lunedì, maggio 21, 2018
Home > Attualità > Re Chinotto nella città del chinotto

Re Chinotto nella città del chinotto


di Giorgio Siri - 10 febbraio 2018, 17:08

C’è un altro “Re” nel Carnevale savonese ed è il savonesissimo “Re Chinotto”. Mancava infatti una maschera o un personaggio che potesse interpretare la tipicità del chinotto, frutto prodotto nel Savonese e ormai giustamente salito agli onori delle cronache. Recentemente, ad esempio,  a “I soliti ignoti” programma di Rai Uno, attualmente condotto da Amadeus, uno delle “identità nascoste” da indovinare era un signore di Pietra Ligure, che appunto bisognava collocare nella definizione  “coltiva chinotti”!

Come “Cicciulin”, creazione del classico,fantasioso e futurista pittore e ceramista fiorentino Romeo Bevilacqua (1908 -1958), “Re Chinotto” è una maschera anch’essa figlia d’arte, nel vero senso della parola ed è stata disegnata, nel 2011, da Sara Ricotta per il “ Gruppo Storico Città di Savona” presieduto da Maria Puglisi che ha voluto inventare questo nuovo “Re” di Carnevale che, in poco tempo, si è fatto apprezzare per la sua allegria e disponibilità. Insieme con la Sua corte, composta da eminenti personaggi, ovvero il “ Mazziere”, il “Giullare” e le Chinottine “, partecipa e presenzia a tutti i Carnevali e soprattutto tiene corte e banco durante i “ Presidi del Chinotto”,  portando il nome di Savona per ogni dove e pertanto, le sue comparizioni, anche fuori dal periodo di Carnevale, come a Torino, a Expo Milano, a Firenze, alla Camera di Commercio di Cannes ed in molte altre occasioni, sono numerosissime. “Re Chinotto” fa parte del registro nazionale delle maschere Italiane.

All’ultima apertura del Carnevale di Loano, da Savona, c’era solo lui…

“Re Chinotto” vuol dire Savona e Savona è una città che racchiude, con discrezione, un patrimonio architettonico, artistico e storico considerevole, tutto da scoprire.Passeggiando tra i carruggi sino al porto, ne svela una parte, quella più antica, risalente al Medioevo ed a periodi remoti, pre-romani. Poi ci mostra i monumenti, splendidi, del Rinascimento e del Barocco, sino al Liberty ed al Razionalismo.

Arti e mestieri possono vantare, a Savona antiche tradizioni e non sono pochi gli illustri personaggi di cui la storia della Città è costellata, con ampio riconoscimento e valore: dai famosi  Papi Sisto IV e Giulio II, a Gabriello Chiabrera, da Paolo Boselli all’indimenticato Presidente Sandro Pertini, sino a personaggi dell’arte, dello spettacolo e del cinema.

Tra gli altri illustri  savonesi va contato il viaggiatore – conteso senza successo da Livorno – che, fra il XVI ed il XVII secolo importò dalla Cina la pianta del Chinotto – il nome è legato appunto alla terra d’origine, frutto che, inizialmente, venne considerato alla stregua di un amuleto e si racconta che il suo aroma fosse in grado di scacciare le malattie e i pericoli .

Grazie alle favorevoli tipicità del territorio savonese, la pianta del Chinotto ha qui trovato un ambiente ideale per essere coltivata e diffondersi. Nel corso degli anni, la coltivazione e la lavorazione del Chinotto sono diventate un fiore all’occhiello per la Città;  famosi per qualità e aroma, i chinotti di Savona , grazie ai maestri canditori, hanno cominciato a riscuotere, dall’800, il grande successo che oggi continua, conquistando i mercati internazionali e rendendo Savona celebre come “Città del Chinotto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *