Cultura e Musica

Prosegue la mostra su Antonio Sabatelli al Priamar: approfondimenti sulla personalità del maestro

antonio sabatelli

di Giorgio Siri

Prosegue al Priamar, Palazzo del Commissario, con notevole successo, la mostra dedicata ad Antonio Sabatelli; la mostra più importante mai dedicata al maestro albisolese (1922 – 2001), come, lo scorso sabato 23 gennaio, ha tenuto a precisare la dottoressa Carla Bracco, presidente dell’Associazione Lino Berzoini, cui se ne deve l’organizzazione.

Sabato scorso appunto, presso lo spazio situato nelle ex Cappella del Palazzo del Commissario, si è svolta un’interessante conferenza volta ad approfondire i risvolti della personalità di Sabatelli – o Saba Telli, secondo lo pseudonimo adottato dall’artista a partire dagli anni 1970 – dal punto di vista culturale ed umano. Sotto tale risvolto ha rivestito notevole interesse la testimonianza di Franco Bonfanti, già insegnante di lettere al Liceo classico, che ha ricordato il suo legame di amicizia e di confidenza con Sabatelli, testimonianza riportata anche sul catalogo della mostra. Pochi erano gli intimi ammessi nella cerchia delle ristrette amicizie dell’artista, noto per essere un personaggio piuttosto isolato e poco incline alla socialità. Dai ricordi del professor Bonfanti emerge invece un Sabatelli capace di atteggiamenti estroversi e di generosità fuori dal comune con gli amici e i confidenti; una personalità galvanizzante, di grande comunicativa, certo nei confronti di un ristretto gruppo, ma con una vena di umana simpatia e di dialogo che compensa e rappresenta l”alter ego” di un profilo d’artista di cui prevale, o sembrerebbe prevalere, la fuga dal mondo, un certo sdegno verso la società, una aristocratica e voluta distanza dal mondo borghese, da cui pure l’artista traeva le origini.

L’ingegner Lorenzo Venturi ha illustrato invece alcuni aspetti della vita e dell’opera di Luigi Spazzapan (1889 – 1958), il pittore di estrazione slovena, nativo di Gradisca d’Isonzo, poi torinese di elezione, al centro delle grandi esperienze dell’arte contemporanea, che influenzò significativamente la formazione di Sabatelli, che da lui ereditò, verosimilmente, anche alcune attitudini comportamentali. E’ stata messa in rilievo l’importanza dell’opera di Spazzapan nel panorama artistico italiano.

Il dottor Paolo De Santis ha invece delineato il profilo umano e culturale di Andrea Caffi (1887 – 1955), politico, filosofo, giornalista, amico e mentore di Sabatelli, negli anni parigini. Intellettuale irrequieto, dalla vita tormentata, vera figura di cosmopolita, sia per la vita che per il pensiero, può essere considerato come l’icona o la coscienza remota dell’uomo Sabatelli, apparentemente nichilista ma sensibile, probabilmente, ad un’etica non dogmatica ma profondamente permeata di valori umanistici.

Con tale contributo, articolato e vivace, l’evento di sabato scorso ha rivestito notevole importanza per la messa a fuoco e la delineazione dei tratti salienti della vita e della figura di Antonio Sabatelli, corollario imprescindibile per porre in risalto il valore della sua opera.

Redazione
the authorRedazione

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: