Cultura e Musica

Quando la musica dipinge la tela vuota del silenzio

DI ENRICO TESTA

Claudio Sanfilippo, durante il lockdown ha creato “Contemporaneo”
Nel corso della sua carriera, ha collaborato con molti artisti, tra cui Eugenio Finardi, Mina, Cristiano De Andrè, Pierangelo Bertoli.Ha al suo attivo molti album. Il suo primo, “Stile Libero” vince nel 1996 la Targa Tenco come miglior opera prima.Oggi esce “Contemporaneo”, un viaggio nella musica che parte da un periodo di isolamento e apre le porte a suoni, ritmi e parole che emozionano e sorprendono in ogni momento del loro ascolto.

L’artista racconta:
CONTEMPORANEO è l’instant-album registrato nel mio studio domestico nei giorni di quarantena.
La canzone omonima sarà su tutte le piattaforme digitali dal 24 aprile 2020, mentre l’intero album sarà
disponibile dal 22 maggio. Tredici canzoni: otto inediti, due adattamenti in italiano (uno di Bob Dylan, l’altro di
Nick Drake), un traditional adattato in milanese, e due riletture di brani pubblicati in passato.
1. Contemporaneo (C. Sanfilippo) – 4:28
2. Teneramente, dolorosamente (C. Sanfilippo) – 2:36
3. Cielo del Nord (ad. in italiano di C. Sanfilippo – orig. Northern sky di Nick Drake) – 3:36
4. Ragazze del lago (C. Sanfilippo) – 3:20
5. El Pepe (C. Sanfilippo-G. Cervi) – 3:32
6. Viandant (ad. in milanese di C. Sanfilippo – orig. Wayfaring stranger / Trad.) – 3:52
7. Lo sguardo (C. Sanfilippo) – 2:52
8. Angelina (C. Sanfilippo) – 3:36
9. Che cos’è la luna (C. Sanfilippo) – 4:07
10. Oltre la montagna (ad. in italiano di C. Sanfilippo – or. ’Cross the green mountain di Bob Dylan) – 5:46
11. Monetina (C. Sanfilippo) – 2:42
12. Vino buono (C. Sanfilippo) 4:24
13. Suruq (C. Sanfilippo) – 3:057
Durata totale – 49:00
Il video del brano Contemporaneo

Nel cuore della quarantena la mail di un’amica scrive di persone che lavorano in ambito
“creativo”, in cui riconosce due categorie: c’è chi si concentra il doppio e chi si sfilaccia
demotivandosi. Io, come lei, appartengo alla prima, ma nel mio caso il rapporto con il tempo e
con il “fare” è un algoritmo misterioso, in cui l’ambiguità è ingombrante, i dati certi sono ristretti,
la variabilità prevale. Solitamente sono più produttivo quando il tempo incalza, e devo
dimostrare a me stesso una capacità elevata di sintesi e rapidità. Ogni volta però mi accorgo che
il serbatoio si è riempito proprio nei momenti in cui la sensazione di essere pigro e improduttivo
sembrava una certezza disagevole. Il fatto è che l’inconscio lavora per noi, sempre, Forse si
chiama“angelo”, essenziale e invisibile come tutte le cose importanti. Il punto cruciale della storia si
risolve nel dialogo con quel tipo lì di che ci gira intorno, un po’ dentro e un po’ fuori. Così, è
sempre una questione di confine, di andate e ritorni, di assenze e presenze, e ogni volta che ci
mettiamo alla prova, anche se nel fare capita di dimenticarselo, è un viaggio. Ad ogni partenza
bisogna fare un po’ di bagaglio, carteggiare una rotta, lavorare di sestante per cambiare
andature e velature, misurare il desiderio della scoperta sulle capacità dell’esperienza e degli
strumenti che abbiamo. Non ce ne accorgiamo, ma è così. Un tipo di sintonia con cose dalla
profondità ellittica. Su quest’ultimo aggettivo richiamo la Treccani: «in matematica, il termine è
riferito ad espressioni o configurazioni che non hanno all’infinito alcun punto reale, ma due punti
complessi coniugati». Alla vigilia del mio 60o compleanno mi sono regalato questo viaggio,
iniziato a metà marzo, pochi giorni dopo l’inizio del lockdown. Tutto è nato quando, camminando
da una stanza all’altra, ho preso in mano una chitarra, in piedi, e mi è venuta in mente una
canzone scritta l’estate scorsa. In pochi minuti si è moltiplicato tutto, e per un moto naturale si è
creata una prossimità speciale con diversi amici musicisti, e con i miei figli. Una specie di
famiglia allargata, una piccola tribù in cui vige un codice di comportamento, un linguaggio, unaliturgia. È stata una delle esperienze più emozionanti che mi è capitato di vivere. La canzone che
ha fatto nascere tutto questo si intitola Contemporaneo.
1. Contemporaneo
È saltata fuori dal cassetto nei giorni di quarantena, sembrava nata qualche minuto prima, invece l’avevo
scritta l’estate scorsa. Parla dell’incubo costruito dal potere globalista del neoliberismo predatorio sulla pelle
degli individui, trasformati tragicamente in codici fiscali. È un sussurro di dolore, una chiamata al risveglio
delle coscienze. Con Rino Garzia, il contrabbassista de Ilzendelswing, al basso elettrico. E, rispettivamente, ai
cori e alla chitarra elettrica i miei figli, Emma, 19 anni, e Giacomo, che ne ha compiuti diciotto nei giorni della
quarantena.
2. Teneramente, dolorosamente
Ispirata a un libro di Cristina Campo intitolato Gli imperdonabili. Qui suono la mia Martin D18, che tra
poco spegnerà 50 candeline, e la National guitar del mio amico Marco.
3. Cielo del Nord
Un paio d’anni fa ho adattato Northern sky di Nick Drake in italiano, costruendo un arrangiamento per
chitarra in accordatura aperta. Ho chiamato Cesare Picco, un musicista che conosco da una vita, fin da
quando (lui ventenne, io trentenne) suonava il pianoforte (già allora, meravigliosamente bene) di casa mia,
nelle serate indimenticabili del “tempo dell’adunanza”. Trattasi di “pianoforte visionario”.
4. Ragazze del lago
Una canzone scritta 25 anni fa, legata ad un periodo speciale vissuto sul Lago di Garda. Una delle
mie “seconde terre”. Con la chitarra classica di Domenico Lopez.
5. El Pepe
Qualche anno fa il mio amico Gino Cervi ha scritto un testo bellissimo dedicato a Juan Alberto Schiaffino, detto
“el Pepe”, in un misto di slang spagnolo e milanese. Una canzone immersa nel Novecento, dedicata al
campione del cuore di mio padre. Io suono la chitarra classica portante, le altre chitarre, la ritmica e il
basso, sono opera di Danilo Minotti.
6. Viandant
Una grande ballata della tradizione anglofona, Wayfaring stranger, che nei giorni di clausura ho adattato in​
milanese. Perfetta per un duo con Massimo Gatti, il musicista con cui ho fondato Ilzendelswing. La prima volta
che sono salito sul palco, nel 1979, è stato insieme a lui, che questa volta non ha suonato il mandolino, ma la
mandola. Con Rino Garzia al contrabbasso.
7. Lo sguardo
Un brano registrato nell’album Fotosensibile, del 2008. In quella versione suonavo la chitarra baritono e con
me c’era il mio caro amico Piero Milesi. Questa volta la collaborazione è con Claudio Farinone e la sua chitarra
classica baritono.
8. Angelina
Una canzone inedita scritta 30 anni fa, in cui ho suonato la chitarra classica costruita da Enrico Bottelli. Con il
basso elettrico di Rino Garzia e la fisarmonica di Danilo Boggini.
9. Che cos’è la luna
Una sera d’estate di quasi 20 anni fa, tornando a casa. Guardando fuori dal finestrino mia figlia, che aveva
tre anni, mi chiese: « Papà, che cos’è la luna? » Con Val Bonetti alla chitarra slide.
10. Oltre la montagna
Nel cassetto ho tante canzoni di Bob Dylan adattate in italiano. Ho scelto di registrare ’Cross the green
mountain”, in cui Dylan dà voce a un soldato reduce della Guerra Civile Americana. Mi auguro di essere stato
all’altezza del maestro. Con Rino Garzia, ancora lui, al basso elettrico, Max De Bernardi all’altra chitarra e il
mio vecchio pard Umberto Tenaglia all’hammond.
11. Monetina
La terza rilettura di un brano incluso nell’album Fotosensibile. Con la chitarra di Francesco Saverio Porciello,
alias Savè, compagno di viaggio da 40 anni e arrangiatore di Stile libero, che nel 1996 si aggiudicò la Targa
Tenco.
12. Vino buono
Ispirata dalle prime tre righe di una poesia scritta da Mariangela Gualtieri: « sii dolce e gentile con me / è
breve il tempo che resta / poi, saremo scie, luminosissime » . Impreziosita dal contrabbasso di Marco Ricci.
13. Suruq​
Suruq è una parola araba che significa “vento di mezzogiorno”, da cui deriva la parola scirocco. Il testo l’ho
scritto in Sicilia, dopo avere fatto un pellegrinaggio famigliare davanti al portone della casa natìa di mio padre,
a Catania. La musica è nata in questi giorni. Con Rino Garzia al basso e mia figlia Emma all’altra voce.​
Grazie a Danilo Boggini, Max De Bernardi, Gino Cervi, Rinaldo Donati, Claudio Farinone, Roberta Giavaldi, Rino
Garzia, Icaro Gatti, Massimo Gatti, Max Giuliani, Domenico Lopez, Danilo Minotti, Francesco Mosna, Cesare Picco,
Marco Ricci, Paolo Pieretto, Francesco Saverio Porciello, Emma Sanfilippo, Giacomo Sanfilippo, Umberto Tenaglia,
Val Bonetti, Fabio Zontini, Gianni Zuretti.
Le chitarre che ho suonato: Martin D18 1971, Martin 00028vs 2006, Mantra OM 1989, Recording King ROS-
616, Classica Enrico Bottelli 1992, National Guitar 1967, Gretsch 6118T-120 Anniversary Edition.
Copertina e video di Contemporaneo a cura di Giacomo Sanfilippo.
Registrato, mixato e masterizzato al Red Cross Pioneers Studio nei mesi di Marzo e Aprile 2020. Le
tracce di tutti i musicisti che hanno partecipato sono state inviate a distanza di quarantena. Mix e
mastering di Viandant e di El Pepe a cura, rispettivamente, di Massimo Gatti e Danilo Minotti.
Questo album è dedicato alla battaglie vittoriose di Matteo Malavasi e Nadir
Scartabelli. E alla memoria di Gianni Mura, l’amico perso durante le registrazioni
dell’album.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: