mercoledì, Dicembre 11, 2019
Home > Musica > Questa sera l’inaugurazione di “Tra sogno e realtà”

Questa sera l’inaugurazione di “Tra sogno e realtà”

L’Associazione Baba Jaga in collaborazione con il Comune di Finale Ligure, Assessorato alla Cultura, propone a partire da oggi (inaugurazione alle ore 18) nella bellissima Fortezza di Castelfranco l’esposizione fotografica “Tra Sogno e Realtà”.  L’autore Marco Del Maschio espone parte di un lavoro iniziato nel 1994 con immagini riprese con banco ottico che illustrano due trekking in solitaria, uno sull’Alta Via dei Monti Liguri e l’altro in Sardegna. La parte principale dell’esposizione è invece dedicata ai luoghi poco conosciuti dell’entroterra Finalese.

Attraverso le sue fotografie propone un molteplice percorso: quello che va dallo sguardo del fotografo al “paesaggio” fotografato e quello che affianca al punto di vista naturalistico classico una prospettiva più intima del paesaggio interiore. Particolari dissolvenze fondono pietra e corpo trasformando le fotografie in sentimento, come una possibilità in più di comunicare senza usare la parola. Un viaggio nel paesaggio dell’anima.

Marco Del Maschio, si diploma nel 1983 presso l’Istituto Europeo di Design di Milano in fotografia pubblicitaria. Inizia a lavorare come fotografo di camera oscura nel 78 dove si occupa di selezioni quadricromia con ingranditore e sviluppo mezze tinte. Nel 1984 collabora alle campagne Ferrarelle, Parah, Volkswagen, Trussardi e BMW presso la Phoenixcolor di Milano come fotografo per elaborazioni fotografiche ed inserimenti. Nel 1988 diventa socio di Poliart Color come fotografo pubblicitario di still life dove gestisce campagne con agenzie Armando testa Verba e RSCG. Acquisisce ulteriore esperienza in studio e nell’utilizzo del banco ottico 20×25. In questi anni inoltre si conferma una collaborazione con Oliviero Toscani (Campagna Benetton) e Giovanni Gastel (Campagna Trussardi). Dal 92 inizia ad occuparsi di elaborazione video tele cinema, transcodifiche e impaginazione con Mac. Approfondisce le tecniche di ripresa sviluppo e stampa del 1800, riprese con forostenopeico, stampe al bromuro calotipie e cianotipie. Nel 2000 lascia Milano e la professione di fotografo per dedicarsi ad un lavoro di ricerca personale che lo porta a fare diversi trekking in solitaria realizzando immagini con banco ottico 10×15 esclusivamente in B/N in seguito stampate in fine art, cercando di cogliere aspetti nascosti o poco conosciuti delle nostre regioni. Ora si occupa di elaborazioni e ritocco di immagini fotografiche in digitale con Photoshop per la “New Line” di Milano.

A seguire, sul terrazzo vista mare di Castelfranco ore 21.30, sul tema “Tra Sogno e Realtà” l’Associazione Baba Jaga propone lo spettacolo “Madrimonio”, regia e drammaturgia: Pavanello Maria Grazia. Interpreti: Susanna Narice,Irene Vajra. Scenografie: Sara Pelazza.

Una storia tra passato e presente, il rapporto tra una madre e una figlia fatto di amore,di gioia ma anche di incomprensioni. Una donna sola, decide di diventare madre. Il suo passato è fatto di abbandoni,sacrifici,solitudine e frustrazioni, ma per sua figlia il destino sarà sicuramente diverso: avrà un nome e una vita davvero speciali. Il passato diventerà quindi un segreto impossibile da rivelare alla figlia per paura di perderne il rispetto, l’amore. Per difendersi dalla realtà, la madre lo trasformerà così in una favola fantastica in cui lei e la piccola Desideria diventeranno le protagoniste assolute. Desideria è ormai una ragazza quando si rende conto di essere cresciuta in una favola.. la favola che sua madre le raccontava per farle capire quanto fosse speciale. Speciale per chi? Questo si chiede Desideria. Cresciuta da una giovane mamma, che in lei ha investito tutti i sogni e le aspettative di una rivincita nei confronti della vita non vuole deluderla. Desideria vuole essere felice, vuole che i sogni di sua madre si avverino e per questo spesso non le racconta ciò che accade, le nasconde ciò che sente. Lentamente l’amore che prova per lei si trasformerà, attraverso le incomprensioni delle cose non dette, in rancore. Le attenzioni che la madre continuerà ad avere, le aspettative, le storie che un tempo la facevano sognare diventeranno per Desideria ferite che lacereranno sempre di più il loro rapporto. E quando tutto sembrerà ormai perso ecco che la favola in cui sono rinchiuse come un unguento magico guarirà le ferite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *