sabato, Luglio 20, 2019
Home > Cultura e Musica > Prorogata la mostra di Pietro Boragina

Prorogata la mostra di Pietro Boragina

E’ stata prorogata fino al primo luglio 2012 la mostra di Pietro Boragina “Terra del Fuoco”, promossa dall’Assessorato alla cultura e al turismo del Comune di Finale Ligure ed ospitata nel Complesso di Santa Caterina a Finalborgo. La mostra è una narrazione per immagini. Il soggetto scelto per il racconto è un luogo mitico, irreale quasi, come sa esserlo la Terra del Fuoco. Della realtà di quel luogo ai confini del mondo (Boragina non vi è mai stato), in questa mostra, ci giungono echi, sospensioni, percezioni. Sogni.

Il visitatore diventa protagonista di un viaggio in un mondo mentale che il pittore ha idealmente “appuntato” nello spirito, leggendo, documentandosi, sognando quei luoghi. Partito per quella terra lontana con lo stretto necessario (taccuini, block-notes, pennelli, matite, pastelli, spatole, punteruoli e, naturalmente, tubetti di colore) Boragina, al suo rientro, si è messo al riordino dei suoi pensieri, creando le opere presenti in questa mostra, capaci di restituirci il grande avvenimento accaduto nel suo animo durante la traversata. Viaggio mai compiuto fisicamente, che si sostanzia nell’opera pittorica con l’aspirazione a una totale astrazione dell’immaginario. E allora ci si trova di fronte a una meraviglia, a una paura esistenziale, alla percezione della vita sospesa, “ritratta” in un pensiero. Dall’11 al 19 agosto la mostra sarà nuovamente esposta a Sirolo, al Teatro Cortesi, in occasione del conferimento a Boragina del “Premio Franco Enriquez 2012”, dedicato alla memoria del grande regista italiano, che quest’anno, vede Boragina tra i premiati “per il complesso e l’alto livello culturale della sua attività”.

Finale Ligure Borgo
Complesso Monumentale di Santa Caterina
Fino al primo luglio 2012
da martedì alla domenica dalle ore 17 alle ore 23
Presentazioni in catalogo di Claudio Strinati, Marco Vallora,
Giuseppe Marcenaro

Pietro Boragina, genovese, laureato in Lettere, ha frequentato la scuola di teatro allo Stabile della sua città ed è tra i fondatori del “Teatro della Tosse”. Ha collaborato con Enriquez, Luzzati, Conte, Trionfo, Scaparro, Bacalov, Risi. Aiuto regista di Lattuada. Della sua opera di pittore si sono occupati critici e letterati: Luzi, Calvesi, Consolo, Marcenaro, Pressburger, Beringheli, Dragone. Nel 2011, presentato da Emanuele Severino, è stato invitato alla 54.a Biennale d’Arte di Venezia. Dal 1991 ha curato, in Italia e all’estero, mostre dedicate agli universi poetici di Montale, Rimbaud, Leopardi, Stendhal, Valéry.Nel 2011 presso Aragno editore ha pubblicato Vita di Giorgio Labò, giovane intellettuale antifascista, fucilato dai nazisti a Roma nel 1944. “Premio Franco Enriquez 2012” per la sua attività artistica e culturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *