domenica, Dicembre 15, 2019
Home > Rubriche > Renato Giusto ci guida tra sanità, vaccini e immigrazione

Renato Giusto ci guida tra sanità, vaccini e immigrazione

Stupisce quanto succede per la Sanità in Usa, ove l’Obamacare sta per essere smantellato dal Presidente Trump, ma se guardiamo bene,anche da noi, pur avendo in teoria un sistema sanitario modello ed invidiato, è disuguale (ticket cari, liste d’attesa lunghe, differenti livelli regionali di prestazione (alimentano un turismo sanitario, che aumenta con la gravità della malattia) Già in antichità, 2500 anni fa, ai tempi di Pericle, partendo da Ippocrate eistevano i medici pubblici (di base) eletti dal popolo che assistevano tutti senza farsi pagare Per i medici, in Egitto al tempo della dinastia dei Tolomei (ultima regina Cleopatra), si pagava una tassa abbastanza gravosa (ticket in unica soluzione o a rate) ed erano previste esenzioni. In Italia, il sitema sanitario del Nord può confrontarsi con quello Europeo mentre quello del Sud è fanalino di coda. Fattori ambientali e di reddito pesano, tanto da arrivare ad aspettative di vita diverse, sino ad una differenza di 5 anni Infatti l’aggravarsi della crisi economica ha portato ad un’umento di rinunce a visite soecialistiche
Più complessa in tutto il Paese la situazione immigrati di cui si sa poco, con un rischio potenziale per gli altri cittadini.
Gli ospedali ricevono soldi, anche in funzione della grandezza di territorio da coprire e considerate le carenti risorse finanziarie, si dovrà razionalizzare e dividere per specializzazioni, potenziando l’assistenza.Infatti ogni paziente sceglie in caso di malattia , quei centri che garantiscono standard superiori Per l’urgenza delle visite specialistiche, è il medico di famiglia che che deve stabilire le priorità in funzione della gravità, per personali urgenze esiste il servizio privato Come per il canone Rai in bolletta Enel, l’imposizione dei vaccini Per i vaccini siamo ad un punto cruciale circa il 30% delle famiglie non lo accetta,.anche se studi garantiscono la terapia, mentre non esistono test di adattabilità ai singoli bimbi, nè si possono effettuare test invasivi (prelievi).
I vaccini sono vittime del loro successo Una volta tutti erano d’accordo, si vedevano vittime polio, ora sono convinti che sia un problema superato, che non può tornare Anche se è vero che oggi per varie malattie infantili esistono buone terapie, tali da consentire di limitare i danni (invalidità).
Piuttosto deve esserci una campagna di chiarezza contro quei ciarlatani, che senza basi scientifiche, criticano i vaccini usando i media e una opera di convinzione da parte delle istituzioni e dei medici di famiglia e pediatri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *