Attualità

Riconoscimenti a due religiosi nel savonese

In questi giorni la Chiesa è “a processo”, perchè Papa Francesco vuol dire definitivamente basta con certe magagne che sono causa di vergogna per la Chiesa e per i credenti e che purtroppo servono ad alimentare il pensiero e l’azione di tutti coloro che vogliono o vorrebbero far sprofondare nel discredito quella che è l’Istituzione più antica al mondo e che spesso non sono solo nemici della Chiesa Cattolica ma nemici della Religione, di ogni religione, ed anche i cristiani di altre storiche confessioni o di confessioni “fai da te“, per dirla con le parole di Papa Ratzinger, non avrebbero niente da guadagnare senza la Chiesa Cattolica, ma lasciamo perdere e ricordiamo che ci sono stati e ci sono esponenti della Chiesa che vengono considerati illustri personalità nel campo sociale, culturale, scientifico ed umano; a tale proposito è bene ricordare due religiosi che, recentemente, sono stati onorati nel savonese ovvero don Felice Vincenzo Gilardi, per trantasei anni arciprete della Parrocchia di San Lorenzo, a Cairo Montenotte, ed il benedettino di Finale, padre Carlo Sciandra: quest’ultimo vivente, lo scrivente si raccomanda di non confondere, cui non è stata dedicata una via, ben appunto, e se il padre leggesse vorrei che ci scherzassimo insieme, ma attribuito un riconoscimento.

La passeggiata che costeggia il fiume Bormida, nel tratto di Corso Dante, nel centro cittadino di Cairo Montenotte è stata infatti dedicata alla memoria di don Felice Vincenzo Gilardi, per 36 anni arciprete; l’intitolazione del Lungobormida a Don Gilardi diverrà ufficiale dopo che il Comune avrà ricevuto il prescritto nulla osta da parte del Prefetto di Savona.

Nato a Ponzone, in provincia di Alessandria, don Gilardi entrò in San Lorenzo il 29 ottobre del 1939, guidando la parrocchia sino al 1975. La sua azione pastorale si intrecciò subito con le vicende della guerra, nel corso della quale, a partire dal 1943, svolse un’intensa e silenziosa attività di mediazione fra i partigiani e gli occupanti nazisti, schierandosi dalla parte dei deboli e in nome della difesa della vita delle persone, così come condusse nel dopoguerra un’incisiva azione educativa specie nei confronti dei giovani, attraverso gli strumenti associativi dell’Azione Cattolica e delle Opere Parrocchiali Educative e Sociali (le Opes), realizzate in via Berio.

Cairese d’adozione a tutti gli effetti, don Gilardi fu un “uomo del suo tempo” distinguendosi per la passione con cui percorse il cammino della sua missione apostolica, con spirito evangelico, nel dialogo continuo e generoso intessuto con la comunità locale, agendo con idee lungimiranti, quali ad esempio l’istituzione del corso professionale contabile e commerciale per le giovani in cerca di occupazione, che nel 1964 si sviluppò nella scuola statale per ragionieri che diventerà poi l’Istituto Patetta.

La motivazione con cui la Città di Cairo Montenotte, come richiesto da più parti, ha voluto rendere omaggio alla memoria dello storico parroco di San Lorenzo, ricorda “la sua missione apostolica percorsa con spirito evangelico nel dialogo generoso e solidale con la Comunità, guidato da spirito di comprensione, di conforto, di accoglienza e di condivisione del vivere quotidiano, in difesa dei valori della persona e della vita umana, attento e lungimirante educatore delle giovani coscienze nella scuola, nella famiglia, nel lavoro e nella ricreazione”.

E’ stato invece attribuito a padre Carlo Sciandra, figura di spicco del Santuario benedettino di Finalpia, dove è presente da molto tempo, il premio che il Comune di Finale Ligure riserva ogni anno, dal 2005, al concittadino che dedica tempo, impegno e passione a titolo gratuito per la città. Il riconoscimento, “Una Vita per Finale”, consiste in una targa d’onore che sarà consegnata dal sindaco Ugo Frascherelli nella Sala Consiliare del Comune nel corso di una cerimonia alla quale saranno presenti tutte le autorità cittadine.

“Per l’amore e la dedizione con la quale ha cresciuto e cresce generazioni di giovani, punto di riferimento per i finalesi, partecipando attivamente alla vita sociale della Città, sempre a disposizione della Comunità Finalese con impegno, onestà e passione” recita la motivazione di attribuzione a padre Sciandra del Premio “Finale 2019”.

Le precedenti edizioni di “Una vita per Finale” hanno premiato, tra il 2005 e il 2017, Antonio Parodi, Luigi Ferraro, padre Enrico Ruffino Vernazza, Liana Perissuti Firpo, Oscar Giuggiola, Anna Scosceria, Alessandro Grillo, Antonio Serrato, Giorgio Massone, Armando Tissone, Arnaldo Rescigno, Beppe Valente, Claudia Carosi e Gabriella Fracchia.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: