lunedì, Novembre 18, 2019
Home > Attualità > Protocollo d’intesa tra Comune e Comitato Writers Duevventi

Protocollo d’intesa tra Comune e Comitato Writers Duevventi

Approvato il protocollo d’intesa tra Comune di Savona e Comitato Writers Duevventi per l’utilizzo di spazi da destinare a graffiti urbani. Dopo il progetto denominato “Graffiti on the road”, promosso dall’Assessorato alle Politiche Giovanili insieme a Duevventi, che ha visto nel 2012 la riqualificazione del muro del cavalcavia ferroviario di Corso Ricci, vicino al Letimbro e, nel quartiere di Lavagnola, in Via Repusseno, nella strada che porta alla sottostazione RFI (al bivio delle linee ferroviarie per il Piemonte e per Genova), ed il sostegno dell’Assessorato alle Politiche Giovanili a iniziative e manifestazioni di street art promosse nel tempo da Duevventi, si stipula oggi il protocollo d’intesa con il Comune di Savona per un’unica regolamentazione delle aree già in passato utilizzate dai writer, ai fine dell’esecuzione di graffiti con finalità di riqualificazione urbana.

Esperienze che hanno consentito ai giovani writer di esprimere la propria creatività su spazi degradati, con un positivo senso estetico. Dichiara l’Assessore alle Politiche Giovanili, Eventi, Università e CED Elisa di Padova: “Si tratta di un protocollo atteso dal Comitato Duevventi, che in passato aveva già collaborato con l’Amministrazione nell’ottica della valorizzazione del potenziale artistico di questa forma espressiva contemporanea, contribuendo a riqualificare con un valore aggiunto alcuni spazi della città. Da oggi otto aree della città legalmente riconosciute saranno gestite come vere e proprie lavagne artistiche dal Comitato, che si occuperà del coordinamento e dell’assegnazione ai giovani writer. Gli artisti di volta in volta potranno sperimentare forme creative ed espressive oltre a veri e propri eventi, manifestazioni educative e performance. Si tratta di un importante obiettivo raggiunto, il consolidamento di una forma di dialogo con l’Amministrazione che contribuisce a dare spazio e voce alle istanze dei giovani: sono moltissime le amministrazioni municipali di capitali europee che insieme alla repressione degli atti meramente vandalici si adoperano per valorizzare le forme artistiche positive di questo fenomeno. Gli otto muri oggetto del protocollo saranno anche un modo per diffondere in città la cultura del writing e della street art. Questo è un importante passo dell’Assessorato alle Politiche Giovanili in una serie di progetti mirati a contribuire al dialogo intergenerazionale, al protagonismo giovanile e alla responsabilizzazione di giovani, che in questo caso diventano referenti autonomi e gestiscono in autonomia spazi pubblici, con un vero e proprio regolamento dell’utilizzo sancito nel protocollo d’intesa. Non ci fermiamo qui: è in fase di elaborazione un progetto che coinvolgerà anche i più piccoli nei confronti del mondo del writing, oltre un progetto più ampio di street art e riqualificazione urbana che potrebbe coinvolgere gli studenti del Liceo Artistico”. Questi gli spazi individuati per l’attività di riqualificazione attraverso graffiti e street art, già utilizzati in passato per progetti ad hoc: Muri interni Campo Fonatassa, Muri perimetrali palestra di Via Trincee, Scuole di Via Alessandria, Scuole Pertini, Muri adiacenti Circolo La Boccia, Sottostazione RFI Via Repusseno, Sottopasso Lungomare Fornaci (corso Vittorio veneto), Scuole Callandrone. Al Comitato Duevventi viene concessa la gestione e l’organizzazione delle attività decorative sui muri sopraelencati, con il consenso del Comune e di RFI (Rete Ferroviaria Italiana). Il Comitato Duevventi si è proposto come soggetto in grado di elaborare una regolamentazione delle attività decorative che sappia conciliare le istanze espressive ed artistiche dei writer con le esigenze della comunità locale. Ricordiamo che l’Associazione per la Creatività Urbana Duevventi ha tra le proprie finalità espresse nello Statuto “stimolare l’arte e la creatività cercando a tale fine spazi, risorse e nuove modalità di diffusione” attraverso attività strumentali tra cui “realizzare manifestazioni, mostre, corsi di formazione, seminari, performance dal vivo e quant’altro possa aiutare la diffusione della cultura del writing e della street art”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *