domenica, ottobre 21, 2018
Home > Attualità > Raccolta differenziata insufficiente: Savona dovrà pagare 26 mila euro

Raccolta differenziata insufficiente: Savona dovrà pagare 26 mila euro


di Redazione - 25 luglio 2018, 8:38

La Regione ha presentato il conto ai Comuni liguri che nel 2017 non hanno raggiunto gli obiettivi minimi di raccolta differenziata, fissati dal 2016 nella misura del 45%. In base alla legge regionale 20 del 2015 dovranno pagare un’addizionale di 25 euro per ogni tonnellata di rifiuto raccolta in modo indifferenziato fino a concorrenza del quantitativo mancante rispetto agli obiettivi. Fa eccezione il Comune di Genova, dove l’asticella è posta più in basso, al 40%.  Nonostante questa facilitazione, comunque, sarà proprio il capoluogo di regione a dover sborsare la cifra più ingente: ben 467 mila euro sui 763 mila complessivi della Liguria.  Si tratta di soldi da versare entro il prossimo 30 settembre e che finiranno nel bilancio regionale per essere destinate al finanziamento dei programmi comunali per lo sviluppo della raccolta differenziata e del riciclaggio.

A livello regionale, su 231 Comuni, quelli immuni da addizionali sono stati 105; altri 16, che avrebbero dovuto versare meno di 100 euro, sono stati esentati. A pagare saranno invece 110 amministrazioni comunali, di cui 15 della provincia di Savona (altri 7, con addebiti inferiori ai 100 euro, sono esonerati dal pagamento). Anche nel caso savonese è il capoluogo di provincia a subire il salasso più pesante: 26 mila euro, sostanzialmente per non aver centrato gli obiettivi di raccolta differenziata della plastica (15.173 euro di addizionale), dell’organico (9.800 euro) e dei metalli (1.006 euro). Peggio è andata a Imperia (45 mila euro da versare) e Ventimiglia (32.100 euro), mentre La Spezia è l’unico capoluogo che ha centrato tutti gli obiettivi regionali della raccolta differenziata.

A parte Savona, gli altri 21 Comuni della provincia fuori obiettivo sono stati: Andora (6.247 euro da pagare), Finale Ligure (3.886), Spotorno (2.926), Albenga (1.831), Stellanello (919), Alassio (837), Bergeggi (706), Vezzi (483), Osiglia (474), Carcare (251), Testico (249), Borghetto Santo Spirito (241), Borgio Verezzi (188), Massimino (183). Sotto i 100 euro (e quindi esonerati dai pagamenti): Villanova d’Albenga (85 euro), Noli (76), Albissola Marina (38), Onzo (23), Roccavignale (17), Arnasco (9) e Boissano (9).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *