Attualità

RADDOPPIO FERROVIARIO ANDORA -SAN LORENZO, DISAGI IN VISTA

treno

di Giorgio Siri

Come già avevamo anticipato la settimana scorsa – “Raddoppio ferroviario Andora San Lorenzo al termine..ma non termina la storia”, visibile dal 10 ottobre – sono previsti lavori di manutenzione, preliminari all’entrata in vigore del nuovo tracciato. Misure che preoccupano i sindaci dei comuni interessati, oltre al collegamento con le nuove stazioni, specie per quanto riguarda Imperia e Diano Marina, che si rivela un ulteriore problema.

Si cerca comunque di venire incontro alle inevitabili difficoltà in cui incorreranno i pendolari e gli utenti del servizio ferroviario in genere. Se ne è trattato nel corso di un incontro di lunedì 17 in Provincia, cui ne segue uno mercoledì, in Prefettura tra Regione, Rfi, Trenitalia, Rt, sindaci e assessori della provincia di Imperia e il Sindaco di Andora Mauro Demichelis. Sono state esposte tratte ed orari dei centoquaranta bus sostitutivi che saranno messi a disposizione di studenti e pendolari dal 2 novembre al 10 dicembre, ovvero nel periodo in cui la ferrovia sarà interrotta per i lavori nella galleria di capo Mele. I sindaci hanno espresso perplessità per l’interruzione del collegamento ferroviario nell’imminenza del ponte dell’Immacolata, quindi in un periodo di maggiore afflusso turistico, ma l’Assessore Regionale ai Trasporti Giovanni Berrino ha spiegato come non si potessero posticipare o anticipare i lavori. “Purtroppo non ci sarebbe stato modo di non chiudere la linea ferroviaria l’8 dicembre in quanto, per scelte, sia di orari che di tempistiche di lavori il raddoppio, quindi il passaggio dalla vecchia linea San Lorenzo-Andora alla nuova linea, viene fatto in contemporanea con il cambio dell’orario invernale, quindi anche anticipando questi lavori a ottobre avremmo dovuto riaprire e poi di nuovo richiudere la ferrovia con un danno dal punto di vista turistico più alto”. I lavori verranno svolti in tre fasi. La prima dal 2 al 10 dicembre, quando sarà interrotta tutta la tratta, per la posa delle travi di sostegno, tra Bordighera e il torrente Borghetto e il prosieguo dei lavori nel restante tracciato. Per tutte e tre le fasi, sono previsti autobus sostitutivi privilegiando i collegamenti lunghi in autostrada, dove invece non sarà possibile, come nei tratti da Ventimiglia a Bordighera e da Sanremo a Bordighera, i bus viaggeranno sull’Aurelia.

“I disagi è impossibile non averli davanti a una chiusura così lunga della ferrovia. – ha commentato ancora Berrino – Ricordiamo che sarà chiusa totalmente per tredici giorni. Per tutte le fasi la Regione insieme a Rfi e a Trenitalia ha predisposto un servizio di autobus sostitutivi variegato come offerta. Si parla di circa centoquaranta corse in media ogni giorno e abbiamo prediletto la velocità. Studenti e lavoratori dei principali centri raggiungeranno altri principali centri con viaggi autostradali. Questo perché sappiamo bene che in provincia di Imperia la via Aurelia è molto congestionata, quindi andare da Ventimiglia a Imperia con un autobus che viaggia sulla costa avrebbe richiesto un tempo altissimo. Per chi dovrà andare oltre provincia, inoltre assicureremo i bus fino ad Albenga, da dove i viaggiatori potranno riprendere il treno. Tutto questo è stato fatto con gli orari di partenza dalle singole località per poter raggiungere Albenga dieci minuti prima per assicurare la coincidenza col treno”.

“L’interruzione della linea sarà la minima indispensabile per ridurre al minimo l’impatto delle interruzioni e i disagi conseguenti per i viaggiatori. – ha spiegato Marco Della Monica, responsabile direzione regionale Liguria per Trenitalia – Noi d’altro canto abbiamo messo in piedi una serie di attività in coordinamento con la Regione, comitati pendolari e altre istituzioni per realizzare un servizio sostitutivo bus che possa essere quanto più aderente alle necessità di movimento dei nostri clienti e ridurre al minimo i disagi”.

Redazione
the authorRedazione

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: