Attualità

Questa emergenza sanitaria prima o poi finirà. Aspettiano con fiducia il giorno dell’atteso “liberi-tutti”

savona torretta

DI CARLO COLLA

Ricordo che da ragazzino uno dei mei giochi preferiti era senz’altro quello del “nascondino”, ove, ognuno di noi era libero di nascondersi o mimetizzarsi per non farsi scoprire dall’amico che era “di guardia” e che aveva il compito di contare fino a dieci o venti per darci la possibilità di trovare il modo migliore per non farsi vedere. Il momento più bello era però quello del ” liberi-tutti”, ovvero quando ci era data la possibilità di essre liberati dopo la “prigionia”. In questi giorni infausti della pandemia da Coronavirus che sta attanagliando l’intera Italia e l’Europa, il nascondino, stavolta, però obbligatorio, è diventato la nostra casa nella quale siano stati costretti, volenti o nolenti a nasconderci per non farci riconoscere e scoprire da questo virus subdolo ed invisibile. Purtroppo tutto questo non è un gioco, ma una dannatissima realtà che ci ha impaurito e intristito con giornate lunghe lunghe, che non passano mai e che ci pare vivere in manierta vuota e inconcludente. Ed allora non ci resta che aspettare il momento in cui il governo, dopo le sue opportune valutazioni, ci darà il ” liberi tutti”: riprenderemo i nostri motorini e le nostre automobili e torneremo a scorazzare liberi di andare dove desideriamo, di incontrarci, di darci la mano e di tornare a quella normalità che siamo stati costretti a mettere da parte. Non saremo più costretti a cantare dal balconi e dai terrazzi delle nostre case facendo rumore e casino anche con pantofole e tegami: potremo farlo liberamente per le strade tornando a frequentare bar e ristoranti ed a fare shopping in tutti gli esercizi pubblici anch’essi costretti ad abbassare le saracinesche. Potreno tornare al cinema, al teatro o a passare la serata a casa di amici e di parenti e, perchè no? A sentire la Santa Messa in chiesa. I nostri figli torneranno nelle loro scuole, liberi, nel pomeriggio, di frequentare piscine, campi sportivi e palestre e di riprendere i loro campionati. Tutto questo quando? Ci auguriamo il più presto possibile, perchè questa clausura rischia di deprimerci e quasi di mandarci in paranoia. Dai baloni e dai terrazzi grideremo a squarciagola il “liberi tutti”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: