giovedì, Agosto 22, 2019
Home > Cronaca > Quiliano: lotta all'evasione fiscale

Quiliano: lotta all'evasione fiscale

Quiliano e molti Comuni Liguri insieme all’Agenzia delle Entrate parteciperanno in modo significativo alla lotta all’evasione fiscale sottoscrivendo un importante protocollo d’intesa da cui deriveranno momenti di formazione di funzionari Comunali e azioni mirate alla lotta all’evasione. La finanza pubblica infatti si adegua alle norme previste dal decreto 78/2010 e dal recentissimo decreto “SalvaItalia” con l’adozione di forti misure di contrasto ad un fenomeno ora come non mai odioso e dannoso per la comunità: l’evasione fiscale. Tra le attività previste c’è il protocollo d’intesa biennale firmato da Agenzia delle Entrate, Anci (Associazione nazionale dei comuni italiani) e Ifel (Istituto per la finanza e l’economia locale) con l’obiettivo di dare una nuova spinta alla partecipazione degli enti locali alla lotta all’evasione fiscale, cui ha aderito il nostro Comune con una delibera assunta dall’Amministrazione nella Giunta dello scorso 17 gennaio.

Il patto sottoscritto anche dal nostro Comune, è stato messo a punto con il coordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri e prevede la creazione di un team di esperti antievasione, attività di formazione sulle modalità applicative dedicate al personale degli enti locali, diffusione di “check list” di segnalazioni mirate per evidenziare potenziali comportamenti evasivi e periodico monitoraggio sul ritorno dell’azione di segnalazione dei reati messa da parte dei Comuni.
Nell’ambito del protocollo, compito dell’Agenzia delle Entrate è quello di organizzare corsi di formazione per il personale comunale, all’interno dei quali largo spazio è dato all’utilizzo del web nell’attività di rilievo dei comportamenti “a rischio”.
Il coordinamento di tutte le attività previste dal protocollo spetta ad un team antievasione di otto esperti, provenienti da Anci ed Ifel e Agenzia delle Entrate, specializzati nei processi di verifica e accertamento comunale ed erariale, banche dati e informatica. Con l’adesione al protocollo d’intesa, l’Amministrazione Comunale ha inteso contribuire, in maniera il più possibile strutturate ed efficace, alla lotta all’evasione tributaria ed erariale.
Secondo le linee di indirizzo del protocollo, il 30% delle somme recuperate grazie all’azione combinata di Comune e Agenzia delle Entrate sarà versato nelle casse del Comune: se si scorrono i dati relativi ai recuperi di crediti durante primi mesi della sua applicazione, le previsioni fanno auspicare sulla lunga durata risultati veramente significativi, nel segno dell’efficace collaborazione tra istituzioni diverse e dell’equità fiscale per tutti i cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *