martedì, Dicembre 10, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Psi savonese, la stupidità è una disgrazia o una malattia?

Psi savonese, la stupidità è una disgrazia o una malattia?

E’ incomprensibile il comportamento, quello del PSI savonese come esempio eclatante, di celarsi, ingrigirsi nell’ombra evidentemente ancora funesta di ‘tangentopoli’. Eppure, a seguire quel tempo, non dimenticato, ma certamente diluito, numerosi e più gravi misfatti sono emersi e consumati da altri partiti, moralmente e penalmente censurabili: i cittadini leggono e sono bene informati, non stiamo qui a ripetere, troppo lungo sarebbe l’elenco, certo è che questi partiti, questi loro totem inaffondabili, continuano imperterriti a governarci senza alcun cenno di umano scrupolo e decorosa responsabilità a dispetto di tutto e di tutti, pur vero che ‘il potere logora chi non l’ha’.

Anche la storia è nota, e qui chiediamo scusa se ci ripetiamo, insistendo nel ricordare, nell’affermare senza ombra di dubbio o tema di essere smentiti che ‘il Socialismo nel mondo è stato faro di civiltà, difensore del sociale, sentinella di libertà e democrazia’, pur con gli inevitabili errori di percorso.  E’ per questo che ci chiediamo il perchè, e ne soffriamo terribilmente, noi socialisti di sempre, sessant’enni e oltre, pericolosamente onesti per dna, questo PSI ‘fantasmino’ savonese continua a crogiolarsi in se stesso, felice di essere marsupiato da un paio di vecchi amministratori, sempre gli stessi inavobili canguri che tutto tengono in pancia affinchè nulla cambi o peggio ancora si palesi: le motivazioni di tutto ciò sono ovviamente note, ma noi non siamo qui per fare polemica o entrare in merito, ognuno rifletta con o senza coscienza, considerando che moltissimi iscritti hanno preferito abbandonare il partito e confluire in varie associazioni che si richiamano sempre e comunque ai principi del socialismo. Insomma, nel concreto ‘il danno e la beffa’, viene spontaneo ricordare quel detto che ‘per fare dispetto alla moglie il marito ha pensato bene di tagliarselo’. Sia inteso che queste nostre brevi note, suggerite dalla spontaneità di un rimasuglio di orgoglio e di ovvio rammarico, non vogliono essere di alcuna critica, anzi!, ma solo di sprono, di miracolo, a rinverdire una ‘nuova primavera socialista savonese’, a riprendere quel ruolo nobile che ci spetta di diritto, di dialogo con i cittadini, di nobiltà della politica alla luce del sole e con ritrovato coraggio. E’ mortificante, fortemente ingiusto, che nella Giunta Comunale di Savona, non vi sia un solo assessore socialista: una città che è sempre stato il simbolo della tradizione e dell’impegno, ricordando tutti gli uomini socialisti che hanno fatta grande la città e come esempio acclamato in tutta Italia e nel mondo il nostro Sandro Pertini.

Gianni Gigliotti

partigiano socialista, ‘Azione Riformista’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *