Attualità

Questa maledetta emergenza “Coronavirus ” che serva, almeno, da monito per la nostra futura sanità che pensavamo, fosse la migliore del mondo

DI CARLO COLLA

Per anni ed anni ci hanno voluto far credere alla favoletta che la Sanità Italiana fosse la migliore d’Europa, se non del mondo! L’emergenza coronavirus che stiamo tutti vivendo sulla nostra pelle e nelle nostre tasche in questi giorni, mi ha mostrato purtroppo, l’esatto contrario di quanto molti potevano pensare. Una Sanità colpita certamente da un’emergenza assolutamente imprevedibile ed inimmaginabile per la velocità e l’aggressività con cui si è presentata, ma, pur sempre una sanità che si è dimostrata “impreparata”sia a livello di uomini, di mezzi e di strutture. Quando parlo di uomini non alludo certo ai medici, agli infermieri ed al personale sanitario a cui va dato pieno riconoscimento per l’impegno continuo che ha dimostrato; alludo, invece, al fatto che questi operatori si sono dimostrati essere molto e troppo pochi, perchè il governo e quelli precedenti non hanno mai, in passato, fatto le necessarie e giuste assunzioni, lasciando la “fuga de cervelli ” all’estero ove medici ed infermieri hanno trovato giusta ed apprezzata collocazione nel loro lavoro. Ma, non solo sono mancati gli uomini, sono mancati i mezzi e le strutture recettive ospedaliere, andate in “tilt” anche per la mancanza di posti-letto e di macchinari necessari alla soprvvivenza dei malati. Francamente non me la sento proprio di definire la nostra sanità la migliore. In questi giorni i “pronto soccorso” degli ospedali non sono in grado di soddisfare tutte le richieste dell’utenza, con reparti chiusi e laboratori non in grado di funzionare. Una sanità che, peraltro, anche nei tempi del non-coronavirus, funzionava come voleva (le “isole felici ” erano davvero troppo poche) dal momento che una persona per fare una tac o una risonanza magnetica o una semplice ecografia era costretta a sentirsi dare appuntamento a mesi di distanza dalla richiesta inoltrata? E questa sarebbe la tanto declamata ed osannata SANITÀ ITALIANA? Non ho voglia di ridere, perchè i tempi impongono di non ridere, ma, semmai di piangere! È veranente paradossale e stupido farci belli davanti al mondo e dirci (semprechè ci crediamo veramente!) che abbiamo la migliore Sanità. Merito va dato solo ed esclusivamente ai medici ed agli infermieri che si sono sempre fatti carico dei turni di lavoro massacranti per mancanza di personale: nessun merito al Governo ed al Ministero della salute! Governo che, lo abbiamo già detto e che ci piace ripetere, ha sempre “tagliato” i fondi proprio dalla Sanità e al mondo della scuola! E pensare che la Sanità non è proprio del tutto gratuita come molti politicanti vogliono farci credere! Sarà gratuita per loro, ma non per noi cittadini che paghiamo fior di ticket per fare gli accertamenti clinici di cui abbiamo bisogno e che il medico di famiglia ci richiede! Quando, speriamo presto, quest’emergenza coronavirus terminerà e la vita di noi tutti riprenderà a scorrere regolarmente, sarà molto bene che i nostri “bravi” governanti ne traggano l’opportuna esperienza cercando di capire (se ci riescono) e di porre rimedio alle deficenze che sono emerse in queste settimane di crisi nazionale. Basta con il dirci o farci credere che siamo i più belli, i più bravi ed i migliori! Non è vero assolutamente! Prendiamone tristemente atto!

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: