sabato, Novembre 16, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Riflessioni canaglia

Riflessioni canaglia

Silvio, lo Zar di tutte le olgiattine, così numerose che lo stesso Putin, malgrado la più giovane età e un fisico adeguato, non è mai riuscito ad eguagliare: ha pensato allora di fare omaggio all’amico di baldorie di uno dei suoi famosi letti di battaglia, quattro piazze più accessori dei quali uno non nominabile, accompagnandolo con ‘… a te sarà certamente più congeniale’. Bei tempi, con una Milano da bere e sempre più sbronza e un’Italia da rubare con eccessiva facilità, con Craxi abile manovratore e l’amico Cavaliere d’assalto alla conquista di tutto e di più, cassaforti economiche e antenne televisive.

‘Miracolo Italiano’ finchè il solito mariolo sprovveduto si lascia sorprendere con la marmellata tra le dita inceppando il meccanismo del giro vorticoso delle tangenti: ‘mani pulite’ fa il suo corso, a volte si ha l’impressione di due pesi e due misure, con scandalose manette fuori luogo per alcuni imputati e diversi suicidi, i giornali affondano la loro libidine nei titoli urlati, un giovane P.M. sceriffo, Di Pietro, si mette in bella mostra, per poi abbandonare platealmente la toga a fine processo ed entrare in politica. Come poi è andata è storia recente, perdurano terribili scorie insabbiate negli atri dello Stato, il martirio di Della Chiesa, di Falcone e di Borsellino è il prezzo amaro pagato. Con Monti, inizia una nuova stagione di responsabilità per un Italia in crisi canagliesca, austerità e risparmio, sacrifici enormi, ma i politici non mollano i loro privilegi, i giovani possono attendere, l’Italia mostra il lato peggiore della solidarietà: non se ne esce più, la speranza ha lasciato il posto allo sconforto.

Gianni Gigliotti
il Movimento
www.azioneriformista.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *