage amministrativo di sei mesi per una giovane studentessa


Il progetto di Cristina Rossello premia la savonese Linda Miante


di Redazione - 10 ottobre 2017, 9:51

Sabato 7 ottobre la Fortezza del Priamar ha fatto da cornice al ‘Progetto Donne e Futuro‘, giunto al suo decimo compleanno. L’evento internazionale, creato dall’avvocato Cristina Rossello, porta a Savona esperienze, incontri e progetti dedicati alla valorizzazione dell’eccellenza femminile. E anche la città della Torretta ha le sue eccellenze: tra le novità di quest’anno, infatti, l’idea di un tutorato amministrativo con una ragazza che sarà affidata proprio al sindaco Ilaria Caprioglio.
La pupil scelta per i sei mesi di stage amministrativo è Linda Miante, ventunenne studentessa di Lettere Moderne all’Università di Genova, aspirante giornalista e, tra le altre cose, blogger sportiva. Linda, presentata ufficialmente nel corso dell’evento, ha spiegato che “Progetti come questo rendono onore a chi li promuove” perché “Quel che serve a una città per crescere è guardare oltre il risultato immediato” e che “importante è creare una rete in cui giovani e giovanissimi possano muoversi portando avanti idee e progetti in libertà, ma con la giusta preparazione alle spalle”.

“Sicuramente – ha spiegato il primo cittadino – a lei insegnerò a non farsi intimorire da certi meccanismi e da certe dinamiche che sono ancora prettamente maschili. E non perdiamoci dietro maquillages lessicali: io mi faccio chiamare sindaco e non sindaca perché non è questo il nocciolo della questione”.

“Questo progetto è significativo – conclude il sindaco – la pupil che mi affiancherà dovrà comprendere com’è difficile amministrare, com’è difficile anche il senso di responsabilità che grava sulle nostre spalle in un momento in cui sappiamo che i sindaci sono davvero in prima linea, con grande difficoltà, pensiamo solo al problema del dissesto idrogeologico, alla sicurezza nelle scuole: non abbiamo più contributi eppure dobbiamo dare risposte e mettere in sicurezza i territori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *